Programmi

 

LS/0056 - FILOLOGIA GERMANICA

Anno Accademico ​2018/2019

Docente
VERONKA ​SZOKE (Tit.)
Periodo
Primo Semestre ​
Modalità d'Erogazione
Convenzionale ​
Lingua Insegnamento
 ​



Informazioni aggiuntive

CorsoPercorsoCFUDurata(h)
[32/19] ​ ​LINGUE E CULTURE PER LA MEDIAZIONE LINGUISTICA [19/00 - Ord. 2011] ​ ​PERCORSO COMUNE630
Obiettivi

Al termine del corso, lo studente conoscerà gli snodi principali del processo di evoluzione del germanico comune dall’indoeuropeo, le tappe dello sviluppo delle lingue germaniche dalla fase medievale a quella moderna e le principali questioni filologiche relative alla lingua germanica di studio (antico nordico/antico islandese). Lo studente conoscerà poi i principali strumenti e metodi funzionali all’analisi dei testi letterari medievali, nonché i più importanti strumenti bibliografici relativi alla disciplina, in generale, e all’argomento trattato durante il corso, in particolare.
Inoltre, lo studente saprà applicare gli strumenti metodologici appresi alla traduzione e all’analisi linguistico-filologica di un testo letterario, anche in una ottica comparativa e saprà esporre tale analisi in modo chiaro, corretto e appropriato sul piano lessicale, dando prova di capacità di giustificare le proprie scelte di tipo interpretativo e traduttologico.
Lo studente maturerà le competenze necessarie per la ricerca autonoma di materiale bibliografico e per il suo utilizzo critico anche per affrontare un corso avanzato nell’ambito della disciplina.

Prerequisiti

Buona conoscenza di una lingua germanica moderna (inglese e/o tedesco).

Contenuti

a) introduzione alle lingue germaniche e alle loro principali caratteristiche fonologiche, morfologiche e sintattiche partendo dalle caratteristiche dell’indoeuropeo e dagli strumenti del metodo della comparazione linguistica; lineamenti della cultura e della religione dei Germani (circa 6 ore);
b) introduzione alla letteratura islandese antica e alle principali caratteristiche fonologiche e morfologiche dell’islandese antico (circa 12 ore);
c) parte monografica: Odino il mago e la pratica magica del seiðr nelle fonti letterarie a partire dalla lettura e dall’analisi linguistico-filologica e stilistica di alcuni passi tratti dal componimento eddico Hávamál “I detti dell’Alto” e di estratti dalla opera in prosa Eíriks saga rauda (circa 12 ore).

Gli studenti che non possono frequentare il Corso sono pregati di contattare la docente durante l’orario di ricevimento (per concordare un apposito programma).

Metodi Didattici

Il corso si articolerà in lezioni di tipo frontale, cui saranno affiancate delle esercitazioni di tipo pratico. Per consolidare le conoscenze di carattere tecnico e specialistico di cui ai punti a e b della sezione Contenuti del corso saranno previste delle esercitazioni nelle quali verranno proposti agli studenti degli esercizi corretti e discussi in aula.
Nell’ambito del corso si svolgeranno alcune lezioni sul tema monografico affrontato (di cui al punto c della sezione Contenuti del corso), a cura del prof. Terry Gunnell della Háskóli Íslands che verrà presso l’Ateneo in qualità di docente di scambio (nell’ambito del progetto europeo Mosta - Erasmus+).

