Ott 292019
 

The Medicines Discovery Catapult (MDC), representing a consortium of charities and global pharmaceutical companies (“Psychiatry Consortium”), is looking to identify novel research projects to accelerate drug-discovery in psychiatric diseases.

The Psychiatry Consortium wishes to fund projects of up to 3‑year duration (at £200k-£1M each) focussing on the identification and validation of novel drug targets to address the unmet therapeutic needs of people with mental health conditions. The Psychiatry Consortium will work collaboratively with successful researchers to develop the projects and provide, in addition to project funding, access to drug-discovery expertise and capabilities, through specialised CRO partners, commercial know-how and project management resources.

The Psychiatry Consortium wishes to fund research focusing on novel molecular targets, pathways and potential therapeutics for mental health conditions, including (but not restricted to) psychotic disorders, bipolar disorder, depression, anxiety, stress related disorders, PTSD, OCD, autism spectrum disorders as well as psychiatric symptoms associated with dementia and other cognitive disorders.

In order to be funded, successful projects will meet either or both of the following criteria:
– provide preliminary evidence that links the molecular target to human disease, with evidence that target modulation will have a therapeutic effect
– be using or developing tools that enable target validation e.g. “tool compounds” to improve selectivity, potency, or bioavailability, or biomarkers, assays, or models relevant to disease

The Psychiatry Consortium is not interested in funding:
• Projects focused on well-studied targets and pathways for psychiatry diseases
• Projects with advanced chemistry e.g. lead/candidate molecules already synthesised and requiring only in vivo PK studies, preclinical proof-of-concept studies or IND-enabling studies
• Non-pharmacological interventions

The Psychiatry Consortium will cover all eligible direct research costs associated with the project, including, for example, research funding for assay development, screening and medicinal/biopharmaceutical chemistry resources required to develop novel chemistry against the target, and salary support for the applicant themselves or for research staff as appropriate. The Psychiatry Consortium will not fund indirect costs, such as non-specific estimated costs, including estates costs, library costs, finance, legal and HR costs.

The first call for proposals is open to applicants from academic institutions and other research institutes worldwide. Closing date 22nd November 2019

Official website: https://md.catapult.org.uk/syndicates/psychiatry-consortium/

Ott 172019
 

Il Ministero dello Sviluppo economico ha approvato il Programma di supporto alle tecnologie emergenti 5G  con l’obiettivo di realizzare progetti di sperimentazione, ricerca applicata e trasferimento tecnologico, basati sull’utilizzo delle tecnologie emergenti, quali Blockchain, Intelligenza Artificiale, Internet delle cose, collegate allo sviluppo delle reti di nuova generazione. Il Programma comprende un asse relativo a Progetti di ricerca e sviluppo.

A tale proposito, le Pubbliche amministrazioni, gli Enti pubblici, le Agenzie, gli Enti di ricerca e le Università potranno candidarsi per la realizzazione di specifici progetti di sperimentazione e ricerca, orientati all’utilizzo delle tecnologie emergenti, attuati attraverso la cooperazione tra più soggetti, in collaborazione con gli operatori titolari di frequenze utilizzabili per il 5G.

Possono presentare proposte progettuali Enti pubblici, Agenzie, Enti di ricerca e Università, in qualità di capofila proponente beneficiaria del finanziamento, con la partecipazione obbligatoria di almeno un Ente pubblico di ricerca o Università e un operatore privato da individuare tra:
– le imprese aggiudicatarie della procedura di gara per l’assegnazione di diritti d’uso delle frequenze nelle bande 3600-3800 MHZ e 26.5-27.5 GHZ
– le imprese titolari di autorizzazioni per la fornitura di reti e servizi di comunicazione elettronica accessibili al pubblico, che, alla data del presente avviso, siano titolari anche di un’autorizzazione per sperimentazioni 5G su bande di frequenze 5G diverse da quelle aggiudicate nella procedura di gara di cui al punto precedente.
È ammessa la co-partecipazione di ulteriori soggetti privati, quali PMI e start-up innovative, funzionali all’utilizzo di infrastrutture o servizi necessari all’attuazione del progetto.

I progetti oggetto di finanziamento in questo asse dovranno essere sostenibili e replicabili sul territorio nazionale. Il finanziamento potrà essere concesso fino ad un massimo dell’80% delle spese riconosciute ammissibili, e comunque per un importo non superiore ad 1 milione di euro per singolo progetto. Il progetto dovrà prevedere un budget di spesa non inferiore a euro 500.000 e avere una durata non inferiore a 12 mesi e non superiore a 24 mesi. La dotazione finanziaria è di 5 milioni di euro.

