Insegnamenti

 

LF/0046 - STORIA DELLA COMUNICAZIONE POLITICA IN ETA' CONTEMPORANEA

Anno Accademico ​2014/2015

Docente
MARCO ​PIGNOTTI (Tit.)
Periodo
Secondo Semestre ​
Modalità d'Erogazione
Convenzionale ​
Lingua Insegnamento
 ​



Informazioni aggiuntive

CorsoPercorsoCFUDurata(h)
[20/46] ​ ​FILOSOFIA E TEORIE DELLA COMUNICAZIONE [46/00 - Ord. 2014] ​ ​PERCORSO COMUNE630
Obiettivi

Il corso ha l'obiettivo di fornire alcuni elementi di conoscenza di una disciplina nuova. La politica e la comunicazione richiedono una esemplificazione e la presentazione di vari casi di studio tratti dalla storia e dall'attualità. Dall'uso della comunicazione svolto dalle dittature totalitarie per arrivare alle moderne campagne elettorali.

Prerequisiti

L'ambito della comunicazione politica è costituito da varie discipline: la storia politica contemporanea, la scienza politica, la sociologia della comunicazione, la psicologia sociale e le scienze del linguaggio. In questo corso sarà utile avere una sufficiente conoscenza dei fenomeni sociali e politici del XX secolo, oltre ad un buon interesse verso la comunicazione.

Contenuti

La politica ha sempre avuto una forte dimensione simbolica e comunicativa. Oggi il rapporto tra politica e comunicazione ha raggiunto un profondo livello di interdipendenza grazie anche all'uso dei moderni mezzi di comunicazione. La conquista da parte dei mass media, e soprattutto della televisione, del palcoscenico della politica, è difficile immaginare una politica che non sia anche mediatica. Si parte dall'idea della comunicazione politica come prodotto dell’interazione fra i tre attori della polis: sistema politico (istituzioni, partiti, politici), sistema dei media (imprese di comunicazione, giornalisti), cittadino-elettore. Ovviamente, questi concetti non possono prescindere da un’analisi diacronica del fenomeno della comunicazione politica. Il punto di partenza è senz'altro rappresentato dall’uso della comunicazione operato dai regimi totalitari che da subito compresero l’importanza dell’uso della comunicazione quale veicolo per il controllo del consenso. Dall'uso della comunicazione a fine totalitario e coercitivo, si passa ad un uso più surrettizio e apparentemente liberale della comunicazione da parte dei sistemi politici democratici: le campagne elettorali e il confronto fra schieramenti politici per la conquista della leadership. La personalizzazione della politica, l’avvento dei populismi e la conseguente evoluzione della comunicazione, rappresentano le due grandi novità nel contesto politico, sociale e culturale dell’età contemporanea.

Metodi Didattici

Un terzo delle lezioni (5 su 15) saranno erogate con modalità frontale. Le restanti 10 lezioni si svolgeranno in via telematica e mediante la trasmissione di materiali di lavoro.

Verifica dell'apprendimento

La verifica consiste nella valutazione di:
- papers che di volta in volta gli studenti saranno chiamati a svolgere;
- elaborazione di questionari e test.

Testi

Ian Kershaw; L’enigma del consenso; Laterza Bari-Roma, 2007. Alcuni capitoli che saranno raccolti in dispensa.
Gianpietro Mazzoleni, La comunicazione politica, Il Mulino 2004.
Loris Zanatta, Il populismo, Carocci, Roma, 2013.

Altre Informazioni

Le lezioni prevedono l'uso da parte del docente di slides, materiale audio e video. Il materiale didattico sarà a disposizione degli studenti.

credits unica.it | accessibilità Università degli Studi di Cagliari
C.F.: 80019600925 - P.I.: 00443370929
note legali | privacy

Nascondi la toolbar