Ott 292019
 

The Medicines Discovery Catapult (MDC), representing a consortium of charities and global pharmaceutical companies (“Psychiatry Consortium”), is looking to identify novel research projects to accelerate drug-discovery in psychiatric diseases.

The Psychiatry Consortium wishes to fund projects of up to 3‑year duration (at £200k-£1M each) focussing on the identification and validation of novel drug targets to address the unmet therapeutic needs of people with mental health conditions. The Psychiatry Consortium will work collaboratively with successful researchers to develop the projects and provide, in addition to project funding, access to drug-discovery expertise and capabilities, through specialised CRO partners, commercial know-how and project management resources.

The Psychiatry Consortium wishes to fund research focusing on novel molecular targets, pathways and potential therapeutics for mental health conditions, including (but not restricted to) psychotic disorders, bipolar disorder, depression, anxiety, stress related disorders, PTSD, OCD, autism spectrum disorders as well as psychiatric symptoms associated with dementia and other cognitive disorders.

In order to be funded, successful projects will meet either or both of the following criteria:
– provide preliminary evidence that links the molecular target to human disease, with evidence that target modulation will have a therapeutic effect
– be using or developing tools that enable target validation e.g. “tool compounds” to improve selectivity, potency, or bioavailability, or biomarkers, assays, or models relevant to disease

The Psychiatry Consortium is not interested in funding:
• Projects focused on well-studied targets and pathways for psychiatry diseases
• Projects with advanced chemistry e.g. lead/candidate molecules already synthesised and requiring only in vivo PK studies, preclinical proof-of-concept studies or IND-enabling studies
• Non-pharmacological interventions

The Psychiatry Consortium will cover all eligible direct research costs associated with the project, including, for example, research funding for assay development, screening and medicinal/biopharmaceutical chemistry resources required to develop novel chemistry against the target, and salary support for the applicant themselves or for research staff as appropriate. The Psychiatry Consortium will not fund indirect costs, such as non-specific estimated costs, including estates costs, library costs, finance, legal and HR costs.

The first call for proposals is open to applicants from academic institutions and other research institutes worldwide. Closing date 22nd November 2019

Official website: https://md.catapult.org.uk/syndicates/psychiatry-consortium/

Ott 292019
 

Inospin, an Academia-Industry Partnering Network for Scientific Innovations, is currently working with a leading specialty pharmaceutical company, actively looking for innovative projects, solutions and technologies from academics and start-ups on neuron regeneration and functional recovery in chronic neurodegeneration.
Based on the level of interest within their research portfolio and strategic fit, the pharmacueutic company will enter into discussion with selected candidate(s), potentially leading to partnership agreements or important funding. In average, Inospin industrial partners spend between 100k and 200k USD on external collaboration.

The pharmaceutic company is specifically interested in:
– identifying a target that achieves neuron regeneration or axon regeneration over glia scar in animal models with chronic stroke, spinal cord injury, traumatic brain injury, temporal lobe epilepsy, glaucoma, hearing loss, and carpal tunnel syndrome.
– the functional recovery of animal model, such as motor function or seizure frequency.

The Pharmaceutic Company is NOT interested in cell transplantation therapy such as neuronal stem cells or iPS.

Submit your proposal by filling the word format document (it takes about 15 minutes) in a form and length that is sufficient to provide the substance of the proposal and its innovativeness. The applicant should also provide information about his or her critical knowledge that is applicable for the project and how that knowledge could be supplemented (i.e., what is additionally required to complete the project).
All proposals will be submitted to The Pharmaceutical Company Proponents that submit proposals of interest for The Pharmaceutical Company will be contacted within 8 weeks of submission to clarify additional details concerning the underlying science as well as intellectual property rights, timelines, etc.

The proposal must contain only non-confidential information. If your proposal is selected, the companies are open to complete a Confidentiality Disclosure Agreement (CDA).

