Insegnamenti

 

60/57/12 - ECOLOGIA

Anno Accademico ​2014/2015

Docente
MARIA CRISTINA ​FOLLESA (Tit.)
Periodo
Secondo Semestre​
Modalità d'Erogazione
Convenzionale​
Lingua Insegnamento




Informazioni aggiuntive

CorsoPercorsoCFUDurata(h)
[60/57] ​ ​BIOLOGIA [57/00 - Ord. 2012] ​ ​PERCORSO COMUNE868
Obiettivi

L’obiettivo del corso è l’acquisizione di conoscenze sull'ambiente fisico in cui vivono gli organismi e sulle relazioni che intercorrono tra gli organismi e tra questi e l’ambiente.

Prerequisiti

Nozioni di base di biologia generale, botanica, zoologia, chimica inorganica e organica, biochimica, genetica e statistica.

Contenuti

INTRODUZIONE ALL’ECOLOGIA
Definizioni di Ecologia e in ecologia (popolazione, comunità, ecosistema, bioma, biosfera). Approcci allo studio e Piano Sperimentale - Esempi di studi ecologici.
BIOSFERA E BIOMI
Definizione e caratteristiche della biosfera. Definizione di bioma. Modelli climatici su grande, media e piccola scala. Modelli temporali. Fattori che influenzano la distribuzione delle specie. Il concetto di forma biologica dominante. I biomi terrestri.
L’AMBIENTE FISICO
L’ambiente acquatico: il ciclo dell’acqua, caratteristiche fisiche dell’acqua, illuminazione, temperatura, l’acqua come solvente, Ossigeno disciolto, Anidride carbonica. Adattamenti degli organismi all’ambiente. Gli ecosistemi acquatici. Gli ambienti marini: i fondali, la suddivisione degli ambienti marini. Metodologie e strumenti di campionamento in ambiente marino. L’ambiente terrestre: condizionamenti degli organismi. Distribuzione verticale della luce. Suolo.
L’ECOSISTEMA
Definizione e componenti dell’ecosistema. Tipi di sistema (aperto, chiuso, isolato). Modelli di studio: approccio olistico e meristico. Obiettivi dell’ecologia degli ecosistemi. Caratteristiche dell’ecosistema (struttura generale, funzioni, dimensioni spaziali, organizzazione, flussi di energia, produzione primaria, secondaria, decomposizione, struttura trofica, catene, reti e piramidi alimentari, livelli trofici, catena del pascolo e del detrito).
I CICLI BIOGEOCHIMICI
Macronutrienti e micronutrienti. Generalità sui cicli biogeochimici: definizione, pool di scambio e pool di riserva, cicli gassosi e sedimentari. I cicli dell’azoto, carbonio, fosforo e zolfo. Interazioni tra i cicli. Eutrofizzazione, piogge acide ed effetto serra.
LE COMUNITA’ BIOLOGICHE
Significati: comunità definita nello spazio e sulla base delle interazioni. omunità chiusa e aperta. Struttura delle comunità: analisi dei gradienti e ordination. Legge del minimo (Liebig) e fattori limitanti. Legge di Shelford e limiti di tolleranza. La Nicchia Ecologica: Significati di habitat e nicchia. Nicchia di ipervolume o multidimensionale. Parametri della nicchia ecologica. Interazioni interspecifiche: Neutralismo, competizione, amensalismo, predazione, commensalismo, protocooperazione e mutualismo. Meccanismi difensivi, mimetismo criptico, colorazione aposematica, mimetismo batesiano e mulleriano. Biodiversità. Stabilità e struttura della comunità. Evoluzione degli ecosistemi.
DINAMICA DI POPOLAZIONE
Definizione di popolazione. Caratteristiche di una popolazione: dimensione, densità, dispersione spaziale (casuale, uniforme e aggregata), distribuzione per età (le piramidi dell’età). La dimensione: natalità, immigrazione, mortalità, emigrazione. Tavole di mortalità. Le curve di sopravvivenza. Ciclo biologico. Specie iteropare e semelpare. Tipi di accrescimento: esponenziale e logistico. Capacità portante e potenziale biotico. Strategie r e K .Fattori che limitano l’accrescimento di una popolazione. Effetti della competizione intraspecifica su una popolazione.
Laboratorio
Rilievo di parametri mesologici - Stima della produzione primaria - Studio del macrozoobenthos

Metodi Didattici

Didattica frontale e di laboratorio
Lezioni frontali (7 CFU; 56 ore), Laboratorio (1 CFU; 12 ore.

