Programmi

 

32/16/023 - TRADUZIONE LINGUA FRANCESE 1

Anno Accademico ​2018/2019

Docente
FABIO ​VASARRI (Tit.)
Periodo
Secondo Semestre ​
Modalità d'Erogazione
Convenzionale ​
Lingua Insegnamento
 ​


Obiettivi

Acquisire elevate competenze traduttive, con particolare riferimento alla traduzione di testi di diverse tipologie. Acquisire adeguate competenze terminologiche relative al lavoro editoriale. Saper valutare la validità di una o più traduzioni dello stesso testo e, eventualmente, fornirne una alternativa attuando scelte traduttive coerenti; riconoscere in un testo gli elementi linguistici e stilistici caratteristici dei linguaggi specialistici.

Prerequisiti

Padronanza delle lingue francese e italiana; elementi di teoria della traduzione.

Contenuti

Produzione di traduzioni dal francese (tipologie: narrativa e saggistica contemporanea, relazioni di viaggi in Sardegna).
La traduzione del gioco di parole: i casi di Michel Leiris e Jean Tardieu. Eco traduttore di Queneau.

Metodi Didattici

Lezioni frontali in aula, anche a carattere seminariale, con prove pratiche in itinere; discussione in aula sugli argomenti del corso e correzione collettiva delle prove in itinere.

Verifica dell'apprendimento

Colloquio orale sugli argomenti del corso e sulle letture critiche a scelta effettuate, inclusivo della discussione sulla traduzione scritta di un breve brano, concordato con il docente e corredato di commento traduttologico, da consegnarsi una settimana prima dell'appello.
Nel corso del colloquio lo studente dovrà dimostrare la conoscenza dei contenuti del corso, l'assimilazione e l’inquadramento storico-culturale delle letture effettuate e l’uso di una terminologia metalinguistica e traduttologica appropriata.
Il voto finale risulterà dalla media delle valutazioni del colloquio orale e delle traduzioni prodotte durante e alla fine del corso.

Testi

a) Raymond Queneau, Esercizi di stile, traduzione di Umberto Eco, nuova edizione a cura di Stefano Bartezzaghi, Torino, Einaudi, 2005 (ora anche nei Tascabili Einaudi).
b) un saggio a scelta tra i seguenti: Fabio Vasarri, Firmato Michel Leiris, in Tradurre è un’intenzione, a cura di Nicoletta Dacrema, Milano, Marcos y Marcos, 2013, pp. 133-159, oppure: Fabio Vasarri, Du tardivien au français et à l'italien, in Il teatro di Jean Tardieu, a cura di Anna Maria Babbi, Verona, Fiorini, 2016, pp. pp. 13-35.
c) Un saggio a scelta tra i seguenti:
Antoine Berman, L’épreuve de l’étranger, Paris, Gallimard, 1984 (in particolare le sezioni introduttive e conclusive, pp.11-42 e 279-305).
Antoine Berman, La traduction et la lettre, Paris, Seuil, 1999.
Umberto Eco, Dire quasi la stessa cosa. Esperienze di traduzione, Milano, Bompiani, 2003.
Jean-René Ladmiral, Sourcier ou cibliste, Paris, Les Belles Lettres, 2015, pp. 1-67 (introduzione e parte I).
Georges Mounin, Teoria e storia della traduzione, Torino, Einaudi, 1965 (e successive ristampe).
Teorie contemporanee della traduzione, a cura di Siri Nergaard, Milano, Bompiani, 1995.
Lawrence Venuti, The Translator’s Invisibility (1995); trad. it. L’invisibilità del traduttore, Roma, Armando, 1999.

Altre Informazioni

La frequenza alle lezioni è fortemente consigliata.
Ulteriori informazioni e chiarimenti saranno forniti nel corso delle lezioni.

credits unica.it | accessibilità Università degli Studi di Cagliari
C.F.: 80019600925 - P.I.: 00443370929
note legali | privacy

Nascondi la toolbar