La Domanda di partecipazione, redatta secondo le modalità disposte dall’Avviso pubblico, dovrà essere inviata tramite posta elettronica certificata all’indirizzo PEC: dgscerp.div02@pec.mise.gov.it entro le ore 12:00 del 4 novembre 2019 oppure (qualora la domanda fosse così voluminosa da non permettere l’invio tramite PEC) con consegna a mano del plico completo di tutti gli allegati presso la Divisione II della DGSCERP del Ministero dello sviluppo economico, Viale America 201, 00144 Roma.

Il bando con relativi allegati è disponibile a questo link.

Informazioni:
Per assistenza nella presentazione della proposte è possibile rivolgersi a Unica Liaison Office, responsabile dott.ssa Orsola Macis, alla mail omacis@amm.unica.it o al numero 070 675 6502.
Mag 162019
 

E’ partita la nuova edizione della Start Cup Sardegna, la business plan competition che mette in gara le migliori idee imprenditoriali innovative sviluppate in Sardegna.

La Start Cup nasce dalla collaborazione fra gli uffici di Trasferimento Tecnologico delle Università di Sassari e di Cagliari e si concentra nei settori Life Science, ICT, Agrifood – Cleantech e Industrial.

L’edizione del 2019 si arricchisce dei premi speciali erogati dal Distretto Culturale del Nuorese alle idee che avranno come ulteriore obiettivo quello di sviluppare il comparto produttivo del settore.

La Start Cup Sardegna è un percorso che si svolge da maggio a ottobre 2019 e si articola in più fasi:

Fase 1:
Formazione all’autoimprenditorialità all’Università di Sassari; road show itinerante; selezione di massimo 10 idee.

Per partecipare al Road Show è necessario prenotarsi online per una delle sedi in calendario dal link: https://www.startcupsardegna.it/prenotazionetour 

  • 21 maggio, Sassari c/o UNISS Cubact Via Rockefeller, 54
  • 28 maggio, Olbia presso Polo Universitario all’Aeroporto Olbia
  • 4 giugno, Nuoro, Camera di Commercio Via Papandrea, 8
  • 11 giugno, Cagliari c/o Crea UNICA Via Ospedale, 121
  • 18 giugno, Oristano – c/o Consorzio Uno Via Carmine

Fase 2:
Percorso intensivo di mentoring per le 10 idee selezionate.

Finale regionale:
Giovedì 24 ottobre 2019, nel corso della cerimonia di premiazione, tutti i gruppi finalisti presenteranno la propria idea al pubblico attraverso un elevator pitch. La sfida regionale proclamerà i tre vincitori di Start Cup Sardegna 2019 che, oltre ai premi offerti dagli enti patrocinatori e degli sponsor, avranno la possibilità di partecipare alla fase nazionale, il 17° Premio Nazionale per l’Innovazione (PNI), che si terrà a Catania il 28 e 29 novembre 2019.

 

Modalità di partecipazione
Possono partecipare alla Start Cup Sardegna idee di business collegate al mondo della ricerca ma anche idee provenienti da soggetti esterni alle università, presentate da gruppi composti da almeno due persone. Possono partecipare anche le imprese in forma di società, purché non costituite prima del 1 gennaio 2019.

Le idee imprenditoriali devono essere presentate, complete di video pitch, entro il 15 luglio 2019 utilizzando la procedura on line.

Informazioni:
www.startcupsardegna.it

Mag 142019
 

Si può presentare entro il prossimo 7 giugno la domanda di partecipazione alla 15ma edizione del Premio Bernardo Nobile. Promosso da Area di Ricerca Scientifica e Tecnologica di Trieste – Area Science Park, il premio è suddiviso in tre riconoscimenti da € 2.500 ciascuno per tesi che diano risalto ai brevetti come fonte di informazione. Nello specifico, il Premio comprende un riconoscimento per una tesi di laurea magistrale, specialistica o del vecchio ordinamento; un riconoscimento per una tesi di dottorato di ricerca e infine un riconoscimento per una tesi di laurea magistrale, specialistica o del vecchio ordinamento oppure di dottorato di ricerca i cui risultati, studi e/o ricerche svolte abbiano portato al deposito di una domanda di brevetto o alla nascita di una nuova impresa.

