Programmi

 

LS/0010 - ANTROPOLOGIA SOCIALE

Anno Accademico ​2019/2020

Docente
FRANCESCO ​BACHIS (Tit.)
Periodo
Primo Semestre​
Modalità d'Erogazione
Convenzionale​
Lingua Insegnamento
ITALIANO​



Informazioni aggiuntive

CorsoPercorsoCFUDurata(h)
[32/17] ​ ​LINGUE E COMUNICAZIONE [17/00 - Ord. 2019] ​ ​PERCORSO COMUNE630
Obiettivi

Acquisizione critica delle principali nozioni dell'antropologia socio-culturale (cultura, relativismo culturale, etnocentrismo ecc) e del suo lessico di base.
Acquisizione di conoscenze di base sulle principali specificità del punto di vista antropologico sui processi sociali oggetto di studio (sistemi economici, riproduzione, corpo, parentela e vita familiare, gruppi e stratificazioni sociali, sistemi politici, comunicazione, religioni, culture espressive ecc).
Acquisizione della capacità di collocare geograficamente e temporalmente gli esempi etnografici utilizzati durante il corso e nei testi.
Acquisizione della capacità di utilizzare gli strumenti della disciplina e i risultati di specifiche ricerche etnografiche per maturare uno sguardo critico e consapevole sulle migrazioni.

Prerequisiti

Adeguate conoscenze di carattere storico, filosofico, geografico, con particolare riferimento al colonialismo e alla storia del XIX e del XX secolo.

Contenuti

Il corso ha carattere introduttivo e si rivolge agli studenti iscritti al primo anno del Corso di laurea in Lingue e comunicazione e a tutti coloro i quali vorranno sostenere l'esame come crediti a scelta dello studente.
Le attività didattiche si divideranno in due parti e affronteranno i seguenti temi:
PARTE PRIMA
1. Introduzione all'antropologia socio-culturale
Le origini della disciplina: antropologia e colonialismo. Antropologia culturale e antropologia sociale. Le denominazioni della disciplina in Italia. Cultura, etnocentrismo e relativismo culturale.
2. La ricerca antropologica
Dall'antropologia da tavolino alla ricerca etnografica. La nozione di campo e la sua trasformazione nel corso della storia dell'antropologia.
3. Sistemi economici
Sistemi di sussistenza e divisione del lavoro. Modelli di consumo e sistemi di scambio. Globalizzazione e trasformazioni dei sistemi di produzione e di scambio.
4. Riproduzione e sviluppo
Dinamiche e modelli riproduttivi. Forme di controllo della fertilità. Cultura e personalità. Ciclo della vita e riti di passaggio.
5. Corpo, malattia, malessere e cura
Il dibattito su corpo e incorporazione in antropologia. Cenni sull'etnomedicina. Gli approcci teorici dell'antropologia medica. L'antropologia medica critica.
6. Parentela
La costruzione socio-culturale della parentela. Modelli di discendenza e modelli di alleanza. I gruppi familiari e la vita domestica.
7. Gruppi e stratificazioni sociali
Gruppi sociali. Auto ed etero ascrizioni. I gruppi etnici e i loro confini. Classe e etnicità.
8. Antropologia politica
Organizzazione politica e leadership. Ordine, equilibrio e conflitto nelle società umane. Le trasformazioni dei sistemi politici e giuridici nella globalizzazione.
9. Lingua e comunicazione
Cenni sui diversi approcci dell'antropologia linguistica. Forme verbali e non verbali della comunicazione umana. Lingua, linguaggio, diversità e diseguaglianza. Analisi critica del discorso: genere e razza.
10. Religioni
Lo studio storico-comparativo delle religioni. Ritualità e approccio etnografico alla religione
PARTE SECONDA
11. Etnografia delle migrazioni: un'introduzione
Forme di mobilità: migrazioni interne, internazionali e transnazionali. L'approccio transnazionale alle migrazioni. Modelli di inclusione e politiche dell'accoglienza.
12. La ricerca multisituata
Profilo storico della ricerca multisituata. Transnazionalismo e costruzione del campo nelle migrazioni. Le diverse pratiche di campo nel contesto globale.
13. Migrazioni e religioni
Appartenenze religiose in un contesto transnazionale. Lo studio etnografico delle pratiche religiose transnazionali e l'approccio comparativo.
14. Genere e generazioni
Per una critica del concetto di seconda generazione. Politiche dell'appartenenza tra i giovani figli di migranti. Approcci di genere nelle migrazioni transnazionali.
15. Etnografia delle migrazioni in Italia
Lo studio delle migrazioni e i confini disciplinari dell'antropologia in Italia. Gli studi sui razzismi italiani, sul colonialismo e sul post-colonialismo. Multiculturalismo all'italiana. Lo sviluppo delle etnografie multi-situate in Italia.

Metodi Didattici

Lezioni frontali con supporti multimediali (slide, video).

Verifica dell'apprendimento

La verifica dell'apprendimento avverrà attraverso una prova scritta.
I candidati avranno un ora e mezza di tempo per rispondere a 5 domande riguardanti il programma d'esame. Tre di queste saranno a risposta multipla (con cinque possibili risposte, solo una delle quali sarà corretta) e due a risposta aperta.
Le domande a risposta multipla e una di quelle a risposta aperta riguarderanno i punti 1 e 2 del programma mentre l'ultima domanda a risposta aperta riguarderà il testo a scelta dello studente (punto 3 del programma).
Entro due settimane i risultati verranno resi noti online sul sistema Esse3. Il voto attribuito può essere rifiutato.

