Programmi

 

LS/0045 - TEORIE E STORIA DELLA CRITICA LETTERARIA

Anno Accademico ​2018/2019

Docente
MAURO ​PALA (Tit.)
Periodo
Secondo Semestre ​
Modalità d'Erogazione
Convenzionale ​
Lingua Insegnamento
 ​



Informazioni aggiuntive

CorsoPercorsoCFUDurata(h)
[32/19] ​ ​LINGUE E CULTURE PER LA MEDIAZIONE LINGUISTICA [19/00 - Ord. 2011] ​ ​PERCORSO COMUNE630
Obiettivi

- dimostrare conoscenze e capacità di comprensione che estendono e/o rafforzano quelle esistenti, che consentono di elaborare e/o applicare idee originali in un contesto di ricerca;

- capacità di applicare le loro conoscenze, per comprendere criticamente tematiche nuove, inserite in contesti più ampi che abbracciano diverse discipline, a partire dalla letteratura;

- capacità di integrare le conoscenze in ambito letterario in relazione con i criteri estetici di periodi diversi: gestire in tal modo la complessità diacronica, nonché saper formulare giudizi sulla base di informazioni da fonti diverse, includendo la riflessione sulle ricadute sociali ed etiche collegate all’applicazione dei loro giudizi;

- abilità nel comunicare in modo chiaro e privo di ambiguità le loro conclusioni, nonché le conoscenze e la ratio ad esse sottese, sia ad un pubblico di specialisti che di non specialisti;

- sviluppare quelle capacità di apprendimento che consentano loro di continuare a studiare la storia della critica letteraria in modo autonomo.

Prerequisiti

- Conoscenza sufficiente della letteratura italiana ed europea;
- capacità di comprendere testi filosofici e di estetica.

Contenuti

Introduzione al Novecento.

Il corso presenta una campionatura di autori significativi nella ricostruzione di una storia della critica letteraria del Novecento; pur senza alcuna pretesa di fornire un quadro esaustivo, si mette in luce l’evoluzione di una disciplina che nel corso del Ventesimo secolo acquisisce una sua autonomia accademica intercettando alcune delle più ricche – ed insieme controverse – linee di pensiero del Novecento dallo storicismo idealista – rappresentato da De Sanctis – alle sue varianti anglofone con l’impostazione canonica del close reading di T.S. Eliot, fino alla Geistesgeschichte di Eric Auerbach, in cui l’esegesi filologica delle caratteristiche formali dell’opera apre la via ad una comprensione olistica del periodo in cui l’opera si colloca. Dopo lo storicismo discorsivo di Bachtin, con l’avvento dello strutturalismo e le sue varianti foucauldiane assistiamo ad una revisione delle categorie fondanti della letteratura moderna, dall’autore al personaggio: l’eco di questo dibattito si percepisce nella saggistica di Barthes e Calvino, sospesa fra modernismo e postmodernismo. Una forte ripresa del filone storicista si ha nei cultural studies, inaugurati da Raymond Williams in Gran Bretagna alla fine degli anni Cinquanta, in cui la letteratura perde il suo status elitario a favore di una comprensione interclassista del testo, studiato anche nelle sue varianti mediatiche. Bernabè, Chamoiseau e Confiant rappresentano una generazione di autori e critici postcoloniali, impegnati sia nell’opera di emancipazione delle culture autoctone extraeuropee da residui culturali del passato coloniale, che nella definizione di un progetto di emancipazione dalle evidenti venature politiche.

Metodi Didattici

lezioni frontali e seminari, con presentazioni organizzate dai frequentanti

Verifica dell'apprendimento

- Il grado di conoscenza degli argomenti oggetto di trattazione durante le lezioni, la capacità di analizzare i testi, di utilizzare i materiali critici consigliati per costruire una propria interpretazione dei testi, saranno valutati in un colloquio orale;
- La capacità di fornire un’interpretazione dei testi analizzati e la comprensione del contesto teorico in cui si inseriscono;

Le attività seminariali permetteranno l’osservazione di:
a) capacità di collaborare con i membri del proprio gruppo durante le attività seminariali,
b) di costruire un piano di lavoro autonomamente,
c) di individuare testi/video/spezzoni di rappresentazione utilizzabili per creare materiale utile per un confronto interdisciplinare dei testi utilizzati.

Nella valutazione complessiva, la partecipazione costruttiva al 80% delle lezioni avrà un peso del 30%, mentre un 30% verrà attribuito alla conoscenza degli argomenti del corso, 30% alla capacità di compiere un’analisi testuale puntuale, 10% all’acquisizione di un linguaggio settoriale preciso ed efficace.

Il pass sarà ottenuto riportando voti da 18 a 30, con una gradazione da sufficiente conoscenza degli argomenti trattati, capacità di applicarli nella costruzione di testi argomentativi, padronanza del linguaggio, anche settoriale (18-23), a buona (da 24 a 26) ad eccellente (da 27 a 30).

Testi

Testi utilizzati durante il corso:

F.De Sanctis, Storia della letteratura italiana, Milano, BUR,
T.S. Eliot, The Sacred Wood. Essays on Poetry and Criticism, London, Methuen, 1987.
E. Auerbach, Studi su Dante, Milano, Feltrinelli.
E.Auerbach, Mimesis. Il realismo nella letteratura occidentale, Torino, Einaudi, (Volumi 1 e 2)
M.Bachtin, Estetica e romanzo, Torino, Einaudi,1990.
I. Calvino, Una pietra sopra. Torino, Einaudi, 1980.
R.Barthes, Miti d’oggi, Torino, Einaudi, 1974.
R. Williams, Cultura e rivoluzione industriale, Torino, Einaudi, 1968.
J. Bernabé, P. Chamoiseau, R.Confiant, Elogio della creolità, Pavia, Ibis, 1999.






Bibliografia secondaria:
• S.Brugnolo, D.Colussi, S.Zatti, E.Zinato, Le scritture e il mondo. Teorie letterarie del Novecento, Roma, Carocci, 2016.
• F.Brioschi, C.Di Girolamo, M.Fusillo (a cura di), Introduzione alla letteratura, Roma, Carocci. 2010.
• F.Muzzioli, Le teorie della critica letteraria, Roma, Carocci, 2017.
• S.Calabrese, www.letteratura global. Il romanzo dopo il postmoderno, Torino, Einaudi, 2005.




La settimana corrispondente all’inizio del corso (Martedì 12 MARZO) sarà disponibile una dispensa dal titolo “Introduzione al Novecento” che comprende buona parte dei testi indicati nella sezione “testi utilizzati durante il corso”. La dispensa sarà disponibile presso la ditta Cresci Print Services in via Molise 72, 09127 Cagliari. Tel: 070276027. Mail: cresci@tiscali.it. Sulla dispensa saranno indicati il titolo del corso succitato, il nome del docente, l’anno accademico e il Corso di Laurea cui si riferisce.
Si raccomanda agli studenti che vogliono sostenere l’esame di presentarsi alla prova con i testi della bibliografia, eventuali testi in fotocopia distribuiti a lezione e la dispensa.

Altre Informazioni

Orario di ricevimento: Mercoledì ore 10.00

credits unica.it | accessibilità Università degli Studi di Cagliari
C.F.: 80019600925 - P.I.: 00443370929
note legali | privacy

Nascondi la toolbar