Programmi

 
Seleziona l'Anno Accademico:    2012/20132013/20142014/20152015/20162016/20172017/2018

20/43/219 - ANTROPOLOGIA DELLA MEMORIA E DEL PATRIMONIO

Anno Accademico ​2013/2014

Docente
TATIANA MARIA ANTONIA ​COSSU (Tit.)
Periodo
Secondo Semestre ​
Modalità d'Erogazione
Convenzionale ​
Lingua Insegnamento
 ​



Informazioni aggiuntive

CorsoPercorsoCFUDurata(h)
[20/43] ​ ​SCIENZE FILOSOFICHE E STORICO-FILOSOFICHE [43/00 - Ord. 2008] ​ ​PERCORSO COMUNE630
[20/44] ​ ​STORIA E SOCIETÀ [44/00 - Ord. 2008] ​ ​PERCORSO COMUNE630
Obiettivi

Fornire la conoscenza della formazione della nozione di patrimonio culturale, di beni materiali e immateriali, di paesaggio, e dello stato degli studi sui temi della memoria e del patrimonio nelle scienze sociali; consentire l’acquisizione di capacità di analisi critica dei processi storici, sociali e politici connessi alla costruzione sociale della memoria, del passato e del patrimonio.

Prerequisiti

Si richiedono le conoscenze di base etno-antropologiche, storiche e filosofiche acquisite in corsi universitari di primo livello.

Contenuti

Patrimoni culturali

I processi di semiotizzazione del passato e degli spazi sono propri di ogni tempo e di ogni luogo, sono una costante culturale necessaria alla nostra specie, ciò che muta sono le modalità e i contenuti di questi processi, i contesti e le dinamiche relazionali, sociali, politiche ed ideologiche che si innescano intorno ad essi, come gli incentivi e i disincentivi al ricordo che poteri, istituzioni o gruppi sociali introducono per legittimarsi nel passato e perpetuarsi nel futuro. Partendo da questa premessa, il corso vuole offrire un'analisi antropologica riflessiva sul rapporto fra luoghi, cose, memorie e passato, prestando particolare attenzione ai processi contemporanei di produzione di beni culturali, alle politiche e alle pratiche finalizzate alla costruzione di oggetti patrimoniali. Si esamineranno quindi i rapporti tra memoria e storia, e fra memoria e identità individuali e collettive, e i processi socio-culturali di costruzione del passato in relazione a quelli di oggettivazione e valorizzazione dei beni culturali e del paesaggio.

Metodi Didattici

Lezioni frontali

Verifica dell'apprendimento

Prova orale

Testi

1) Giulio Angioni, Fare, dire, sentire. L'identico e il diverso nelle culture, Nuoro, Il Maestrale, 2011, pp. 213-255, 267-286.

2) Bernardino Palumbo, L'Unesco e il campanile. Antropologia, politica e beni culturali in Sicilia orientale, Roma, Meltemi, 2003.

3) Fabio Dei, Antropologia e memoria. Prospettive di un nuovo rapporto con la storia, in "Novecento", 10, 2004 (2005), pp. 27-46; http://www.fareantropologia.it (Sezione "Dibattiti": violenza, memoria, testimonianza)

4) Tatiana Cossu, Immagini di patrimonio: memoria identità e politiche dei beni culturali, in "Lares. Quadrimestrale di studi demoetnoantropologici", LXXI,1, 2005, Firenze, 2007, pp. 41-56.

A scelta, una delle seguenti letture:
- Jan Assmann, La memoria culturale, Torino, Einaudi, 1997.
- Remo Bodei, La vita delle cose, Roma-Bari, Laterza, 2009.
- Maurice Halbwachs, La memoria collettiva, Milano, UNICOPLI, 2001
- Franco Lai, Nadia Breda (a cura di), Antropologia del "Terzo paesaggio", CISU, Roma, 2011.
- Irene Maffi (a cura di), Il patrimonio culturale, "Antropologia", anno 6, n. 7, Roma, Meltemi, 2006.
- Salvatore Settis, Paesaggio, Costituzione, cemento, Torino, Einaudi , 2010.

contatti | accessibilità Università degli Studi di Cagliari
C.F.: 80019600925 - P.I.: 00443370929
note legali | privacy