Insegnamenti

 

EC/0083 - ADVANCED CORPORATE FINANCE

Anno Accademico ​2019/2020

Docente
LUCA ​PIRAS (Tit.)
Periodo
Primo Semestre​
Modalità d'Erogazione
Convenzionale​
Lingua Insegnamento
INGLESE​



Informazioni aggiuntive

CorsoPercorsoCFUDurata(h)
[11/80] ​ ​ECONOMIA MANAGERIALE [80/30 - Ord. 2018] ​ ​International Management636
Obiettivi

a) Conoscenze e capacità di comprensione
Il corso sviluppa a amplia il corpus di conoscenze della finanza aziendale. Lo studente si confronta con la teoria dei mercati, le teorie che interpretano il comportamento degli operatori e con le tecniche di valutazione dei progetti di investimento complessi.

b) Capacità di applicare conoscenze e comprensione
Gli studenti saranno in grado di impostare e risolvere problemi complessi di valutazione, sia di progetti di investimento sia di intere imprese nelle diverse fasi di vita delle stesse. Sapranno calcolare e scegliere i più idonei valori del costo del capitale e ne coglieranno il significato immediato. Sapranno analizzare gli scenari negoziali (sia nel mercato che su singole operazioni), avvalendosi degli strumenti della finanza comportamentale. interpretare e prevedere il comportamento di scelta individuale e strategico in contesti differenti di natura economica e sociale.

c)autonomia di giudizio
Il percorso formativo, attraverso un approccio interattivo e dialogico, mira a favorire lo sviluppo di capacità di analisi critica che consentano allo studente di valutare in autonomia le problematiche legate all'attività di dvcision-making e i suoi risultati con una prospettiva sia normativa che descrittiva.

d)abilità comunicative
Lo studente acquisirà la capacità di interpretare correttamente i dati finanziari di una organizzazione complessa, saprà costruire e rappresentare correttamente la reportistica e sarà in grado di realizzare autonomamente una corretta e completa pianificazione finanziaria aziendale.

e)capacità di apprendimento
Attraverso lo stimolo all'attività di studio e di approfondimento individuale il corso favorisce l'acquisizione delle competenze necessarie per attivare processi di apprendimento continui e autonomi.

Prerequisiti

Pur non essendoci propedeuticità stabilite con delibere di Facoltà e/o Dipartimento, saranno dati per conosciuti e, pertanto non saranno rispiegati nel corso di Finanza Aziendale Avanzata, gli argomenti che formano oggetto specifico di altre discipline. In particolare: principali elementi di capital budgeting; la teoria di Modigliani e Miller e legge del prezzo unico; Economia Aziendale; i principi di formazione del bilancio di esercizio delle imprese; il calcolo e l’interpretazione dei principali indici di bilancio; la determinazione e interpretazione dei flussi finanziari; i principali concetti di matematica finanziaria; Fondamenti di Algebra; Elementi di Microeconomia; Elementi di Macroeconomia.

Contenuti

• Il mercato dei Capitali:
La teoria dell’interesse di Fisher origine dei mercati finanziari;
il teorema della separazione;
Harry Markowitz: Modern portfolio theory;
Eugene Fama: L’ipotesi di efficienza dei mercati
Robert Shiller: Critiche alla ipotesi di efficienza
Daniel Kahneman: La prospect Theory
La finanza comportamentale
• La Corporate Valuation
Stima e proiezione degli elementi valutativi
Stima e proiezione del costo del capitale
Start-up Valuation
Cenni di M&A

Metodi Didattici

Lezioni frontali: le lezioni saranno 16 da due ore ciascuna, secondo il calendario didattico.

Seminari: si terranno alcuni seminari che coinvolgeranno manager ed esperti tra cui uno sulle applicazioni del capital budgeting a progetti complessi e uno sul lancio e sviluppo di una start-up innovativa.