Oltre a ciò, Area Science Park offre l’opportunità a 10 studenti universitari, per la preparazione della loro tesi, di usufruire di una ricerca di documentazione brevettuale, mirata e gratuita, per tutto il 2019.

A chi si rivolge
Può partecipare al Bando 2019 chi ha conseguito, da non più di tre anni al momento della scadenza del Bando stesso, la laurea magistrale, specialistica o del vecchio ordinamento oppure il titolo di dottore di ricerca presso un’università italiana, senza limitazioni di età o cittadinanza.

La scadenza per la presentazione delle domande di partecipazione è fissata a venerdì 7 giugno 2019.

Per maggiori informazioni e per scaricare il Bando e i file inerenti, la pagina di riferimento è www.areasciencepark.it/premionobile

Informazioni
email: formazione@areasciencepark.it
tel.: +39 040 375 5142 – 5309

Dic 142018
 

Con il  decreto direttoriale del Ministero dello sviluppo economico del 20 novembre 2018 è stato pubblicato un nuovo bando in favore di progetti di ricerca industriale e sviluppo sperimentale negli ambiti tecnologici “Fabbrica intelligente” e “Agrifood“.

L’intervento verrà attuato secondo una procedura valutativa a sportello per progetti con costi ammissibili compresi tra 800 mila e 5 milioni di euro e durata compresa tra 18 e 36 mesi. All’intervento sono assegnate risorse pari a 167 milioni di euro. Le domande accedono alla fase istruttoria sulla base dell’ordine cronologico giornaliero di presentazione.

I progetti dovranno essere attuati presso unità locali ubicate presso le Regioni meno sviluppate e/o in transizione (tra queste, la Sardegna).

Le domande potranno essere presentate tramite procedura online dal 22 gennaio 2019. La procedura di compilazione guidata sarà resa disponibile dal 17 dicembre 2018.

 

A chi si rivolge

soggetti ammissibili sono le imprese di qualsiasi dimensione che esercitano attività industriali, agroindustriali, artigiane, di servizi all’industria e i centri di ricerca.
Gli Organismi di ricerca (come l’Università di Cagliari) possono partecipare a progetti congiunti con altri soggetti ammissibili (massimo 3 partner in totale) regolati con contratto di rete o altre forme contrattuali.
Per i progetti del settore “Agrifood” sono soggetti ammissibili anche le imprese agricole.

 

Tipo di agevolazioni

Per gli organismi di ricerca le agevolazioni sono concesse sotto forma di contributo diretto alla spesa:
a. 47% dei costi e spese relative a ricerca industriale;
b. 22% dei costi e spese per sviluppo sperimentale;
c. un ulteriore contributo diretto alla spesa pari al 3% dei costi e delle spese ammissibili in alternativa al finanziamento agevolato;
d. un ulteriore contributo diretto alla spesa pari al 10% dei costi e delle spese è previsto in caso di collaborazione con una PMI (art. 6).

I progetti di ricerca e sviluppo presentati nella fase 2 dello Sme Instrument di Horizon 2020, a cui è stato riconosciuto il “Seal of excellence” dovranno superare unicamente la valutazione della “solidità economico-finanziaria del soggetto proponente”.

Gli organismi di ricerca possono partecipare a più progetti congiunti mediante i propri Dipartimenti (un progetto per Dipartimento). Per coordinare la selezione dei progetti, gli interessati dovranno compilare e inviare entro venerdì 4 gennaio 2019 alla mail dir.ricter@amm.unica.it il modulo disponibile a questo link [file .rtf], che contiene:

  • la lettera di intenti da far sottoscrivere a tutti i co-proponenti;
  • la manifestazione di interesse con i dati sintetici sul progetto.

Graduatorie
Sono disponibili a questo link le graduatorie relative alla procedura a sportello, una relativa al settore “Agrifood” e l’altra al settore “Fabbrica intelligente”.

Informazioni:
UniCa Liaison Office è disponibile per fornire chiarimenti e informazioni entro il 21 dicembre 2018 alla mail dir.ricter@amm.unica.it e al numero 070 675 6502(dott.ssa Orsola Macis).

Bando e modulistica sono disponibili a questo link alla voce: “Procedura valutativa a sportello – settori applicativi “Fabbrica intelligente” e “Agrifood”.

credits unica.it | accessibilità Università degli Studi di Cagliari
C.F.: 80019600925 - P.I.: 00443370929
note legali | privacy

Nascondi la toolbar