Download the Submission Form – Pharma 2019

Info:
For more information about this program contact Claire Rochat | claire.rochat@Inospin.com | +41(0)225.483.553

Ott 172019
 

Il Ministero dello Sviluppo economico ha approvato il Programma di supporto alle tecnologie emergenti 5G  con l’obiettivo di realizzare progetti di sperimentazione, ricerca applicata e trasferimento tecnologico, basati sull’utilizzo delle tecnologie emergenti, quali Blockchain, Intelligenza Artificiale, Internet delle cose, collegate allo sviluppo delle reti di nuova generazione. Il Programma comprende un asse relativo a Progetti di ricerca e sviluppo.

A tale proposito, le Pubbliche amministrazioni, gli Enti pubblici, le Agenzie, gli Enti di ricerca e le Università potranno candidarsi per la realizzazione di specifici progetti di sperimentazione e ricerca, orientati all’utilizzo delle tecnologie emergenti, attuati attraverso la cooperazione tra più soggetti, in collaborazione con gli operatori titolari di frequenze utilizzabili per il 5G.

Possono presentare proposte progettuali Enti pubblici, Agenzie, Enti di ricerca e Università, in qualità di capofila proponente beneficiaria del finanziamento, con la partecipazione obbligatoria di almeno un Ente pubblico di ricerca o Università e un operatore privato da individuare tra:
– le imprese aggiudicatarie della procedura di gara per l’assegnazione di diritti d’uso delle frequenze nelle bande 3600-3800 MHZ e 26.5-27.5 GHZ
– le imprese titolari di autorizzazioni per la fornitura di reti e servizi di comunicazione elettronica accessibili al pubblico, che, alla data del presente avviso, siano titolari anche di un’autorizzazione per sperimentazioni 5G su bande di frequenze 5G diverse da quelle aggiudicate nella procedura di gara di cui al punto precedente.
È ammessa la co-partecipazione di ulteriori soggetti privati, quali PMI e start-up innovative, funzionali all’utilizzo di infrastrutture o servizi necessari all’attuazione del progetto.

I progetti oggetto di finanziamento in questo asse dovranno essere sostenibili e replicabili sul territorio nazionale. Il finanziamento potrà essere concesso fino ad un massimo dell’80% delle spese riconosciute ammissibili, e comunque per un importo non superiore ad 1 milione di euro per singolo progetto. Il progetto dovrà prevedere un budget di spesa non inferiore a euro 500.000 e avere una durata non inferiore a 12 mesi e non superiore a 24 mesi. La dotazione finanziaria è di 5 milioni di euro.

La Domanda di partecipazione, redatta secondo le modalità disposte dall’Avviso pubblico, dovrà essere inviata tramite posta elettronica certificata all’indirizzo PEC: dgscerp.div02@pec.mise.gov.it entro le ore 12:00 del 4 novembre 2019 oppure (qualora la domanda fosse così voluminosa da non permettere l’invio tramite PEC) con consegna a mano del plico completo di tutti gli allegati presso la Divisione II della DGSCERP del Ministero dello sviluppo economico, Viale America 201, 00144 Roma.

Il bando con relativi allegati è disponibile a questo link.

Informazioni:
Per assistenza nella presentazione della proposte è possibile rivolgersi a Unica Liaison Office, responsabile dott.ssa Orsola Macis, alla mail omacis@amm.unica.it o al numero 070 675 6502.
Giu 252019
 

Un’etichetta intelligente da applicare al packaging di un prodotto, capace di monitorarne le condizioni di conservazione sfruttando gli effetti della Luminescenza otticamente stimolata: è questa l’invenzione, sviluppata dal team composto dagli inventori Carlo Ricci, Daniele Chiriu e Carlo Maria Carbonaro del Dipartimento di Fisica e brevettata grazie al supporto di Unica Liaison Office, selezionata fra 119 candidati da 36 università e centri di ricerca per la prima edizione dell’Intellectual Property Award 2019.

L’appuntamento è il 26 giugno 2019 a Torino per la finale del concorso organizzato dall’Ufficio Italiano Brevetti e Marchi del MISE e dal Network per la valorizzazione della ricerca universitaria – NETVAL per valorizzare la creatività degli inventori di Università ed enti pubblici di ricerca italiani.

