Insegnamenti e programmi

 

3065 - SAGGI E DOSAGGI FARMACOLOGICI

Anno Accademico ​2017/2018

Docente
NICOLA ​SIMOLA (Tit.)
VALENTINA ​BASSAREO
Periodo
Secondo Semestre ​
Modalità d'Erogazione
Convenzionale ​
Lingua Insegnamento
 ​



Informazioni aggiuntive

CorsoPercorsoCFUDurata(h)
[50/21] ​ ​CHIMICA E TECNOLOGIA FARMACEUTICHE [21/00 - Ord. 2014] ​ ​PERCORSO COMUNE896
Obiettivi

Il corso fornisce gli strumenti per la comprensione delle basi biologiche del meccanismo di azione dei farmaci, e per la applicazione delle metodologie in vivo e in vitro necessarie a determinare il potenziale terapeutico delle molecole bioattive. A questo scopo, il corso prevede lo svolgimento di esercitazioni che permettano l’apprendimento di metodiche di biologia molecolare e immunoistochimica, e di test per lo screening di specifiche classi di farmaci.
Conoscenza e capacità di comprensione
Approfondita conoscenza dei modelli sperimentali utilizzati per lo screening e la valutazione di molecole ad attività farmacologica, sia a livello di ricerca di base che a livello applicativo, con particolare riguardo all’utilizzo combinato dei suddetti modelli ed all’ottimizzazione delle procedure sperimentali e dei risultati da queste ottenuti.

In particolare:
Modelli farmacologici in vitro ed ex vivo
Conoscenza delle principali metodiche di immunochimica, immunoistochimica e biologia molecolare e conoscenza delle metodiche che impiegano preparazioni di organi isolati, con particolare riferimento alle loro implicazioni per studi di farmacodinamica e di determinazione approfondita delle caratteristiche farmacologiche di molecole bioattive.

Modelli farmacologici in vivo
Conoscenza approfondita delle caratteristiche dei modelli farmacologici in vivo, delle caratteristiche dei vari animali da esperimento (roditori, pesci e insetti), del loro impiego differenziale nella ricerca farmacologica e dei riferimenti normativi nazionali ed internazionali che sottendono quest’ultimo. Acquisizione di competenze teoriche che permettano di progettare un piano sperimentale efficiente che si avvalga di un utilizzo combinato dei modelli animali studiati durante il corso.
Capacità di applicare conoscenza e comprensione
Acquisizione di competenze applicative di carattere farmacologico mediante attività in laboratorio che permetta la corretta comprensione dei principi che regolano l'impiego delle tecniche di farmacologia e la corretta esecuzione di tecniche in vitro (es: immunoistochimica)
In particolare, gli studenti acquisiranno competenze relative a:
Corretto mantenimento degli animali
Tecniche in vitro ed ex vivo
Attività pratica con strumenti come vibratomo e criostato per l’ottenimento di preparati da impiegare per metodiche immunoistochimiche e biomolecolari
Comprensione degli effetti prodotti da farmaci appartenenti a differenti classi, nonché delle differenze e similitudini tra farmaci di classi distinte. Comprensione delle caratteristiche fondamentali e delle eventuali criticità dei modelli farmacologici di utilizzo più comune. Riconoscimento e correzione dei fattori interferenti che possono inficiare l’interpretazione dei risultati ottenuti da esperimenti di farmacologia.

Prerequisiti

Lo studente deve possedere una solida conoscenza di materie quali: Biologia generale, Anatomia umana, Fisiologia umana, Biochimica, Farmacologia Generale.

Il superamento degli esami di Farmacologia Generale e Farmacognosia è propedeutico per poter sostenere l'esame di Saggi e Dosaggi Farmacologici.

