Magistrale

 

Insegnamenti previsti dal Corso di Studio

IA/0073 - GESTIONE DI SISTEMI INDUSTRIALI

Anno Accademico ​2019/2020

Docente
MARIA TERESA ​PILLONI (Tit.)
Periodo
Primo Semestre ​
Modalità d'Erogazione
Convenzionale ​
Lingua Insegnamento
ITALIANO ​


 ​ ​


Informazioni aggiuntive

CorsoPercorsoCFUDurata(h)
[70/85] ​ ​INGEGNERIA MECCANICA [85/00 - Ord. 2019] ​ ​PERCORSO COMUNE660
Obiettivi

Gli obiettivi formativi sono quelli di fornire allo studente competenze gestionali nel settore degli impianti industriali a far acquisire allo studente una serie di conoscenze e competenze nel campo dell''impiantistica industriale. I risultati attesi sono, in particolare, i seguenti:
o conoscenza delle principali categorie di impianto industriale e delle relative problematiche;
o acquisizione dei criteri di base relativi alla gestione degli impianti industriali;
o acquisizione dei metodi che consentono di valutare l'errore commesso nella previsione di una grandezza con riferimento applicativo alle tematiche e alle problematiche degli impianti industriali;
o acquisizione dei metodi che consentono di effettuare la previsione di una grandezza con riferimento applicativo alle tematiche e alle problematiche degli impianti industriali;
o acquisizione degli strumenti base relativi ai parametri affidabilistici di principale impiego in campo industriale: affidabilita', disponibilita', tasso di guasto, tempo medio fra i guasti, tempo medio di riparazione, etc..
o acquisizione degli strumenti base relativi ai metodi per la individuazione dei guasti
o acquisizione degli strumenti base relativi ai metodi per la analisi dei guasti
o acquisizione dei metodi su cui si basano le principali strategie manutentive e loro vantaggi e svantaggi
o conoscenza degli strumenti che consentono di effettuare l’analisi dei costi di un impianto industriale sia con il metodo basato sui centri di costo, sia su quello basato sulle tecniche ABC.

Prerequisiti

Concetti base di analisi matematica.

Contenuti

Il corso si apre con lillustrazione delle principali tipologie e categorie di impianti industriali e con la descrizione dei metodi di classificazione.
Segue parte del corso riguardante le previsioni (della domanda, di una voce di costo, o di qualsiasi altra grandezza) sul breve e sul lungo periodo. Vengono esposte le principali metodologie per la valutazione dell'errore commesso nell'effettuare una previsione ed illustrati i principali modelli impiegati: domanda dell'ultimo periodo, media mobile, media aritmetica, metodo dello smorzamento esponenziale semplice e modelli non lineari.
Il corso prosegue con lezioni incentrate sulle tematiche dei guasti industriali: vengono esposti i principali parametri affidabilistici di impiego industriale (affidabilità, disponibilità, tasso di guasto, MTBF, MTTR, etc..), viene illustrata la curva che lega la affidabilità di un componente semplice al suo tasso di guasto e vengono ricavati poi i parametri affidabilistici di sistemi piu' o meno complessi a partire dai valori corrispondenti degli elementi di base. Si considerano a tal riguardo, sistemi disposti in serie, in parallelo con ridondanza totale e parziale, sistemi a ponte e sistemi complessi.
Vengono quindi illustrati i metodi per la individuazione di un guasto e per la analisi delle cause che lo generano. Nell'ultima parte di questo argomento, vengono illustrate le principali strategie manutentive ed i criteri per una loro scelta.
Nella terza parte del corso vengono illustrate le principali classificazioni relative ai costi industriali: costi fissi e costi variabili, costi diretti e costi indiretti e loro sotto classificazioni.
Vengono illustrati modelli economici lineari e non lineari basati sulle curve costi/ricavi in funzione del livello produttivo. Vengono infine spiegati i metodi di analisi dei costi basati sui centri di costo e sulla analisi ABC.
Ove possibile, sono previste anche visite in impianto durante le quali vengono illustrate le specificità delle realtà produttive visitate. Sono altresì previsti seminari e incontri con rappresentanti della realtà industriale locale dove vengono evidenziate le problematiche specifiche e sottolineate le connessioni con gli argomenti trattati nel corso.

Metodi Didattici

40 ore di lezione frontale, 20 ore di esercitazione.

Verifica dell'apprendimento

La verifica dell'apprendimento durante il corso viene effettuata mediante due prove in itinere in forma scritta. Ogni prova consta di quattro quesiti tra esercizi e domande di teoria in forma scritta. Gli esercizi sono della stessa tipologia delle numerose esercitazioni svolte durante il corso e riguardano tutti gli argomenti trattati durante il corso.
Per il superamento del test, è necessario che almeno tre prove su quattro siano sufficienti. In caso due prove risultino non sufficienti, l’esame non è superato. A ciascuna prova in itinere viene assegnato un voto (calcolato come media aritmetica dei voti riportati nei 4 quesiti) e il voto finale viene calcolato come media delle due prove in itinere effettuate durante il corso. Se una delle due prove non viene superata, lo studente deve sostenere l’esame intero.
Per chi non sostiene l'esame mediante le prove intermedie, l'esame consta di una prova scritta che comprende, anche in questo caso, quattro quesiti tra esercizi e domande di teoria in forma scritta.
Nelle singole prove, per avere la sufficienza, è necessario che lo studente dimostri di avere acquisito le conoscenze di base degli argomenti trattati, che sappia risolvere dei casi pratici applicativi sulle varie tematiche affrontate, che dimostri di avere acquisito proprietà di linguaggio, e che dimostri di saper ragionare.

Testi

• Arrigo Pareschi “Impianti Industriali” – Progetto Leonardo
• Paolo Brandimarte, Giulio Zotteri “Logistica di distribuzione”, CLUT
• L. Furlanetto, M. Garetti, M. Macchi, “Principi generali di gestione della manutenzione”, F. Angeli
• L. Furlanetto, M. Garetti, M. Macchi, “Ingegneria della manutenzione”, F. Angeli
• R.N. Anthony, D.F. Hawkins, D.M. Macrì, K.A. Merchant “Analisi dei costi, McGraw-Hill
• Slide fornite dal docente

Altre Informazioni

Il principale strumento a supporto della didattica è costituito dalle slide preparate dal docente e proiettate durante le lezioni. Le slide sono rese disponibili agli studenti immediatamente all'inizio del corso, in maniera che essi possano seguire le lezioni avendo sotto gli occhi le slide che via via vengono proiettate. Le esercitazioni vengono svolte in aula in gruppo con gli studenti, i quali vengono seguiti passo passo nella soluzione dei problemi proposti. Sono inoltre disponibili sul sito del docente diversi esempi di compiti d'esame, così come è reso disponibile sul sito tutto il materiale fornito dal docente agli studenti.
Le slides proiettate a lezione sono disponibili sul sito del docente (http://people.unica.it/mariateresapilloni/).

 

Obiettivi di Apprendimento – Percorso 2020-2021

 

 

 

credits unica.it | accessibilità Università degli Studi di Cagliari
C.F.: 80019600925 - P.I.: 00443370929
note legali | privacy

Nascondi la toolbar