Insegnamenti

 

32/19/008 - LINGUISTICA ITALIANA

Anno Accademico ​2018/2019

Docente
MAURIZIO ​TRIFONE (Tit.)
Periodo
Secondo Semestre ​
Modalità d'Erogazione
Convenzionale ​
Lingua Insegnamento
 ​



Informazioni aggiuntive

CorsoPercorsoCFUDurata(h)
[32/19] ​ ​LINGUE E CULTURE PER LA MEDIAZIONE LINGUISTICA [19/00 - Ord. 2011] ​ ​PERCORSO COMUNE630
Obiettivi

A) Conoscenza e capacità di comprensione
I laureati dovranno:
1) conoscere adeguatamente la lingua italiana e gli strumenti linguistici e filologici funzionali ai processi di comunicazione e all'analisi dei testi;
2) conoscere i principi e i concetti propri dell'analisi metalinguistica, dell'apprendimento linguistico e dei processi comunicativi.

B) Capacità di applicare conoscenza e comprensione
I laureati dovranno essere in grado di effettuare analisi e sintesi delle problematiche linguistiche, specialmente in ambito di contatto interlinguistico.

C) Autonomia di giudizio
I laureati dovranno essere in grado di individuare e raccogliere informazioni aggiuntive per conseguire una maggiore consapevolezza.

D) Abilità nella comunicazione
I laureati dovranno essere in grado di comunicare in maniera efficace informazioni e idee, di discutere problemi e soluzioni, di scegliere la forma e il mezzo di comunicazione adeguati all'interlocutore, sia specialista che non specialista.

E) Capacità di apprendere
I laureati dovranno:
1) avere la capacità di attingere a diverse fonti bibliografiche, sia in italiano che in lingua straniera, al fine di acquisire nuove competenze;
2) avere la capacità di apprendimento necessaria ad intraprendere studi successivi, come corsi di laurea magistrale.

Prerequisiti

Per frequentare proficuamente l’insegnamento lo studente deve possedere le seguenti conoscenze:
nozioni di base di grammatica italiana.

Contenuti

Il corso ha per oggetto il lessico dell’italiano.
Argomenti del corso:
- la nozione di lessico;
- i meccanismi della formazione delle parole: prefissazione, suffissazione, composizione, alterazione, formazione parasintetica;
- l’evoluzione semantica delle parole (neologismi semantici);
- i forestierismi (francesismi, anglicismi, ispanismi, germanismi, arabismi, ecc.) e i tipi di prestito (prestiti integrali, prestiti adattati, calchi semantici, calchi traduzione, ecc.);
- le parole di origine latina: parole di tradizione popolare e parole dotte (latinismi);
- il lessico del latino volgare;
- i regionalismi e i dialettalismi;
- i registri linguistici (parole colloquiali, letterarie, tecnico-specialistiche, ecc.);
- i rapporti di senso tra le parole (sinonimi, analoghi, iperonimi, iponimi, antonimi, inversi, ecc.);
- fenomeni di lessicalizzazione e grammaticalizzazione;
- le unità lessicali superiori;
- i dizionari dell’italiano;
- il vocabolario fondamentale o di base.

Metodi Didattici

L’insegnamento si svolgerà con lezioni frontali che prevedono il continuo coinvolgimento dello studente con domande orali e con esercitazioni scritte.
Delle 30 ore di insegnamento 24 ore saranno per le lezioni frontali e 6 ore per le esercitazioni sui temi affrontati nel corso delle lezioni.

Verifica dell'apprendimento

La valutazione dello studente prevede una prova orale e avviene tramite un colloquio in cui lo studente deve dimostrare la conoscenza dei concetti relativi ai temi del corso e la capacità di saper applicare tali conoscenze nell’analisi di testi concreti. Inizialmente allo studente verrà fatta una domanda di carattere generale per valutare anche la sua capacità di esporre e di argomentare. Successivamente si faranno domande più analitiche per verificare la profondità della preparazione e al tempo stesso la capacità di ragionare su fenomeni linguistici.

Testi

M. Aprile, Dalle parole ai dizionari, Il Mulino, Bologna, 2006.
M. Dardano, Nuovo manualetto di linguistica italiana, Zanichelli, Bologna, 2005 (va bene qualsiasi anno di edizione).
Del volume di Dardano andranno svolti soltanto i seguenti argomenti: Morfologia derivativa o formazione delle parole (paragrafi 3.3-3.3.5); Il lessico (capitolo 6); La semantica (capitolo 7); La sociolinguistica (capitolo 9); Il lessico del latino volgare (paragrafo 10.9); L’italiano e i dialetti (capitolo 11).

PER GLI STUDENTI NON FREQUENTANTI ANCHE:
F. Avolio, I dialettalismi dell’italiano, in Storia della lingua italiana, vol. III, Le altre lingue, a cura di L. Serianni e P. Trifone, Einaudi, Torino, 1994, pp. 561-595.
P. Zolli, Le parole straniere, seconda edizione a cura di F. Ursini, Zanichelli, Bologna, 1991.

Altre Informazioni

A sostegno della didattica saranno forniti agli studenti chiarimenti su dubbi e problemi nell''orario di ricevimento del docente

credits unica.it | accessibilità Università degli Studi di Cagliari
C.F.: 80019600925 - P.I.: 00443370929
note legali | privacy

Nascondi la toolbar