Insegnamenti e programmi

 

FA/0009 - FARMACOTERAPIA

Anno Accademico ​2017/2018

Docente
MICAELA ​MORELLI (Tit.)
Periodo
Primo Semestre ​
Modalità d'Erogazione
Convenzionale ​
Lingua Insegnamento
 ​



Informazioni aggiuntive

CorsoPercorsoCFUDurata(h)
[50/21] ​ ​CHIMICA E TECNOLOGIA FARMACEUTICHE [21/00 - Ord. 2009] ​ ​PERCORSO COMUNE864
Obiettivi

Il corso si propone di fornire le basi sulle terapie farmacologiche per le principali patologie, illustrare gli effetti collaterali e le interazioni tra i diversi farmaci.
Conoscenza degli effetti terapeutici delle principali classi di farmaci

Prerequisiti

Fisiologia e Farmacologia Generale.

Contenuti

1. Aspetti generali; Diagnostic Statistical Manual (DSM).
2. Malattie neurodegenerative:
• la malattia di Parkinson: sintomi e patologia. Terapia: dai precursori della dopamina ai farmaci di nuova generazione. Interazioni farmacologiche
• la malattia di Alzheimer: sintomi e patologia. Terapia: inibitori dell’AchE e altri farmaci
• la malattia di Hungtington: sintomi, patologia e terapia.
- Sclerosi multipla: sintomi, patologia e terapia
3. La schizofrenia: sintomi e criteri diagnostici. Terapia: antipsicotici tipici e atipici.
4. Disturbo d’ansia: criteri diagnostici. Terapia: farmaci sedativi e ipnotici, benzodiazepine, altri farmaci; interazioni farmacologiche.
5. La depressione e il disturbo bipolare: criteri diagnostici. Terapia: farmaci SSRI, TCA, inibitori delle MAO, litio e altri farmaci; interazioni farmacologiche.
6. L’epilessia: classificazione e caratteristiche. Terapia farmacologica; interazioni farmacologiche.
7. Gli anestetici: anestetici inalatori; endovenosi; locali.
8. Analgesici: meccanismi del dolore e della nocicezione; analgesici oppiacei, morfina, antagonisti oppioidi; tolleranza, dipendenza e astinenza.
9. Psicostimolanti e farmaci d’abuso: criteri diagnostici. Amfetamina, cocaina, ecstasy, cannabinoidi, allucinogeni, caffeina, nicotina e alcool. Interazioni farmacologiche
10. Farmaci anti-infiammatori: caratteristiche dell’infiammazione. Terapia: prostanoidi, FANS e paracetamolo; farmaci per l’artrite e la gotta; glucocorticoidi e immunosoppressori. Interazioni farmacologiche
11. Farmaci per l’emicrania e la cefalea
12. Antistaminici
13. Farmaci dell’apparato respiratorio: terapia dell’asma; terapia delle allergie; farmaci per la broncopneumopatia cronica ostruttiva; terapia della tosse.
14. Farmaci per la disfunzione erettile
15. Farmaci per l’osteoporosi
16. Farmaci dell’apparato gastrointestinale: terapia dell’ulcera peptica: farmaci antimicrobici, anti H2, inibitori della pompa protonica, prostaglandine; farmaci antiemetici; farmaci per la diarrea e la stipsi.
17. Farmaci anti-obesità
18. Farmaci anti-iperlipidemici: farmaci inibitori dell’HMG-CoA riduttasi; fibrati; niacina; farmaci sequestranti degli acidi biliari.
19. Farmaci per l’ipertensione: meccanismi dell’ipertensione. Terapia: diuretici, alfa e beta-bloccanti, calcio-antagonisti, ACE inibitori, antagonisti dell’angiotensina II, altri farmaci. Interazioni farmacologiche
20. Farmaci per lo scompenso cardiaco: meccanismi dello scompenso cardiaco. Terapia: bloccanti del sistema renina-angiotensina, beta-bloccanti, diuretici, agenti inotropi, glicosidi cardioattivi. Interazioni farmacologiche
21. Farmaci per le aritmie: meccanismi dell’aritmia. Terapia: bloccanti dei canali per il sodio, beta-bloccanti, bloccanti dei canali per il potassio, bloccanti dei canali per il calcio, altri farmaci. Interazioni farmacologiche
22. Farmaci per l’angina: meccanismi dell’angina. Terapia: nitrati, bloccanti dei canali per il calcio; beta-bloccanti. Interazioni farmacologiche

Metodi Didattici

Lezioni frontali e seminari

Verifica dell'apprendimento

Domande individuali durante lo svolgimento del corso. Valutazione individuale a fine corso basata su un colloquio su almeno 3 argomenti diversi tra quelli svolti durante il corso di lezioni frontali.

