Magistrale

 

Insegnamenti previsti dal Corso di Studio

IN/0129 - GESTIONE INDUSTRIALE DELLA QUALITA'

Anno Accademico ​2019/2020

Docente
MOHAMAD ​EL MEHTEDI (Tit.)
Periodo
Secondo Semestre ​
Modalità d'Erogazione
Convenzionale ​
Lingua Insegnamento
ITALIANO ​


 ​ ​


Informazioni aggiuntive

CorsoPercorsoCFUDurata(h)
[70/85] ​ ​INGEGNERIA MECCANICA [85/00 - Ord. 2019] ​ ​PERCORSO COMUNE660
Obiettivi

Il corso offre uno spettro di principi, metodologie e tecniche sulle quali fondare azioni efficaci e coerenti per il miglioramento tecnico-economico di prodotti, processi e servizi nell'industria. Ogni strumento si colloca in uno dei quattro settori della Qualità: la Pianificazione, il Miglioramento, il Controllo, l'Assicurazione.
L'enfasi va ai metodi quantitativi, più utili per i ruoli aziendali di ingegneri meccanici. Nella Pianificazione Qualità si introducono i principali concetti della teoria di gestione aziendale del Total Quality Management, quali la dialettica produttore/consumatore, la soddisfazione utente, la gestione per processi, e si presenta il metodo del QFD "Quality Function Deployment" e casa della Qualità per l'identificazione delle caratteristiche di prodotto in grado di soddisfare i bisogni degli utenti. La Filosofia delle Six-Sigma applicata sul prodotto e sul processo. Nel settore del "Miglioramento Continuo" viene trattata la metodologia del "Design of Experiments", basata sulla statistica sperimentale, essenziale per ottimizzare e/o innovare prodotti e processi industriali. Nel settore del controllo Qualità si introducono le "carte di controllo" per la verifica in linea della stabilità nel tempo dei processi produttivi, l'analisi di "capacità di processo" per la verifica del rispetto delle specifiche di prodotto, e i "piani di campionamento" per il controllo campionario dei lotti di produzione. Meno enfasi sarà data al settore "Assicurazione Qualità", mettendo in guardia lo studente sul fatto che la cosiddetta "Certificazione Qualità" è uno strumento di fatto formale, incapace di elevare il livello tecnico-economico dei prodotti.
Al termine del corso, per ogni ambito della disciplina, lo studente dovrà essere in grado di sviluppare le seguenti abilità.
Pianificazione della Qualità: individuare i bisogni utente e le caratteristiche di qualità di prodotti/processi/servizi; eseguire l'analisi QFD; descrivere i processi con diagrammi di flusso; applicare l'analisi di processo; proporre azioni di re-ingegnerizzazione.
Miglioramento della Qualità: pianificare esperimenti programmati completi e ridotti su prodotti/processi; analizzare gli esperimenti evidenziando i risultati importanti; calcolare gli effetti dei fattori sperimentali e valutarne la significatività statistica; stimare modelli di previsione della risposta; verificare la normalità delle risposta; costruire un grafico di probabilità normale; eseguire l'analisi dei residui; ottimizzare la risposta sperimentale; determinare i livelli dei fattori in grado di ridurre l'entità dell'errore sperimentale; pianificare piani fattoriali ridotti; determinare la struttura di confondimento e la risoluzione di piani fattoriali ridotti.
Controllo della Qualità: progettare carte di controllo per variabili (Xmedio-R); analizzare carte di controllo per variabili; calcolare e diagrammare la curva di caratteristica operativa di carte di controllo per variabili; progettare carte di controllo per attributi di tipo np, p, c, u; analizzare carte di controllo per attributi; calcolare e diagrammare la curva di caratteristica operativa di carte di controllo per attributi; calcolare indici di capacità di processo potenziale(Cp) ed effettiva (Cpk); calcolare il tasso di scarti del processo; calcolare l'intervallo di fiducia dell'indice di capacità di processo potenziale; progettare piani di campionamento singoli per attributi (con metodo analitico, con nomogramma); calcolare e diagrammare la curva di caratteristica operativa di piani di campionamento singoli per attributi; calcolare e diagrammare le prestazioni di piani di campionamento singoli per attributi(AOQ, ATI, ASN); applicare i concetti di base dei piani di campionamento doppi e sequenziali; progettare un sistema di campionamento (piano normale, ridotto e rinforzato) usando le tabelle della norma MIL STD 105E; progettare piani di campionamento usando le tabelle Dodge-Romig.

