La prova finale

 

Il titolo di studio è conferito previo superamento di una prova finale.
La prova finale, obbligatoria, consiste nella presentazione di un elaborato di ampiezza contenuta, cui non si richiede carattere di originalità ma comunque la dimostrazione da parte dello studente di saper individuare un aspetto rilevante dell’esperienza di studio, e su questa esercitare la propria capacità espositiva e comunicativa.

La prova finale può svolgersi secondo le seguenti modalità:
a) presentazione di un elaborato scritto, relativo a una delle materie di studio;
b) presentazione di un elaborato scritto relativo a una esperienza formativa (tirocinio, stage, etc.) o di lavoro dello studente;
c) discussione di un elaborato presentato attraverso modalità multimediali, relativo a una delle materie di studio;
d) discussione di un elaborato presentato attraverso modalità multimediali, relativo ad esperienze formative (tirocini, stage, etc.) o di lavoro dello studente.

La discussione dell’elaborato avverrà in lingua italiana e in lingua inglese.
L’elaborato è sempre realizzato con la guida di un docente e completato da una sintesi nella lingua inglese.
La lunghezza dell’elaborato scritto deve essere compresa fra le 15 e le 25 pagine.Per quanto riguarda l’elaborato presentato attraverso modalità multimediali, esso deve sempre comunque essere accompagnato da una breve traccia scritta (ca. 3 pagine).

Alla prova finale vengono attribuiti 4 CFU, valore che appare congruo relativamente all’impegno del laureando per la predisposizione del lavoro e di una sintetica piattaforma bibliografica.
La prova finale viene giudicata da una Commissione, costituita da un minimo di 7 membri ad un massimo di 9 tra professori e ricercatori o altre figure previste dalla normativa vigente.
All’interno della Commissione, il docente relatore ha il compito di illustrare il lavoro che il candidato ha elaborato sotto la sua supervisione.
La Commissione attribuisce il voto di laurea e, contestualmente, i crediti previsti per la prova finale.
Il voto di laurea è espresso in centodecimi, con eventuale lode. Esso risulta dalla media ponderata degli esami sostenuti, trasposta in centodecimi, a cui si somma il punteggio attribuito alla prova finale.

La Commissione può assegnare alla prova un punteggio da 0 a 5 punti.
Solo per gli studenti immatricolati nell’A.A. 2012-2013 o precedenti, poiché inseriti in percorsi formativi in cui alla prova finale era assegnato un peso maggiore in termini di CFU, nel caso di prova finale che si distingua per il particolare valore della ricerca compiuta, la Commissione può assegnare un punteggio da 6 a 8 punti, a condizione che il relatore predisponga una relazione scritta e la consegni alla Presidenza almeno 3 giorni prima della data prevista per la discussione. Agli studenti che concludano il ciclo di studi entro la durata normale del Corso, sono assegnati 2 punti aggiuntivi. A tal fine, per gli studenti che, nel corso della carriera, abbiano effettuato un passaggio di Corso di studio, detto termine è comunque conteggiato a partire dall’anno accademico di immatricolazione.
Agli studenti che abbiano effettuato un soggiorno-studio nell’ambito del programma Erasmus+, o di altri programmi di mobilità internazionale, sono assegnati 2 punti aggiuntivi.
L’attribuzione della lode deve essere approvata dai membri della Commissione all’unanimità.
Il numero annuale degli appelli di laurea è pari a 5 (febbraio, aprile, luglio, ottobre, novembre).

Per le regole di impaginazione della tesi si consiglia di attenersi alle seguenti regole:
– interlinea 1;
– ampiezza del margine superiore: cm. 4;
– ampiezza dei margini laterali: cm. 2;
– carattere del corpo 12 per quanto riguarda il normale, corpo 14 per i titoli dei paragrafi,
corpo 16 per i titoli dei capitoli, corpo 10 per le note.

credits unica.it | accessibilità Università degli Studi di Cagliari
C.F.: 80019600925 - P.I.: 00443370929
note legali | privacy

Nascondi la toolbar