CRITERI DI VALUTAZIONE
Giudizio finale
Il voto finale tiene conto di vari fattori:
Qualità delle conoscenze, abilità, competenze possedute e/o manifestate:
a) appropriatezza, correttezza e congruenza delle conoscenze
b) appropriatezza, correttezza e congruenza delle abilità
c) appropriatezza, correttezza e congruenza delle competenze
Modalità espositiva:
a) Capacità espressiva;
b) Utilizzo appropriato del linguaggio specifico della disciplina;
c) Capacità logiche e consequenzialità nel raccordo dei contenuti;
d) Capacità di collegare differenti argomenti trovando i punti comuni e istituire un disegno generale coerente, ossia curando struttura, organizzazione e connessioni logiche del discorso espositivo;
e) Capacità di sintesi anche mediante l’uso del simbolismo proprio della materia e l’espressione grafica di nozioni e concetti, sotto forma per esempio di formule, schemi, equazioni.
Qualità relazionali:
Disponibilità allo scambio e all’interazione con il docente durante il colloquio.
Qualità personali:
a) spirito critico;
b) capacità di autovalutazione.

Di conseguenza, il giudizio può essere:
a) Sufficiente (da 18 a 20/30)
Il candidato dimostra poche nozioni acquisite, livello superficiale, molte lacune. capacità espressive modeste, ma comunque sufficienti a sostenere un dialogo coerente; capacità logiche e consequenzialità nel raccordo degli argomenti di livello elementare; scarsa capacità di sintesi e capacità di espressione grafica piuttosto stentata; scarsa interazione con il docente durate il colloquio.
b) Discreto (da 21 a 23/30)
Il candidato dimostra discreta acquisizione di nozioni, ma scarso approfondimento, poche lacune; capacità espressive piú che sufficienti a sostenere un dialogo coerente; accettabile padronanza del linguaggio scientifico; capacità logiche e consequenzialità nel raccordo degli argomenti di moderata complessità; più che sufficiente capacità di sintesi e capacità di espressione grafica accettabile.
c) Buono (da 24 a 26)
Il candidato dimostra un bagaglio di nozioni piuttosto ampio, moderato approfondimento, con piccole lacune; soddisfacenti capacità espressive e significativa padronanza del linguaggio scientifico; capacità dialogica e spirito critico ben rilevabili; buona capacità di sintesi e capacità di espressione grafica piú che accettabile.
d) Ottimo (da 27 a 29)
Il candidato dimostra un bagaglio di nozioni molto esteso, ben approfondito, con lacune marginali; notevoli capacità espressive ed elevata padronanza del linguaggio scientifico; notevole capacità dialogica, buona competenza e rilevante attitudine alla sintesi logica; elevate capacità di sintesi e di espressione grafica.
e) Eccellente (30)
Il candidato dimostra un bagaglio di nozioni molto esteso e approfondito, eventuali lacune irrilevanti; elevate capacità espressive ed elevata padronanza del linguaggio scientifico; ottima capacità dialogica, spiccata attitudine a effettuare collegamenti tra argomenti diversi; ottima capacità di sintesi e grande dimestichezza con l’espressione grafica.
La lode si attribuisce a candidati nettamente sopra la media, e i cui eventuali limiti nozionistici, espressivi, concettuali, logici risultino nel complesso del tutto irrilevanti

Testi

Annunziato, Di Renzo. FARMACOLOGIA.
H.P. Rang, M.M. Dale, J.M. Ritter, P.K. Moore. FARMACOLOGIA.
Goodman & Gilman’s. LE BASI FARMACOLOGICHE DELLA TERAPIA (capitoli scelti)

Altre Informazioni

Copia delle slides utilizzate durante le lezioni frontali saranno disponibili sul sito web della facoltà, alla pagina della docente.

contatti | accessibilità Università degli Studi di Cagliari
C.F.: 80019600925 - P.I.: 00443370929
note legali | privacy