Esercitazioni: Sono previste 20 ore di esercitazione su casi e applicazioni

Verifica dell'apprendimento

L’esame prevede una prova scritta, consistente nella soluzione di problemi riguardanti gli argomenti affrontati e/o nella risposta a quesiti di carattere teorico, con domande aperte e a risposta multipla.
I quesiti applicativi verranno valutati in base alla correttezza del risultato ottenuto e alla logica applicata agli argomenti descrittivi;
I quesiti teorici verranno valutati in funzione della conoscenza delle fonti e dei contenuti essenziali delle teorie;
Nelle domande aperte verrà valutato il contenuto e la capacità di esporre sinteticamente e compiutamente i tratti essenziali del quesito posto.
Le attività di approfondimento fanno parte integrante della valutazione anche per gli studenti che non seguono le lezioni.
La valutazione sarà espressa in trentesimi; per gli studenti frequentanti si terrà conto della frequenza e dell’impegno attivo dimostrato durante le lezioni e le esercitazioni.
Per superare l’esame anche con il voto minimo, 18, lo studente dovrà ottenere risultati numerici corretti, dimostrare di conoscere gli argomenti nei loro tratti essenziali e di saperli inquadrare nel coretto contesto metodologico.
Per ottenere un voto medio (24_26) lo studente dovrà dimostrare, oltre che una buona conoscenza degli argomenti, anche una buona capacità di analisi e di saper trarre corrette conclusioni.
Un voto elevato (27-28) sarà attribuito agli studenti che dimostrino anche una buona autonomia di giudizio, sappiano argomentare affermazioni e scelte, ed espongano gli argomenti in maniera chiara e consequenziale, utilizzando una terminologia appropriata. Nell’ambito di questa classe di voto, il minimo, 27, potrà essere attribuito allo studente che, pur dimostrando di avere raggiunto tutti gli obiettivi, presenta lacune in aspetti marginali di uno solo degli argomenti discussi. La votazione 28/30 sarà attribuita agli studenti che non presentano lacune.
I voti da 29 a 30 saranno attribuiti a tutti quegli studenti che oltre a soddisfare le condizioni di cui al punto precedente, avranno consegnato nei termini il lavoro di approfondimento sulle operazioni di fusione e acquisizione e che tale lavoro sia apprezzabile per inquadramento del tema, completezza espositiva e correttezza del linguaggio. La lode è prevista per gli studenti che dimostrino di avere raggiunto tutti gli obiettivi in maniera eccellente e che espongano i concetti in maniera chiara facendo collegamenti trasversali ed interdisciplinari.

Testi

Robert J. Shiller Speculative Asset Prices, Prize Lecture, December 8, 2013,
Scaricabile da http://www.nobelprize.org/nobel_prizes/economic-sciences/laureates/2013/shiller-lecture.pdf
Eugene F. Fama Two Pillars of Asset Pricing, Prize Lecture, December 8, 2013,
Scaricabile da http://www.nobelprize.org/nobel_prizes/economic-sciences/laureates/2013/fama-lecture.pdf
J. Berk – P. De Marzo, Finanza Aziendale, Pearson, Seconda edizione (o successive), 2011 - Capitoli: 10-13, 17-19
M.M. Pompian, Behavioral Finance and Wealth Management, Wiley Finance, 2006, chapters 4-23
Scaricabile da http://www.untag-smd.ac.id/files/Perpustakaan_Digital_1/FINANCE%20Behavioral%20finance%20and%20wealth%20management%20%20building%20optimal%20portfolios%20that%20account%20for%20in.pdf

Altre Informazioni

Durante il corso, benché non necessariamente negli orari di lezione, si terranno tre incontri di testimonianza con manager di imprese di interesse nazionale ed internazionale su tematiche relative alla valutazione e al finanziamento delle imprese.
Tutti gli studenti sono tenuti a consegnare due elaborati (in lingua inglese) di non più di 2500 parole: uno sulle operazioni di Fusione e acquisizione e uno su block chain e crypto valute (Bit Coin).

credits unica.it | accessibilità Università degli Studi di Cagliari
C.F.: 80019600925 - P.I.: 00443370929
note legali | privacy

Nascondi la toolbar