Programmi

 

20/38/007B - ARCHEOLOGIA CRISTIANA E MEDIEVALE 1 (MOD.B)

Anno Accademico ​2021/2022

Docente
FABIO CALOGERO ​PINNA (Tit.)
Periodo
Primo Semestre ​
Modalità d'Erogazione
Convenzionale ​
Lingua Insegnamento
ITALIANO ​



Informazioni aggiuntive

CorsoPercorsoCFUDurata(h)
[20/40] ​ ​LETTERE [40/40 - Ord. 2008] ​ ​STORIA630
[20/45] ​ ​BENI CULTURALI E SPETTACOLO [45/50 - Ord. 2016] ​ ​BENI CULTURALI E SPETTACOLO CONVENZIONALE630
Obiettivi

Obiettivi
A. Conoscenza e capacità di comprensione: dimostrare di avere conoscenze e capacità di comprensione dei principali indirizzi di ricerca dell’archeologia medievale, grazie al supporto di materiale bibliografico aggiornato. Saper individuare e organizzare i termini di un vocabolario controllato nell’ambito specifico (*)
B. Capacità di applicare conoscenza e comprensione: essere capaci di applicare conoscenze e capacità di comprensione alla lettura archeologica dei contesti, dimostrando un primo approccio professionale, e di possedere competenze adeguate per ideare e sostenere argomentazioni nel campo dell’archeologia medievale; essere capaci di produrre e acquisire dati conoscitivi su contesti e siti archeologici, effettuare ricerche bibliografiche e di archivio, indagini documentarie, epigrafiche e iconografiche; di collaborare alle attività di inventariazione, catalogazione e documentazione inerenti i beni archeologici (*).
C. Autonomia di giudizio: essere in grado, anche attraverso un’autonoma raccolta e interpretazione dei dati, di comprendere ruolo e significato delle testimonianze monumentali e materiali dell’epoca medievale, al fine della ricostruzione dei fenomeni storici e delle ricadute sui temi sociali, scientifici o etici ad essi connessi; essere in grado collaborare, con il proprio apporto, alle attività di valutazione ed identificazione di siti e contesti archeologici (*).
D. Abilità comunicative: saper presentare, in forma orale e scritta, a interlocutori specialisti e non specialisti, attraverso un lessico di volta in volta adeguato, i caratteri delle fonti archeologiche, le idee, i problemi e le soluzioni che si pongono in relazione ad una serie di questioni che riguardano la storia e la società medievale. Essere in grado, a partire dal corretto reperimento delle informazioni e al lavoro di gruppo, di collaborare ad attività di comunicazione culturale e ad interventi educativi (*)
E. Capacità di apprendimento: sviluppare le competenze necessarie per intraprendere studi successivi nel campo dell’archeologia medievale e, in generale del patrimonio culturale, con un grado di autonomia, che consenta di elaborare studi e relazioni sui temi della disciplina (*).
L’insegnamento concorre al conseguimento dei requisiti di accesso alla figura professionale dell’archeologo e dello storico dell’arte - III fascia, definite dal D.M. 244 del 20 maggio 2019, e specificamente all’acquisizione di competenza, abilità e conoscenze associate alla professione, descritte rispettivamente nell’allegato 2 e nell’allegato 7 al D.M §3 (cfr. supra gli obiettivi formativi contrassegnati con l’asterisco).

Prerequisiti

1. Prerequisito importante è la capacità dello studente di comprendere testi di vario tipo e riuscire ad estrapolare da essi le informazioni utili per il raggiungimento degli obiettivi e l’acquisizione dei contenuti dell’insegnamento;
2. molto utile è anche la capacità di compiere ricerche di informazioni attraverso la rete;
3. un importante ausilio è rappresentato dalla conoscenza dei fondamenti di geografia e dei riferimenti storici del contesto euro-mediterraneo.

Prerequisiti

Prerequisiti
1. Prerequisito importante è la capacità dello studente di comprendere testi di vario tipo e riuscire ad estrapolare da essi le informazioni utili per il raggiungimento degli obiettivi e l’acquisizione dei contenuti dell’insegnamento;
2. molto utile è anche la capacità di compiere ricerche di informazioni attraverso la rete;
3. un importante ausilio è rappresentato dalla conoscenza dei fondamenti di geografia e dei riferimenti storici del contesto euro-mediterraneo.

