Mag 272020
 

Giovedi 28 maggio 2020 con inizio alle ore 18:30. si terrà il terzo appuntamento del ciclo seminariale e CFU liberi sui diritti LGBT+ in Africa. Isabella Soi (Dipartimento di scienze politiche e sociali) parlerà della questione dei diritti LGBT+ negati in Kenya. A seguire la proiezione del film la proiezione del film Rafiki, di Wanuri Kahiumin, Kenya, 2018, v.o. kiswahili, s.t. italiano .
Per partecipare all’evento, su Microsoft Teams, cliccare qui.

Mag 252020
 

Martedì 26 maggio alle ore 18:30 si terrà il secondo appuntamento del ciclo seminariale e CFU liberi sui diritti LGBT+ in Africa. Isabella Soi (Dipartimento di scienze politiche esociali) parlerà della questione dei diritti LGBT+ negati in Uganda. A seguire la proiezione del film God Loves Uguanda, di Roger Ross Williams, USA 2013, 83 min., v.o.s.t. italiano.
Per partecipare all’evento, su Microsoft Teams, cliccare qui.

Feb 132020
 

Incontro con il regista e antropologo senegalese Joseph Gaye Ramaka

Martedi 18 febbraio Ore 10:00-13:00
Aula 5 , Palazzo Baffi, viale Sant’Ignazio n.74, CAGLIARI

Seminario con proiezione del film Et si Latif avait raison!
di Jo Gaye Ramaka, Senegal, 2005, 95’, wolof e francese, sottotitoli in italiano

Intervengono Nicola Melis e Isabella Soi ( Università di Cagliari), Kilap Gueye (Associazione Sunugaal)

In collaborazione con l’Associazione d’amicizia Sardegna-Senegal Sunugaal, nell’ambito del

Festival migrante Walyaan, V edizione

SINOSSI
Attraverso il suo gigantesco grido di indignazione il regista si chiede cosa resta del sogno nato all’indomani delle elezioni presidenziali del 19 marzo 2000 che portarono il Senegal alla prima alternanza politica del paese con l’elezione del terzo presidente della repubblica Abdoulaye Wade. Cosa resta di quella vittoria conquistata non senza sacrifici e grazie alla perseveranza, alla calma e alla lucidità di tutto un popolo? Omar Diop Blondin, Ibnou Diop, Omar Daff, Alhouseyni Cissé, sono morti invano?

JOSEPH GAY RAMAKA
Nato il 9 novembre 1952 a Saint Louis in Senegal, Joseph Gey Ramaka, regista e antropologo visuale, ha vinto numerosi premi in Europa e Stati Uniti, per le sue opere, poco numerose, ma di qualità.  Joseph Gaye Ramaka lavora come produttore e distributore di film coraggiosi e innovativi (è co-produttore della serie Africa dreaming e di Demain je brûle di Mohamed Ben Smaïl, e distributore di Jom di Ababacar Samb Makharam e di Mossane di Safi Faye).
Nel 1990 ha creato una casa di produzione in Francia Les Ateliers del’Arche e in seguito nel 98 ha creato la prima sala per la produzione digitale.Ha scritto numerose sceneggiature. Il suo terzo lungometraggio Et si Latif avait raison! vince il premio come miglior film documentario al festival Vues D’Afrique di Montreal. La sua mobilitazione nella lotta per la libertà di espressione lo ha portato a creare “The Audiovisual Observatory on Libertés” e insieme a Abdoulaye Diallo (regista Burkinabé) I Coordinamento Africano Audiovisivo per la democrazia (CAAD) nel 2006. Attualmente lavora e risiede a New Orleans , in Louisiana.

Nov 262019
 

Il 27 novembre presso l’Aula Magna Baffi alle 11.30 si terrà una Videoconferenza durante la quale verranno presentate le opportunità post-lauream offerte dal College of Europe.

Durante l’incontro verrà presentata l’offerta formativa del Collegio e illustrate la modalità di accesso ai Master. Si parlerà inoltre delle borse di studio disponibili a copertura totale o parziale.

 

Nov 152019
 

Il terzo seminario del ciclo seminariale a CFU liberi dal titolo Processi di cambiamento politico e sociale nel Vicino oriente contemporaneo, si svolgeràmarcoledì 20 novembre 2019, alle ore 16:30.

