Programmi

 

LS/0082 - ANTROPOLOGIA DELLA GLOBALIZZAZIONE

Anno Accademico ​2020/2021

Docente
FRANCESCO ​BACHIS (Tit.)
Periodo
Primo Semestre ​
Modalità d'Erogazione
Convenzionale ​
Lingua Insegnamento
ITALIANO ​



Informazioni aggiuntive

CorsoPercorsoCFUDurata(h)
[32/15] ​ ​LINGUE E LETTERATURE MODERNE EUROPEE E AMERICANE [15/20 - Ord. 2015] ​ ​COOPERAZIONE E MEDIAZIONE CULTURALE630
Obiettivi

Conoscere il dibattito antropologico sulla globalizzazione. Conoscere l'approccio metodologico della disciplina allo studio, alla comprensione e alla interpretazione dei processi socio-culturali globali con particolare riferimento ai neorazzismi e ai fondamentalismi culturali. Conoscere ed essere in grado di utilizzare adeguatamente il lessico specialistico antropologico con particolare riferimento agli studi sui neorazzismi e i fondamentalismi culturali. Leggere e discutere criticamente testi specialistici antropologici sulla globalizzazione e sui razzismi.

Prerequisiti

Conoscenza delle basi e delle nozioni fondamentali dell'Antropologia Socio-culturale.

Contenuti

Il corso si rivolge agli studenti che hanno già sostenuto almeno un esame di Antropologia sociale o culturale (SSD 11A/5 - MDEA/01) ed è suddiviso in due parti.
1. Introduzione all’antropologia della globalizzazione
A partire da una discussione del termine “globalizzazione” e da un bilancio di competenze degli studenti, si affronteranno le specifiche declinazioni che l'analisi antropologica ha dato dell’insieme complesso e contradditorio dei processi globali. Saranno al centro di questa parte le nozioni di ecumene globale, fussi, diaspora, transnazionalismo, connessioni, fratture, scala, cambiamento accelerato, antropocene e capitalocene e le metodologie etnografiche connesse allo studio dei processi glocali.
2. Nemici globali, paure locali: razzismi e fondamentalismi nella globalizzazione.
A partire da una ricostruzione generale del dibattito su razzismo, neorazzismo e islamofobia (Bachis 2018) si affronteranno gli approcci antropologici al “differenzialismo” e al “razzismo culturalista”. Particolare attenzione verrà posta sulle connessioni tra sesso, razza e pratiche del potere nella costruzione dei confini tra gruppi e nei processi di razzizzazione (Guillaumin 2020) e sul prodursi del fondamentalismo culturale in Europa e negli Stati Uniti.
Nella fase seminariale si affronteranno, a partire da specifici casi etnografici su processi di razzizzazione e pratiche di resistenza, alcune connessioni e frizioni tra processi locali e globali. In particolare, si affronteranno da questo punto di vista le nozioni di populismo, neorazzismo, fondamentalismo culturale e le diverse forme di resistenza, individuando le connessioni tra forme di produzione del nemico connesse alla globalizzazione e costruzione locale delle paure.

Prospetto dei temi trattati

Lezioni
Prima parte
1. La fine dell'antropologia? Il “disincanto” della disciplina di fronte alla globalizzazione.
2. L’ecumene globale e flussi: tra Hannerz e Appadurai
3. Forme di mobilità: verso un transnazionalismo critico.
4. Problemi di scala: l'antropologia e lo studio dei processi globali
5. Connessioni e fratture: metodologie dell’antropologia della globalizzazione
6. Antropocene, Capitalocene e Frizioni nel mondo globale

Seconda parte
07. Razzismo e modernità: una introduzione
08. Razzismi biologici e differenzialismo culturalista
09. Sesso, razza e pratica del potere
10. Naturalizzazione e natura
11. Islamofobia, antisemitismo, fondamentalismo culturale: nemici globali, paure locali