Verifica dell'apprendimento


Giudizio finale
Il voto finale tiene conto di vari fattori:
Qualità delle conoscenze, abilità, competenze possedute e/o manifestate:
a) appropriatezza, correttezza e congruenza delle conoscenze
b) appropriatezza, correttezza e congruenza delle abilità
c) appropriatezza, correttezza e congruenza delle competenze
Modalità espositiva:
a) Capacità espressiva;
b) Utilizzo appropriato del linguaggio specifico della disciplina;
c) Capacità logiche e consequenzialità nel raccordo dei contenuti;
d) Capacità di collegare differenti argomenti trovando i punti comuni e istituire un disegno generale coerente, ossia curando struttura, organizzazione e connessioni logiche del discorso espositivo;
e) Capacità di sintesi anche mediante l’uso del simbolismo proprio della materia e l’espressione grafica di nozioni e concetti, sotto forma per esempio di formule, schemi, equazioni.
Qualità relazionali:
Disponibilità allo scambio e all’interazione con il docente durante il colloquio.
Qualità personali:
a) spirito critico;
b) capacità di autovalutazione.

Di conseguenza, il giudizio può essere:
a) Sufficiente (da 18 a 20/30)
Il candidato dimostra poche nozioni acquisite, livello superficiale, molte lacune. capacità espressive modeste, ma comunque sufficienti a sostenere un dialogo coerente; capacità logiche e consequenzialità nel raccordo degli argomenti di livello elementare; scarsa capacità di sintesi e capacità di espressione grafica piuttosto stentata; scarsa interazione con il docente durate il colloquio.
b) Discreto (da 21 a 23/30)
Il candidato dimostra discreta acquisizione di nozioni, ma scarso approfondimento, poche lacune; capacità espressive piú che sufficienti a sostenere un dialogo coerente; accettabile padronanza del linguaggio scientifico; capacità logiche e consequenzialità nel raccordo degli argomenti di moderata complessità; più che sufficiente capacità di sintesi e capacità di espressione grafica accettabile.
c) Buono (da 24 a 26)
Il candidato dimostra un bagaglio di nozioni piuttosto ampio, moderato approfondimento, con piccole lacune; soddisfacenti capacità espressive e significativa padronanza del linguaggio scientifico; capacità dialogica e spirito critico ben rilevabili; buona capacità di sintesi e capacità di espressione grafica piú che accettabile.
d) Ottimo (da 27 a 29)
Il candidato dimostra un bagaglio di nozioni molto esteso, ben approfondito, con lacune marginali; notevoli capacità espressive ed elevata padronanza del linguaggio scientifico; notevole capacità dialogica, buona competenza e rilevante attitudine alla sintesi logica; elevate capacità di sintesi e di espressione grafica.
e) Eccellente (30)
Il candidato dimostra un bagaglio di nozioni molto esteso e approfondito, eventuali lacune irrilevanti; elevate capacità espressive ed elevata padronanza del linguaggio scientifico; ottima capacità dialogica, spiccata attitudine a effettuare collegamenti tra argomenti diversi; ottima capacità di sintesi e grande dimestichezza con l’espressione grafica.
La lode si attribuisce a candidati nettamente sopra la media, e i cui eventuali limiti nozionistici, espressivi, concettuali, logici risultino nel complesso del tutto irrilevanti.

Testi

Smith T.M e Smith R.L. ELEMENTI DI ECOLOGIA Pearson.
Cunningham W.P., Cunningham M.A. e Saigo B.W. FONDAMENTI DI ECOLOGIA Edizione Italiana a cura di A. Basset A. e Rossi L. MCGRAW-HILL.
Odum E.P. e Barrett G.W. FONDAMENTI DI ECOLOGIA Piccin.
Ricklefs R.E. L’ECONOMIA DELLA NATURA Edizioni Zanichelli.
Townsend C.R., Harper J.L. e Begon M. L’ESSENZIALE DI ECOLOGIA Edizioni Zanichelli.
Ricklefs R.E. ECOLOGIA Edizioni Zanichelli.
Bullini L., Pignatti S., e Virzo De Santo A. ECOLOGIA GENERALE UTET.
Colinvaux P. ECOLOGIA EdiSES.

credits unica.it | accessibilità Università degli Studi di Cagliari
C.F.: 80019600925 - P.I.: 00443370929
note legali | privacy

Nascondi la toolbar