Contenuti

1. Origine e sviluppo dell’Archeologia Medievale in Europa e in Italia.
2. Fonti funzionali alla ricerca archeologica nel campo delle antichità medievali.
3. Archeologia urbana e storia della città medievale.
4. Archeologia delle architetture.
5. Archeologia del territorio e dei paesaggi.
6. Storia della cultura materiale e archeologia della produzione.
7. Temi peculiari dell’archeologia postmedievale.
8. Il contributo dell’archeologia alla conoscenza della Sardegna medievale e post-medievale.

Contenuti

1. Origine e sviluppo dell’Archeologia Medievale in Europa e in Italia. 
2. Fonti funzionali alla ricerca archeologica nel campo delle antichità medievali.
 3. Archeologia urbana e storia della città medievale.
 4. Archeologia delle architetture. 
5. Archeologia del territorio e dei paesaggi. 
6. Storia della cultura materiale e archeologia della produzione.
 7. Temi peculiari dell’archeologia postmedievale.
 8. Il contributo dell’archeologia alla conoscenza della Sardegna medievale e post-medievale.

Metodi Didattici

Le attività formative consisteranno in lezioni frontali in aula. Potranno essere proposte alcune lezioni frontali sul campo e uno o due seminari su temi specifici (individuati sulla base del possesso dei prerequisiti e della verifica in itinere del raggiungimento degli obiettivi formativi).
Per soddisfare esigenze didattiche specifiche connesse alla situazione epidemiologica, è prevista la possibilità di lezioni in diretta streaming o registrazioni delle stesse disponibili on-line. Inoltre, le esercitazioni potranno essere svolte mediante forme di interazione a distanza con i supporti informatici disponibili.

Verifica dell'apprendimento

Verifica dell'apprendimento
1. la verifica dell’apprendimento, consistente in un esame orale, sarà finalizzata ad accertare l’effettiva acquisizione da parte dello studente degli obiettivi formativi, comprensiva della capacità maturata dallo studente di applicare comprensione e conoscenza a casi concreti;
2. la valutazione finale sarà espressa attraverso un voto in trentesimi;
3. Il punteggio della prova d'esame è attribuito mediante un voto compreso tra i 18/30 (conoscenza elementare della materia, limitata agli aspetti nozionistici, conoscenza sufficiente degli strumenti di valutazione, difficoltà ad applicare le conoscenze, ridotta padronanza linguistica) ai 30/30, con eventuale lode (capacità di sistematizzare in maniera logica e coerente le conoscenze acquisite, capacità di valutare e applicare in modo critico i concetti, riuscendo ad esprimerli con un’adeguata padronanza di linguaggio).
4. Durante lo svolgimento delle lezioni, possono tenersi verifiche ed esercitazioni che costituiscono una base preliminare per la valutazione complessiva dello studente.

Verifica dell'apprendimento

1. La verifica dell’apprendimento, consistente in un esame orale, sarà finalizzata ad accertare l’effettiva acquisizione da parte dello studente degli obiettivi formativi, comprensiva della capacità maturata dallo studente di applicare comprensione e conoscenza a casi concreti;
2. la valutazione finale sarà espressa attraverso un voto in trentesimi;
3. Il punteggio della prova d'esame è attribuito mediante un voto compreso tra i 18/30 (conoscenza elementare della materia, limitata agli aspetti nozionistici, conoscenza sufficiente degli strumenti di valutazione, difficoltà ad applicare le conoscenze, ridotta padronanza linguistica) ai 30/30, con eventuale lode (capacità di sistematizzare in maniera logica e coerente le conoscenze acquisite, capacità di valutare e applicare in modo critico i concetti, riuscendo ad esprimerli con un’adeguata padronanza di linguaggio).
4. Durante lo svolgimento delle lezioni, possono tenersi verifiche ed esercitazioni che costituiscono una base preliminare per la valutazione complessiva dello studente.

Lo studente dovrà dimostrare di aver acquisito le conoscenze degli aspetti di base relativi ai fondamenti dell’Archeologia medievale nella sua evoluzione attraverso i secoli; di saper applicare conoscenza e comprensione alla lettura delle testimonianze monumentali e materiali dell’epoca medievale; - saper leggere e valutare criticamente le evidenze archeologiche; saper comunicare con adeguato vocabolario i concetti fondamentali dell’archeologia e della metodologia archeologica.
Il punteggio della prova d'esame è attribuito mediante un voto espresso in trentesimi e nella valutazione dell'esame tiene conto dei seguenti elementi:
1. comprensione e conoscenza dei contenuti.
2. fluidità dell’esposizione
3. adeguato linguaggio
Il voto finale sarà subordinato al grado di soddisfacimento dei suddetti elementi.