Seminari (elenco provvisorio)
12. Storie dell’antropologia e “spazio” del razzismo
13. Populismi globali? Le mani di Donald Trump
14. Resistenze globali? Una digital ethnography di Black Lives Matter
15. Resistenze globali? Spazio urbano e memoria del colonialismo

Metodi Didattici

Lezioni frontali, proiezione materiali audiovisivi, attività e iniziative seminariali rivolte agli studenti e organizzate con gli studenti.
Per soddisfare esigenze didattiche specifiche connesse alla situazione epidemiologica, è prevista la possibilità di lezioni in diretta streaming o registrazioni delle stesse disponibili on-line. Inoltre, le esercitazioni potranno essere svolte mediante forme di interazione a distanza con i supporti informatici disponibili.

Verifica dell'apprendimento

Studenti frequentanti: La valutazione tiene conto della partecipazione alle lezioni (15%), degli interventi e della discussione in aula (25%), della partecipazione attiva ai seminari (35%) e di un breve colloquio orale finale (25%).
Studenti non frequentanti: Esame orale. Verifica della conoscenza e della comprensione dei testi indicati in bibliografia.

Testi

1. Testo d'obbligo
Thomas Hylland Eriksen, Fuori controllo: Un’antropologia del cambiamento accelerato, Einaudi, Torino 2017, pp. 215 (ed. or. 2016).

2. Un testo a scelta tra:
2.a. Francesco Bachis, Sull'orlo del pregiudizio: razzismo e islamofobia in una prospettiva antropologica, Aipsa, Cagliari 2018. 174 p.
2.b. Colette Guillaumin, Sesso, razza e pratica del potere: l'idea di natura, Ombre Corte, Verona 2020 [1992]. 245 p.

3. Due articoli a scelta tra:
3.a. Mark Anderson, «Ruth Benedict, Boasian Anthropology, and the Problem of the Colour Line», History and Anthropology 25, n. 3 (2014): 395–414.
3.b. Yarimar Bonilla e Jonathan Rosa, «#Ferguson: Digital Protest, Hashtag Ethnography, and the Racial Politics of Social Media in the United States», American Ethnologist 42, n. 1 (2015): 4–17.
3.c. Matti Bunzl, «Between Anti-Semitism and Islamophobia: Some Thoughts on the New Europe», American Ethnologist 32, n. 4 (2005): 499–508.
3.d. Alex J. Gapud, «Displacing Empire: Aphasia, ‘Trade’, and Histories of Empire in an English City», History and Anthropology 31, n. 3 (2020): 331–351.
3.e. Kira Hall, Donna M. Goldstein, e Matthew Bruce Ingram, «The Hands of Donald Trump: Entertainment, Gesture, Spectacle», HAU: Journal of Ethnographic Theory 6, n. 2 (2016): 71–100.
3.f. Leith Mullings, «Interrogating Racism: Toward an Antiracist Anthropology», Annual Review of Anthropology 34, n. 1 (2005): 667–693.
3.g. Verena Stolcke, «Talking Culture: New Boundaries, New Rhetorics of Exclusion in Europe», Current Anthropology 36, n. 1, (1995): 1–24.

Chi presenterà una relazione durante le attività seminariali avrà all'esame finale la dispensa dal punto 3 del programma. L'attività seminariale entrerà comunque a far parte della valutazione globale.

Altre Informazioni

I materiali bibliografici di difficile reperibilità (con particolare riferimento al punto 3) saranno resi disponibili sulla piattaforma e-learning quanto prima.
Altri materiali didattici di supporto (slide e materiali di approfondimento) verranno caricati nella stessa piattaforma nel corso delle lezioni.
Per accedere alla pagina è necessario iscriversi al corso.
Il calendario dettagliato delle lezioni verrà fornito non appena possibile.

credits unica.it | accessibilità Università degli Studi di Cagliari
C.F.: 80019600925 - P.I.: 00443370929
note legali | privacy

Nascondi la toolbar