Verifica dell'apprendimento

La valutazione dello studente prevede una prova di tipo orale, in cui verrà chiesto di:
1) rispondere in modo preciso, esauriente e con appropriatezza lessicale a domande relative al rapporto tra l’indoeuropeo, germanico comune e lingue germaniche storiche, e sulle caratteristiche fonologiche, morfologiche e sintattiche delle lingue germaniche, anche in relazione con gli esiti moderni di tali lingue (inglese e/o tedesco); il punteggio previsto per questa parte va da 0 a 10.
2) rispondere in modo preciso, esauriente e con appropriatezza lessicale a domande relative alla letteratura islandese medievale e alle caratteristiche fonologiche e morfologiche e ai principali mutamenti fonetici dell’antico islandese; il punteggio previsto per questa parte va da 0 a 10.
3) leggere, tradurre e commentare un passo tra quelli letti in aula del componimento eddico Hávamál “I detti dell’Alto” e/o dell’opera in prosa Heimskringla; il punteggio previsto per questa parte va da 0 a 10.
Per superare l'esame, riportare quindi un voto non inferiore a 18/30, lo studente deve dimostrare di aver acquisito una conoscenza sufficiente degli argomenti di cui al punto 1 e 2 (raggiungendo un punteggio minimo di 6 su 10), e di potere svolgere in modo soddisfacente quanto previsto al punto 3 (raggiungendo un punteggio minimo di 6 su 10).
Per conseguire il voto massimo, ovvero 30/30, lo studente deve dare prova di avere maturato una conoscenza eccellente degli argomenti del corso (di cui ai punti a-c della sezione Contenuti del corso) e di saperli esporre in modo corretto e approfondito.
L’attribuzione dell’eccellenza, ovvero 30/30 e lode, scaturisce dal livello eccellente di approfondimento degli argomenti trattati nel corso e dall’elevato livello della esposizione, non solo in termini di contenuto ma anche di forma.
La durata media dell’esame è di 20-30 minuti.

Testi

Testi (in riferimento al punto c della sezione Contenuti del corso):
- Gustav Neckel – Hans Kuhn (eds.), Edda. Die Lieder des Codex Regius nebst verwandten Denkmälern. I Text, Carl Winter, Heidelberg 1985 (strofe 138-141 del componimento Hávamál; gli estratti dal poema analizzati verranno forniti durante il corso);
-Benedikt Sveinsson, Eiríks saga rauða ok Grœnlendingaþáttr, Reykjavík, Sigurður Kristjánsson, 1950 (gli estratti dalla Saga di Erik il Rosso verranno forniti durante il corso).

Studi (in riferimento ai punti a e b della sezione Contenuti del corso):
– Nicoletta Francovich Onesti, La Filologia germanica, Carocci, 2015 (esclusi i paragrafi 2.3.2-2.3.3, 2.3.6-2.3.9; 2.4.3; 2.4.5-2.4.9; 2.7.1-2.7.4; 2.8-2.8.2; 3.5.1-3.5.5);
– R.I. Page, Norse Myths, British Museum Press, London, 1990 oppure, in alternativa, Gianna Chiesa Isnardi, I miti nordici, Milano, Longanesi (parti relative agli argomenti trattati durante il corso);
Gianna Chiesa Isnardi, Storia e cultura della Scandinavia: uomini e mondi del Nord, Milano, Bompiani, pp. 284-308;
Marco Battaglia, I germani. Genesi di una cultura europea, Roma, Carocci, 2013, pp. 149-173.
Marco Battaglia, Medioevo volgare germanico (con il contributo di Maria Rita Digilio), Pisa, Pisa University Press, 2016, pp. 133-162
Terry Gunnell, “Viking Religion: Old Norse Mythology”, in Richard North and Joe Allard (eds.), Beowulf’and Other Stories: A New Introduction to Old English, Old Icelandic, and Anglo-Norman Literatures, Harlow-London-New York, Pearson, pp. 351-375, oppure, in alternativa, Terry Gunnell, “Pantheon? What Pantheon” Concepts of a Family of Gods in Pre-Christian Scandinavian Religions”, Scripta Islandica 66 (2015), pp. 55-76.
Durante il corso, verranno utilizzate delle presentazioni PPT che verranno messe a disposizione degli studenti mediante lo spazio che il corso avrà sulla piattaforma Moodle (http://moodle.unica.it/).

Altre Informazioni

Il ricevimento-studenti si svolge settimanalmente (venerdì, ore 9-11), come previsto sul sito della docente (http://people.unica.it/veronkaszoke/), presso il Campus Aresu, edificio centrale II piano, studio 24. Gli studenti possono inoltre contattare la docente via e-mail (vszoke@unica.it).
Informazioni sul corso in relazione al percorso formativo:
Il corso consente di maturare 6 CFU nell’ambito disciplinare “Filologia e linguistica applicata e generale” del Curriculum Linguistico-interculturale (Corso di laurea in Lingue e culture per la mediazione, III anno) o 6 CFU nell’ambito degli “esami a scelta dello studente”, qualora non sia già stato sostenuto come esame nell’ambito “Filologia e linguistica applicata e generale”.

credits unica.it | accessibilità Università degli Studi di Cagliari
C.F.: 80019600925 - P.I.: 00443370929
note legali | privacy

Nascondi la toolbar