Biografie

 

Ieo, dae pitzinna minore, comente sos omines in naschitos tottu dopo, e ieo e Peddeddu, sos chi imus mannitos… e dae pizzinna minore, ieo… ite appo a esser tentu? Nove annos, otto o nove annos, ippo semper iffattu a Peddeddu, i’ sa campanna, a dare cara a sos voes, ca issu travallait, a bortas vocait sa cothichina e ieo, mi nariat: “Mi’, tue che la carras”, mi ‘nche la vocait issu e cando che l’it bocande mi nariat: “Carrachela a su carru”. E che la carrao a su carru.
Dae pizzinna minore ieo vocao su bestiamene e tottu cantu, poi cando ippo prus mannita mi poniat a marrare, babbu, mi poniat a gollire sos mannucros… tando a bortasa, si lassaini ispica, ieo mi ponio a… ispicare e… po narrere… i’ sa campanna.
I’ sa campanna, ippo sempere i’ sa campanna, e… fintzasa a pitzinna ‘e cojuare semper, non solu de atteru, ma a cando, babbu, ghettait, teniat sa vathica, ghettait su perdinzanu, ghettait basolu, ghettait onzi cosa e poi b’it s’arjola po… carrait su tricu, achiat unu barracu mannu, beh… custu barracu juchiat duos istabilese, in unu corcaimus, ca ieo corcao in ie….

Irgoli, 27 febbraio 2002, UR 1230 – USO 1191, lato A (estratto di un minuto e mezzo su 2 ore di intervista)
Rilevatrice: Livia Monne
Informatrice: Luisa, nata nel 1928

Traduzione

Io, da bambina piccola, siccome i maschi erano nati tutti dopo, e io e Peddeddu, quelli che eravamo grandetti… e da bambina piccola, io… quanto avrò avuto? Nove anni, otto o nove anni, ero sempre appresso a Peddeddu, nella campagna, a badare ai buoi, perché lui lavorava, a volte toglieva le radici delle piante da sottoterra e, io, mi diceva: “Mi’, tu le trasporti”, me le tirava fuori lui, quando le stava tirando fuori mi diceva: “portale al carro”. E le portavo al carro.
Da bambina piccola badavo al bestiame e tutto quanto, poi quando ero un po’ più grandetta mi metteva a zappare, babbo, mi metteva a raccogliere manipoli di spighe di grano…, allora, a volte, se lasciavano spighe, io mi mettevo a… spigolare e… per dire… nella campagna.
Nella campagna ero sempre nella campagna, e… sempre fino a ragazza grandetta, sempre, non solo di altro ma quando, babbo, seminava, aveva l’orto di meloni e angurie, seminava melanzane, seminava fagioli, seminava ogni cosa e poi c’era l’aia per… portava il grano, faceva una baracca grande, beh… questa baracca aveva due stabili, in uno coricavamo, perché io coricavo lì…

credits unica.it | accessibilità Università degli Studi di Cagliari
C.F.: 80019600925 - P.I.: 00443370929
note legali | privacy

Nascondi la toolbar