 

 

Nov 052019
 

Titolo dell’attività:

Processi di cambiamento politico e sociale nel Vicino oriente

Tipo di attività: Seminario
Docente organizzatore: Nicola Melis
Posta elettronica: nmelis@unica.it
Numero di crediti: Secondo quanto stabilito dal Consiglio diCdS
SSD SPS/13; L-OR/10; L-OR/12; L-OR/13
 

 

DOCENTI

1.     Gilbert Achcar, Soas – School of Oriental and African Studies, London

2.     Nesma Elsakaan, Università degli Studi di Palermo

3.     Fulvio Bertuccelli, Università di Firenze

4.     Valentina Marcella, Università di Napoli l’Orientale

5.     Sabrina Perra, Università di Cagliari

6.     Nicola Melis, Università di Cagliari

7.     Patrizia Manduchi, Università di Cagliari

8.     Alessandra Marchi, Università di Cagliari

 

 

 

Giorni, orari, aule:

Gilbert Achcar, Soas – School of Oriental and African Studies, London

D’un “printemps” à l’autre : révolution et contre-révolution dans le

monde arabe

Lunedì 11 novembre, ore 16:30

Aula Baffi, via S. Ignazio 74 Cagliari

 

Nesma Elsakaan, Università degli Studi di Palermo

I molti volti delle donne di Sharja

Giovedì, 14 novembre 2019, ore 16:00

Aula Salis, via Nicolodi, Cagliari

 

Fulvio Bertuccelli, Università di Firenze

La destra ‘islamista’ e la questione dell’egemonia culturale: lotta ideologica simboli e miti nella Turchia della Guerra Fredda (1960-1980)

Mercoledì, 20 novembre 2018, ore 17:00

Aula Magna, viale s. Ignazio 78, Cagliari

 

Valentina Marcella

Università di Napoli l’Orientale

Stampa e autoritarismo in Turchia: quando la satira raggira la censura

Venerdì, 22 novembre 2019, ore 17:00

Aula Magna, viale s. Ignazio 78, Cagliari

PREREQUISITI Non vi sono prerequisiti
 

 

Obiettivi formativi

Lo studente acquisirà una gamma di conoscenze sulla storia, la politica, la società e la cultura utili a meglio comprendere le travagliate dinamiche del presente mediorientale.

Inoltre, il ciclo di seminari mira a consentire l’acquisizione degli strumenti metodologici per comprendere un ambito segnato generalmente da stereotipi basati su un’impostazione eurocentrica e parziale

Contenuti Gilbert Achcar, Soas – School of Oriental and African Studies, London

Da una “primavera” all’altra: rivoluzione e controrivoluzione nelmondo arabo

Nesma Elsakaan, Università degli Studi di Palermo

I molti volti delle donne di Sharja

Fulvio Bertuccelli, Università di Firenze

La destra ‘islamista’ e la questione dell’egemonia culturale: lotta ideologica simboli e miti nella Turchia della Guerra Fredda (1960-1980)

Letture consigliate 1.     Nocera, L. La Turchia contemporanea. Roma, Carocci, 2011 ISBN:9788843060047

2.     Laura Guazzone. Storia contemporanea del mondo arabo. I Paesi arabi

3.     dall’impero ottomano ad oggi. Milano: Mondadori Università, 2017

4.     Haarmann, U. (a cura di). Storia del mondo arabo. Presentazione dell’edizione italiana di Francesco Alfonso Leccese. Torino, Einaudi, 2010 ISBN 9788806197629.-

– IX. H. Mejcher, L’Oriente arabo nel secolo XX (1914-1985).

– XI. Reinhard Schulze, Il mondo arabo contemporaneo (1986-2000).

Modalità di verifica finale Relazione scritta
Modalità e termini di iscrizione: Per l’iscrizione lo studente è tenuto a inviare una mail all’indirizzo elettronico nmelis@unica.it specificando nell’oggetto “CFU Processi di cambiamento” e fornendo nome, cognome, numero di matricola e CdS di appartenenza.
Altre informazioni utili: SI INFORMANO GLI STUDENTI CHE LE ISCRIZIONI TERMINERANNO IL GIORNO 11 NOVEMBRE
credits unica.it | accessibilità Università degli Studi di Cagliari
C.F.: 80019600925 - P.I.: 00443370929
note legali | privacy

Nascondi la toolbar