Contenuti

Test Farmacologici di applicabilità generale
• Ricerca Sperimentale. Linee generali per la cura e l’utilizzo degli animali da laboratorio. Modelli animali, specie animali utilizzate nella ricerca (roditori, pesci, insetti), tecniche di prelievo di sangue, anestesia, vie di somministrazione dei farmaci. Legislazione nazionale ed internazionale che regola l'uso degli animali nella ricerca biomedica. Metodi alternativi e complementari (cenni).
• Ricerca e sviluppo di nuovi farmaci e valutazioni di tossicità dei farmaci
• Dosaggi biologici in organi isolati
• Binding recettoriale in vivo ed in vitro
• Autoradiografia applicata a farmaci marcati e al 2-desossiglucosio
• Elettrofisiologia
• Immunochimica e immunoistochimica
• Microdialisi cerebrale per la misurazione dei neurotrasmettitori. Fast-scan cyclic voltammetry ed optogenetica (cenni)
• Colture cellulari
• Tecniche di biologia molecolare (northern e western blot, ibridazione in situ, ologinucleotidi antisenso, PCR, clonazione, animali transgenici)

Test Specifici per le varie Classi di Farmaci
• Attività cardiovascolare (metodi di induzione dell’ipertensione negli animali di laboratorio, attività antiaritmica, attività sull’insufficienza cardiaca)
• Attività psicotropa e neurotropa (effetti sul comportamento e sulla coordinazione motoria, attività ansiolitica, attività antiepilettica, attività gratificante, attività antipsicotica, attività antidepressiva)
• Attività in modelli di patologie neurologiche (malattia di Alzheimer, malattia di Parkinson, malattia di Huntington, Sclerosi laterale amiotrofica, Sclerosi multipla)
• Effetti dei farmaci su memoria e apprendimento
• Effetti dei farmaci in modelli sperimentali di ischemia cerebrale
• Attività analgesica, antiinfiammatoria, antiartritica, antipiretica dei farmaci
• Attività dei farmaci sull’istamina
• Modelli di patologia miscellanei (emicrania, dolore viscerale, dolore postoperatorio, nausea, diabete, iperfagia, valutazione dell’attenzione).

Metodi Didattici

Il corso di Saggi e Dosaggi Farmacologici prevede lezioni di tipo frontale e lezioni in laboratorio. Durante le lezioni frontali in aula i docenti affronteranno gli argomenti descritti nel programma didattico riportato alla voce “Contenuti del corso”. Le lezioni in aula sono parte integrante della pratica di laboratorio che lo studente dovrà acquisire durante il corso. Le lezioni pratiche in laboratorio consentiranno agli studenti di applicare i vari modelli sperimentali che sono stati illustrati durante le lezioni frontali. Durante le lezioni di laboratorio i docenti saranno affiancati da tutors didattici, la cui figura è indispensabile per supportare l’apprendimento degli studenti. Inoltre, i docenti e i tutors didattici saranno disponibili per spiegazioni e chiarimenti fuori dall’orario di ciascuna lezione.
In ottemperanza alla legge 413/93, gli studenti che presenteranno domanda di obiezione di coscienza alla sperimentazione animale saranno esonerati dalla frequenza dei laboratori.

Verifica dell'apprendimento

La verifica dell’acquisizione dei risultati di apprendimento avviene mediante esame in laboratorio ed esame orale. Oltre che dimostrare di aver acquisto competenze relative agli argomenti del programma, il candidato dovrà dimostrare adeguate capacità di ragionamento e di deduzione logica. Durante l'esame in laboratorio, il candidato dovrà dimostrare di aver acquisito competenze pratiche relative alle tecniche di più comune utilizzo negli esperimenti di farmacologia. Durante l'esame orale, il candidato dovrà dimostrare di avere acquisito le basi razionali che sottendono l’utilizzo dei modelli sperimentali studiati durante il corso, di avere compreso le similitudini e differenze fra gli stessi, nonché i vantaggi e gli svantaggi inerenti i vari modelli sperimentali studiati.