Prerequisiti

Lo studente dovrà possedere una preparazione di base sui principali concetti e strumenti della probabilità e della statistica. Dovrà avere una sufficiente padronanza su: calcolo delle probabilità, variabili casuali discrete e continue e relative distribuzioni di probabilità (funzione di densità, funzione di distribuzione cumulativa), statistiche campionarie, misure di tendenza centrale e di dispersione sul campione. Inoltre dovrà comprendere le rappresentazioni probabilistiche di variabili osservate empiricamente; comprendere la differenza tra popolazione e campione statistici; eseguire calcoli di tendenza centrale e variabilità su popolazioni e campioni; utilizzare rappresentazioni grafiche opportune per sintetizzare i dati campionari; conoscere le distribuzioni statistiche più importanti e i fenomeni tipici che esse rappresentano; eseguire calcoli di probabilità utilizzando le tavole statistiche di base o Excel; eseguire i principali test statistici sui parametri; calcolare intervalli di fiducia dei parametri; determinare il numero di elementi del campione necessario a realizzare una misura con precisione e affidabilità date; adattare modelli di regressione lineare a dati campionari con una o più variabili indipendenti; analizzare criticamente la significatività delle stime dei parametri e la bontà del modello; eseguire l'analisi della varianza sul modello.

Contenuti

Argomenti del corso

Parte 1. Concetto di "qualità" e sua evoluzione storica. Qualità nei prodotti, nei processi, nei servizi. Total Quality Management (TQM). Modelli di eccellenza. Approccio per processi. Assicurazione qualità. Norme della serie ISO 9000. Affidabilità dei componenti e dei processi. Strumenti per il controllo statistico del processo.
Lezioni: 10 ore.
Esercitazioni in aula: 2 ore.

Parte 2. Pianificazione della Qualità. Quality Function Deployment (QFD). La filosofia SIX-sigma e analisi FMEA.
Lezioni: 8 ore.
Esercitazioni: 2 ore.

Parte 3. Sperimentazione industriale per il miglioramento continuo di prodotto/processo. Principi della pianificazione sperimentale: variazione, casualizzazione, ripetizione, controllo. Modellizzazione dellesperimento: fattori, livelli, risposte. Piani fattoriali completi.
Lezioni: 8 ore.
Esercitazioni in aula: 4 ore.
Laboratorio informatico: 4 ore.

Controllo Qualità. Carte di controllo per variabili e per attributi: analisi e progetto. Tolleranze di progetto e tolleranze naturali; indici di capacità di processo. Piani di campionamento per attributi. Piani semplici, doppi e sequenziali. Normativa MIL STD 105E. Piani Dodge-Romig.
Lezioni: 14 ore.
Esercitazioni in aula: 4 ore.
Laboratorio informatico: 4 ore.

Totale ore: 60.
Crediti corrispondenti: 6.

Metodi Didattici

Lezioni frontali: 40 ore.
Esercitazioni in aula: 12 ore.
Laboratori informatici: 8 ore.

Verifica dell'apprendimento

Lesame consiste in una prova scritta e in una orale. Nella prova scritta lo studente dovrà rispondere a 5 quesiti/esercizi relativi ai contenuti dellintero corso (6 punti ogni domanda). Può essere richiesta anche la soluzione di problemi specifici. Lo studente è ammesso alla prova orale al raggiungimento della votazione 18/30 alla prova scritta. La prova scritta è propedeutica per laccesso alla prova orale. La prova orale permetterà di verificare il livello di preparazione mostrato nello scritto.
Lo studente dovrà dimostrare di conoscere ad applicare i metodi per la gestione industriale della Qualità, con particolare riferimento alla scelta degli strumenti appropriati in funzione della specifica tipologia di produzione da realizzare o del servizio da offrire. Saranno anche valutati aspetti quali la padronanza del linguaggio tecnico e la chiarezza di esposizione degli argomenti trattati. Inoltre, sarà necessario dimostrare la capacità di utilizzare appropriatamente le conoscenze acquisite nella risoluzione di problemi complessi.
Sono valutate la capacità di affrontare autonomamente gli argomenti trattati applicando le metodologie e gli strumenti propri della materia, la chiarezza di esposizione, la padronanza del linguaggio tecnico.
Il voto sarà assegnato considerando la valutazione ottenuta in entrambe le prove, la prova scritta pesa su venti punti mentre lorale, che può essere integrata nella prova scritta, pesa per 10 punti, per un totale di 30. La votazione minima, pari a diciotto punti, sarà conseguita dagli studenti che dimostrino sufficiente capacità nel rispondere a tutti i quesiti formulati. La votazione massima, pari a trenta punti con lode, sarà attribuita agli studenti che abbiano dimostrato la completa padronanza della materia, esposta in piena autonomia e con linguaggio tecnico adeguato.

Testi

D. C. Montgomery, Controllo statistico della qualità, 2000, Mc Graw-Hill.
R. Levi, G. Vicario, "Statistica e Probabilità per Ingegneri", II edizione, 2001, Ed. Esculapio, Bologna.
F. Franceschini INGEGNERIA DELLA QUALITA' - Applicazioni ed esercizi - III edizione, CLUT editrice.

Altre Informazioni

Allo studente viene fornito vario materiale didattico: lucidi di alcune lezioni, tavole statistiche, varie tabelle su progettazione degli esperimenti, carte di controllo e piani di campionamento.

 

Obiettivi di Apprendimento – Percorso 2020-2021

 

 

 

credits unica.it | accessibilità Università degli Studi di Cagliari
C.F.: 80019600925 - P.I.: 00443370929
note legali | privacy

Nascondi la toolbar