Nella valutazione delle prove, la determinazione del voto finale terrà conto dei seguenti parametri:
1. Conoscenza delle nozioni e delle metodologie fondamentali della disciplina [fino a 10 punti]
2. Precisione concettuale e terminologica nell'esposizione dei contenuti del corso e dei testi del programma desame in forma scritta [fino a 6 punti]
3. Capacità di analisi [fino a 5 punti]
4. Capacità di sintesi [fino a 3 punti]
5. Capacità di elaborazione critica dei contenuti e dei metodi dell'antropologia socio-culturale [fino a 3 punti]
6. Capacità di sviluppare un ragionamento originale intorno ai contenuti e ai metodi anche attraverso la connessione di diverse parti del programma [fino a 3 punti]

Le valutazioni tra 18 a 22 trentesimi rendono conto dellacquisizione elementare di conoscenze di base relative ai contenuti, ai metodi e alle nozioni fondamentali della disciplina. Lo studente ha mostrato appena sufficienti o modeste capacità analitiche e di sintesi. Lo studente dimostra di aver compreso ma si esprime in maniera non del tutto appropriata, presenta lacune nella formazione e nella chiarezza concettuale e terminologica.
Le valutazioni tra 23 e 26 trentesimi rendono conto dellacquisizione più che sufficiente delle conoscenze relative ai contenuti, ai metodi e alle nozioni fondamentali della disciplina. Lo studente ha mostrato buone capacità analitiche e di sintesi. Lo studente si esprime in maniera appropriata e con chiarezza dal punto di vista dellespressione concettuale e terminologica.
Le valutazioni tra 27 e 30 trentesimi rendono conto dellacquisizione da molto buona a eccellente delle conoscenze relative ai contenuti, ai metodi e alle nozioni fondamentali della disciplina. Lo studente ha mostrato da molto buone a eccellenti capacità analitiche e di sintesi. Lo studente si esprime in maniera del tutto appropriata dal punto di vista concettuale e terminologico.

Testi

1. Barbara Miller, Antropologia culturale, edizione italiana a cura di Alessandra Broccolini, seconda edizione, Pearson Italia, Milano 2019. 334 p.
2. Bruno Riccio, Dalle connessioni transnazionali alle esperienze di giovani di origine straniera. Riflessioni teorico-metodologiche sullantropologia delle migrazioni in Italia, in Francesco Bachis, Antonio Maria Pusceddu (a cura di), Storie di questo mondo. Percorsi di etnografia delle migrazioni, Cisu, Roma 2013: 31-44.
3. Bruno Riccio, Antropologia e migrazioni: un'introduzione, in Bruno Riccio (a cura di), Antropologia e migrazioni, Cisu, Roma 2014: 11-20.
4. Un libro a scelta tra:
4.a. Francesco Bachis, Antonio Maria Pusceddu (a cura di), Storie di questo mondo: percorsi di etnografia delle migrazioni, Cisu, Roma 2013. 303 p.
4.b. Pietro Cingolani, Romeni d'Italia: migrazioni, vita quotidiana e legami transnazionali, Il Mulino, Bologna 2009. 305 p.
4.c. Martina Giuffré, Donne di Capo Verde: esperienze di antropologia dialogica a Ponta do Sol, Cisu, Roma 2007. 388 p.
4.d. Selenia Marabello, Il paese sotto la pelle: una storia di migrazione e co-sviluppo tra il Ghana e lItalia, Cisu, Roma 2012. 238 p.
4.e. Barbara Pinelli, Donne come le altre: soggettività, relazioni e vita quotidiana nelle migrazioni delle donne verso l'Italia, Ed.it, Firenze-Catania 2011. 258 p.
4.f. Barbara Pinelli, Luca Ciabarri (a cura di), Dopo l'approdo: un racconto per immagini e parole sui richiedenti asilo in Italia, Ed.it, Firenze 2016. 253 p.
4.g. Andrea F. Ravenda, Alì fuori dalla legge: migrazione, biopolitica e stato di eccezione in Italia, Ombre Corte, Verona 2011. 234 p.
4.h. Bruno Riccio (a cura di), Mobilità: incursioni etnografiche, Milano, Mondadori 2019. 212 p.
4.i. Francesco Vietti, Il paese delle badanti, Meltemi, Roma 2010. 238 p.

Altre Informazioni

La partecipazione alle lezioni del corso è libera e non obbligatoria.
Gli studenti di altri corsi di laurea che intendano sostenere lesame di Antropologia sociale come esame a scelta, che abbiano già sostenuto un esame di Antropologia nel proprio corso di studi, sono tenuti a sostituire il manuale di Barbara Miller (punto 1 dei testi in programma) con il volume a cura di Bruno Riccio Antropologia e migrazioni, Cisu, Roma 2014.

CALENDARIO DELLE LEZIONI
Auditorium A, Via San Giorgio

Mercoledì 2 ottobre 2019, ore 16-18
Martedì 8 ottobre 2019, ore 16-18
Mercoledì 9 ottobre 2019, ore 16-18
Lunedì 14 ottobre 2019, ore 10-12
Martedì 15 ottobre 2019, ore 16-18
Mercoledì 16 ottobre 2019, ore 16-18
Lunedì 21 ottobre 2019, ore 10-12
Mercoledì 23 ottobre 2019, ore 16-18
Martedì 5 novembre 2019, ore 16-18
Mercoledì 6 novembre 2019, ore 16-18
Lunedì 11 novembre 2019, ore 10-12
Martedì 12 novembre 2019, ore 16-18
Mercoledì 13 novembre 2019, ore 16-18
Lunedì 25 novembre 2019, ore 10-12
Martedì 26 novembre 2019, ore 16-18

credits unica.it | accessibilità Università degli Studi di Cagliari
C.F.: 80019600925 - P.I.: 00443370929
note legali | privacy

Nascondi la toolbar