Programmi degli esami

 

SP/0055 - ANTROPOLOGIA CULTURALE

Anno Accademico ​2021/2022

Docente
FILIPPO MASSIMO ​ZERILLI (Tit.)
Periodo
Secondo Semestre ​
Modalità d'Erogazione
Convenzionale ​
Lingua Insegnamento
ITALIANO ​



Informazioni aggiuntive

CorsoPercorsoCFUDurata(h)
[2/59] ​ ​SCIENZE POLITICHE [59/20 - Ord. 2019] ​ ​Sociale954
Obiettivi

E' previsto che studenti e studentesse acquisiscano la capacità di discutere criticamente le principali nozioni dell'antropologia culturale (cultura, società, etnia, identità, diversità, relativismo, etnocentrismo ecc.) inquadrandole nelle vicende storiche e intellettuali che hanno portato alla loro elaborazione e trasformazione. Gli studenti e le studentesse dovranno altresì essere in grado di cogliere la specificità del punto di vista antropologico e dei principali metodi di ricerca del settore disciplinare con riferimento a specifici esempi etnografici.

Prerequisiti

Adeguate conoscenze scolastiche di carattere storico, filosofico, geografico, con particolare riferimento alle vicende coloniali e agli sviluppi del pensiero scientifico in epoca contemporanea.

Contenuti

Il corso è idealmente suddiviso in tre parti alla fine di ciascuna delle quali sono previste delle esercitazioni (scritte e/o orali) volte a verificare la qualità dell'apprendimento e a individuare eventuali criticità.
Nella prima parte (18 ore tra lezioni frontali e esercitazioni) ci si propone di chiarire e nel contempo problematizzare gli usi attuali di alcuni concetti base dell'antropologia culturale, tra i quali cultura, società, etnia, identità, diversità, tradizione, relativismo culturale, etnocentrismo, razzismo ecc., ormai largamente utilizzati nel dibattito pubblico e dunque entrati a far parte del senso comune.
Nella seconda parte del corso (18 ore tra lezioni frontali, esercitazioni e seminari) ci si soffermerà su alcune tappe fondamentali dello sviluppo del settore disciplinare a livello internazionale, con riferimento alle principali prospettive e paradigmi teorici dell’antropologia (evoluzionismo, diffusionismo, funzionalismo, strutturalismo, interpretativismo ecc.).
Nella terza parte del corso (18 ore tra lezioni frontali, esercitazioni e seminari) ci si soffermerà in modo specifico sulla tradizione di studi di antropologia politica, sottosettore dell'antropologia culturale volto a indagare il "potere" nelle sue diverse molteplici dimensioni, manifestazioni e articolazioni.

Metodi Didattici

Lezioni frontali con supporti multimediali (powerpoint, video), analisi collegiale di letture assegnate dal docente, esercitazioni (prove in itinere) per assicurare la qualità dell'apprendimento, possibili incontri seminariali con docenti invitati, eventuali esercitazioni del tutor.
Per soddisfare esigenze specifiche connesse alla crisi epidemiologica da Covid-19 e alla sua evoluzione, si prevede la possibilità che la didattica (lezioni, seminari, esercitazioni, prove in itinere), normalmente offerta in presenza, si avvalga anche di forme di interazione a distanza.

Verifica dell'apprendimento

Salvo variazioni imposte dall’evolversi della crisi epidemiologica da Covid-19, la verifica dell’apprendimento prevede, oltre alle esercitazioni riservate agli studenti e alle studentesse frequentanti, una prova finale scritta in presenza, strutturata nel seguente modo: i candidati e le candidate avranno un'ora e trenta minuti di tempo per rispondere a tre domande (a scelta su una rosa di quattro) riguardanti il programma d'esame. Entro due settimane i risultati verranno resi noti online sul sistema Esse3. Il voto attribuito può essere rifiutato. Non è prevista integrazione orale.
Nella valutazione la determinazione del voto finale, espresso in trentesimi, tiene conto dei seguenti elementi:
1. Precisione concettuale e terminologica nell'esposizione dei contenuti del corso e dei testi del programma d'esame in forma scritta (e orale per i soli frequentanti).
2. Capacità di analisi
3. Capacità di sintesi
4. Capacità di istituire collegamenti tra le diverse parti del programma e tra programmi di altri insegnamenti
5. Capacità di elaborazione critica dei contenuti e dei metodi
6. Capacità di sviluppare un ragionamento originale intorno ai contenuti e ai metodi
Le valutazioni tra 18 a 22 trentesimi rendono conto dell'acquisizione elementare di conoscenze di base relative ai contenuti e ai metodi. Lo/a studente/ssa mostra appena sufficienti o modeste capacità analitiche e di sintesi. Lo/a studente/ssa dimostra di aver compreso ma si esprime in maniera non del tutto appropriata, presenta lacune nella formazione e nella chiarezza concettuale e terminologica.
Le valutazioni tra 23 e 26 trentesimi rendono conto dell'acquisizione più che sufficiente delle conoscenze relative ai contenuti e ai metodi. Lo/a studente/ssa mostra buone capacità analitiche e di sintesi e si esprime in maniera appropriata e con chiarezza dal punto di vista concettuale e terminologico.
Le valutazioni tra 27 e 30 trentesimi rendono conto dell'acquisizione da molto buona a eccellente delle conoscenze relative ai contenuti e ai metodi. Lo/a studente/essa mostra da molto buone a eccellenti capacità analitiche e di sintesi e si esprime in maniera del tutto appropriata dal punto di vista concettuale e terminologico.

Testi

Barnard, Alan, Storia del pensiero antropologico, Bologna, Il Mulino, 2001.
Palumbo, Berardino, Lo sguardo inquieto. Etnografia tra scienza e narrazione, Bologna, Marietti, 2020.

Ulteriori letture verrano indicate durante il corso.

Altre Informazioni

La frequenza non è obbligatoria ma vivamente consigliata.

contatti | accessibilità Università degli Studi di Cagliari
C.F.: 80019600925 - P.I.: 00443370929
note legali | privacy