Nell’Aula Magna Politecnico di Torino, il prof. Ricci dovrà confrontarsi con gli altri due finalisti della macro-categoria ICT, Intelligenza Artificiale, IoT, Big Data, Logistica, Costruzioni presentando in un pitch la propria tecnologia. La commissione sceglierà per ciascuna delle due macro-aree un vincitore, al quale verrà attribuito il premio: 10.000 euro che l’ente di ricerca potrà utilizzare per la valorizzazione della tecnologia brevettata.

Durante la giornata si terrà anche il lancio ufficiale di Knowledgeshare, la piattaforma dei brevetti delle università e centri di ricerca italiani, che rappresenta un caso di best practice internazionale di trasferimento tecnologico per collegare l’innovazione nata dalla Ricerca pubblica al mondo industriale. Unica è presente al momento su Knowledgeshare con 19 brevetti.

I sei finalisti Intellectual Property Award 2019, suddivisi nelle due macro-aree, sono:

AREA: ICT, Intelligenza Artificiale, IoT, Big Data, Logistica, Costruzioni

  1. CIRCUITO DI RISOLUZIONE DI PROBLEMI MATEMATICI COMPRENDENTE ELEMENTI RESISTIVI
    Politecnico di Milano
  2. MATERIALE PER BLOCCHI ECOCOMPATIBILI E RELATIVO METODO
    Università degli Studi di Firenze
  3. DISPOSITIVO CONFORMATO AD ETICHETTA ATTO AD ESSERE APPLICATO SU UN OGGETTO PER MONITORARE L’ANDAMENTO NEL TEMPO DELLA TEMPERATURA DELL’OGGETTO, E PROCEDIMENTO PER DETTO MONITORAGGIO
    Università degli Studi di Cagliari

AREA: Life Science, dispositivi medicali, chimica

  1. NUOVA TECNICA DI IMAGING PLENOTTICO Università degli studi di Bari
  2. Metodo per separare e recuperare polietilene e alluminio da un materiale poliaccoppiato
    Università degli Studi di Bologna
  3. COMPOSIZIONE DI RIVESTIMENTO CON ATTIVITA’ ANTIMICROBICA E ANTISALINA
    Università degli Studi di Perugia

La vetrina dei brevetti di UNICA sulla piattaforma Knowledge Share

Il link al programma dell’evento e al form di registrazione

Mag 142019
 

Si può presentare entro il prossimo 7 giugno la domanda di partecipazione alla 15ma edizione del Premio Bernardo Nobile. Promosso da Area di Ricerca Scientifica e Tecnologica di Trieste – Area Science Park, il premio è suddiviso in tre riconoscimenti da € 2.500 ciascuno per tesi che diano risalto ai brevetti come fonte di informazione. Nello specifico, il Premio comprende un riconoscimento per una tesi di laurea magistrale, specialistica o del vecchio ordinamento; un riconoscimento per una tesi di dottorato di ricerca e infine un riconoscimento per una tesi di laurea magistrale, specialistica o del vecchio ordinamento oppure di dottorato di ricerca i cui risultati, studi e/o ricerche svolte abbiano portato al deposito di una domanda di brevetto o alla nascita di una nuova impresa.

Oltre a ciò, Area Science Park offre l’opportunità a 10 studenti universitari, per la preparazione della loro tesi, di usufruire di una ricerca di documentazione brevettuale, mirata e gratuita, per tutto il 2019.

A chi si rivolge
Può partecipare al Bando 2019 chi ha conseguito, da non più di tre anni al momento della scadenza del Bando stesso, la laurea magistrale, specialistica o del vecchio ordinamento oppure il titolo di dottore di ricerca presso un’università italiana, senza limitazioni di età o cittadinanza.

La scadenza per la presentazione delle domande di partecipazione è fissata a venerdì 7 giugno 2019.

Per maggiori informazioni e per scaricare il Bando e i file inerenti, la pagina di riferimento è www.areasciencepark.it/premionobile

Informazioni
email: formazione@areasciencepark.it
tel.: +39 040 375 5142 – 5309

credits unica.it | accessibilità Università degli Studi di Cagliari
C.F.: 80019600925 - P.I.: 00443370929
note legali | privacy

Nascondi la toolbar