CRITERI DI VALUTAZIONE
Giudizio finale
Il voto finale tiene conto della combinazione di vari fattori:

Qualità delle conoscenze, abilità, competenze possedute e manifestate:
a) appropriatezza, correttezza e congruenza delle conoscenze, delle abilità e delle competenze.
Modalità espositiva:
a) Capacità espressiva;
b) Utilizzo appropriato del linguaggio specifico della disciplina;
c) Capacità logiche e di raccordo dei contenuti;
d) Capacità di istituire un disegno generale coerente, curando struttura, organizzazione e connessioni logiche del discorso espositivo;
e) Capacità di sintesi.

Qualità relazionali:
Disponibilità allo scambio e all’interazione con il docente durante il colloquio.

Qualità personali:
a) spirito critico;
b) capacità di autovalutazione.

Sulla base di queste considerazioni, il giudizio finale potrà essere:
a) Sufficiente (da 18 a 20/30)
Il candidato dimostra poche nozioni acquisite, ed un livello di conoscenza superficiale. Le capacità espressive dimostrate sono modeste, sebbene sufficienti a sostenere un dialogo coerente. Inoltre, le capacità logiche e il raccordo degli argomenti sono di livello elementare, ed accompagnati da scarsa capacità di sintesi e da scarsa interazione con il docente durate il colloquio.

b) Discreto (da 21 a 23)
Il candidato dimostra discreta acquisizione di nozioni, ma scarso approfondimento delle stesse. Il candidato dimostra inoltre poche lacune, capacità espressive più che sufficienti a sostenere un dialogo coerente, accettabile padronanza del linguaggio scientifico proprio della disciplina, capacità logiche e di raccordo degli argomenti di moderata complessità, più che sufficiente capacità di sintesi.

c) Buono (da 24 a 26)
Il candidato dimostra un bagaglio di nozioni piuttosto ampio, moderato approfondimento delle stesse, con piccole lacune; soddisfacenti capacità espressive e significativa padronanza del linguaggio scientifico proprio della disciplina; capacità dialogica e spirito critico rilevabili; buona capacità di sintesi.

d) Ottimo (da 27 a 29)
Il candidato dimostra un bagaglio di nozioni molto esteso, ben approfondito, con lacune marginali; notevoli capacità espressive ed elevata padronanza del linguaggio scientifico proprio della disciplina; notevole capacità dialogica, buona competenza e rilevante attitudine alla sintesi logica.

e) Eccellente (30)
Il candidato dimostra un bagaglio di nozioni molto esteso e approfondito, ed eventuali lacune sono da considerarsi irrilevanti. Il candidato dimostra inoltre elevate capacità espressive e padronanza del linguaggio scientifico proprio della disciplina, ottima capacità dialogica, spiccata attitudine a effettuare collegamenti tra argomenti diversi, ottima capacità di sintesi.

La lode si attribuisce a candidati nettamente sopra la media, e i cui eventuali limiti nozionistici, espressivi, e logici risultino nel complesso del tutto irrilevanti.

Testi

• FARMACOLOGIA E TOSSICOLOGIA SPERIMENTALE. P.Dolara, F.Franconi, A.Mugelli. Pitagora Editrice Bologna;
• PRINCIPI DI SCIENZA DELL’ANIMALE DI LABORATORIO. L.F.M.van Zutphen, V. Baumans, A.C.Beynen, La Goliardica Pavese
• DRUG DISCOVERY AND EVALUATION: PHARMACOLOGICAL ASSAYS. H.G. Vogel, Springer
• DISPENSE e SLIDES LEZIONI FORNITE DAI DOCENTI

Altre Informazioni

Durante il corso delle lezioni i docenti metteranno a disposizione degli studenti le presentazioni mostrate durante le lezioni, nonché ulteriore materiale di studio e di approfondimento, come PDF di lavori scientifici originali in lingua inglese, fotocopie di libri diversi dai testi consigliati, dispense.

contatti | accessibilità Università degli Studi di Cagliari
C.F.: 80019600925 - P.I.: 00443370929
note legali | privacy