Testi

TESTI ADOTTATI
L. PANI ERMINI, s.v. Archeologia Medievale, in Enciclopedia Italiana Treccani, Appendice 2000, Roma 2000, I, pp. 83-85.
Enciclopedia Treccani 2000. Il mondo dell’archeologia, I, Roma 2002, pp. 54-61, 116-121, 146-148, 824-829.
A. AUGENTI, Archeologia dell’Italia medievale, Roma-Bari 2016.R. MARTORELLI, Archeologia Cristiana e Medievale in Sardegna. Introduzione allo studio, Cagliari 2008.
M. MILANESE (a cura di), Vita e morte dei villaggi rurali tra medioevo ed età moderna. Dallo scavo della Villa de Geriti ad una pianificazione della tutela e della conoscenza dei villaggi abbandonati della Sardegna = Quaderni del Centro di Documentazione dei villaggi abbandonati della Sardegna, 2, Borgo S. Lorenzo (FI) 2006, pp. 9-58.
P.G. SPANU, Iterum est insula quae dicitur Sardinia, in qua plurimas fuisse civitates legimus (Ravennatis Anonymi Cosmographia V, 26). Note sulle città sarde tra la tarda antichità e l’alto medioevo, in Le città italiane tra la tarda antichità e l’alto medioevo. Atti del Convegno di Studi (Ravenna 26-28 febbraio 2004), a cura di A. AUGENTI, Firenze 2006, pp. 589-612.
F. PINNA, Il ‘disegno progettuale’ di Giovanni Lilliu per l’archeologia medievale in Sardegna in M. Perra e R. Cicilloni (a cura di), Le tracce del passato e l’impronta del presente. Studi in memoria di Giovanni Lilliu = Quaderni di Layers, 1, Cagliari: Università degli Studi di Cagliari, 2018, pp. 353-365.
F. PINNA, Le testimonianze archeologiche relative ai rapporti tra gli Arabi e la Sardegna nel Medioevo, in RiMe-Rivista dell’Istituto di Storia dell’Europa Mediterranea, 4 (2010), pp. 11-37.
F. PINNA, Le indagini archeologiche nel sito del Palazzo di Baldu (Luogosanto) e il loro contributo alla conoscenza della Gallura medievale, in Temporis Signa. Archeologia della tarda antichità e del medioevo, Centro Italiano di Studi sull’Alto Medioevo (Spoleto), X, 2016, pp. 45-66.
ALTRI TESTI SUGGERITI:
D. STIAFFINI, Il Vetro nel Medioevo. Tecniche Strutture Manufatti, Roma 1999.
F. ZAGARI, Il metallo nel Medioevo. Tecniche, strutture, manufatti, Roma 2006.
P.G. SPANU, La Sardegna bizantina tra VI e VII secolo = Mediterraneo tardoantico e medievale. Scavi e ricerche, 12, Oristano 1998.
P. CORRIAS, S. COSENTINO (a cura di), Ai confini dell’Impero. Storia, arte e archeologia della Sardegna bizantina, Cagliari 2002.
R. MARTORELLI, D. MUREDDU (a cura di), Archeologia urbana a Cagliari. Scavi in Vico III Lanusei (1996-1997), Cagliari 2006.
F.G.R. CAMPUS, L’incastellamento in Sardegna: quarant’anni dopo Les structures du Latium medieval di Pierre Toubert, in, L’Incastellamento: storia e archeologia a 40 anni da Les structures di Pierre Toubert, a cura di A. AUGENTI e P. GALETTI, Spoleto 2018, pp. 479-498;
M. SANNA MONTANELLI De his qui ad ecclesias confugiunt. Appunti per la ricostruzione del paesaggio minerario di Villa di Chiesa (Iglesias, SU) in età prepisana. Atti del V Ciclo di Studi Medievali (Firenze 3-4 Giugno 2019), Lesmo 2019.

Altre Informazioni

Contenuti e metodi previsti per il corso rendono particolarmente indicata, ai fini del raggiungimento degli obiettivi formativi, la partecipazione alle lezioni, nel corso delle quali saranno precisate anche le modalità di utilizzo della bibliografia.
Per chiarimenti su argomenti presentati nel corso o sulle modalità dell’esame il prof. Pinna è disponibile presso il proprio studio (Sede operativa del Dipartimento di Lettere, Lingue e Beni Culturali all’interno della Cittadella dei Musei) o in modalità telematica, secondo quanto indicato alla pagina del docente: https://unica.it/unica/page/it/fabioc_pinna

contatti | accessibilità Università degli Studi di Cagliari
C.F.: 80019600925 - P.I.: 00443370929
note legali | privacy