Risultati di Apprendimento Attesi

 

Conoscenza e capacità di comprensione (knowledge and understanding)

Il laureato nel corso di laurea in Lettere possiede solide conoscenze di base, con capacità di orientarsi all’interno dei diversi settori dei saperi umanistici, in ambito sia classico sia moderno, con particolare sensibilità nei confronti della dimensione interdisciplinare degli studi. Più in particolare il laureato acquisirà le conoscenze di base relative alle dinamiche e ai processi storici dall’antichità ai nostri giorni e allo svolgimento storico della letteratura italiana con acquisizione di capacità di lettura critica di testi e di analisi linguistico-filologica; una conoscenza di base della letteratura latina con approccio diretto ai testi in originale e sufficiente capacità di analisi filogico-linguistica; e, a seconda del percorso formativo, i fondamenti essenziali della linguistica e della filologia testuale; una conoscenza di base della storia di almeno una letteratura straniera europea con capacità di lettura di testi in originale; i fondamenti della letteratura greca con approccio diretto ai testi in originale e sufficiente capacità di analisi filogico-linguistica; una conoscenza di base delle tradizioni linguistiche, delle espressioni letterarie e della storia della Sardegna; i fondamenti delle tecniche e delle modalità dei linguaggi specifici dell’informazione. Tali risultati vengono ottenuti tramite la frequenza attiva e partecipata alle lezioni frontali che trattano problemi di inquadramento disciplinare generale, presentano, analizzano e commentano criticamente i testi letterari e le fonti storiche, forniscono inoltre i principali strumenti di analisi e gli strumenti bibliografici attinenti tanto a questioni d’ordine generale quanto a questioni più specifiche e particolari, e addestrano alla fruizione di dizionari specifici, repertori, cartografia, atlanti, collezioni specializzate, edizioni critiche, opere enciclopediche. I risultati saranno valutati al momento degli esami, in cui lo studente dovrà dimostrare di aver appreso i contenuti e i metodi essenziali e fondamentali delle diverse discipline, dando prova altresì di conoscerne i principali strumenti di indagine e di analisi.

Capacità di applicare conoscenza e comprensione (applying knowledge and understanding)

Il laureato è capace di applicare e utilizzare le conoscenze umanistiche classiche e moderne acquisite sia nell’ambito di esperienze professionali che nel proprio campo di studi. In particolare il laureato sa analizzare i processi letterari e storico-letterari, nonché la problematica, le dinamiche e i processi storici, politici e sociali; è in grado di analizzare i testi letterari e le fonti storiche; sa applicare ai testi letterari i metodi critici appresi; è in grado di valutare gli avvenimenti attuali alla luce dei metodi storici appresi; sa riconoscere nel presente l’eredità storica del passato; è capace di utilizzare gli strumenti bibliografici. Tali risultati verranno acquisiti attraverso lezioni frontali, seminari e conferenze, in cui verrà reso edotto delle possibili applicazioni dei principali metodi di indagine e di analisi ai diversi campi dell’operare (commento di testi letterari alla cui comprensione concorrono componenti molteplici in reciproca interazione: grammaticali, semiotiche e storico-critiche; esegesi delle fonti storiche e successiva costruzione del racconto’ e del giudizio storico; raffronto di diversi momenti storici e storico-letterari, che individui da un lato le differenti peculiarità diacroniche singolari e dall’altro i fenomeni di continuità di lunga durata attraverso il regolare accostamento e l’istituzione di analogie, simmetrie e similarità sia fra diversi momenti storici, sia fra diverse tipologie testuali). L’acquisizione di tali capacità viene valutata tramite l’abilità che lo studente saprà dimostrare (in colloqui informali, nella partecipazione attiva a seminari, nella produzione di testi scritti, nel rispondere ai quesiti d’esame, e, non da ultimo, nella preparazione e nella discussione dell’elaborato per la prova finale) di saper applicare a un medesimo oggetto di indagine o di discorso critico-analitico metodi e prospettive d’approccio differenti e interdisciplinari; di saper costruire con coerenza logica e con proprietà concettuale argomentativa discorsi di un adeguato grado di complessità; e di saper prospettare su campi operativi non immediatamente attinenti alla materia disciplinare il/i sapere/i acquisito/i.

Autonomia di giudizio (making judgements)

Grazie all’acquisizione dei principali strumenti di analisi critica nel campo degli studi letterari, storici e linguistici di tradizione classica e moderna il laureato è in grado di interpretare un testo e di esprimere autonome riflessioni sui grandi temi storico-culturali e sulle problematiche della società contemporanea. Tali risultati verranno ottenuti tramite la possibilità, garantita dall’offerta didattico-formativa del CdL, di porre a confronto ambiti disciplinari diversi e i loro rispettivi metodi di indagine nei diversi campi dello scibile: attraverso la riflessione tanto sui testi letterari e le espressioni artistiche quanto sugli eventi, le dinamiche e i processi storici oggetto di studio, nonché attraverso la riflessione sulle strutture linguistiche consolidatesi storicamente su parametri e tipologie acroniche e interlinguistiche. Inoltre, lo studente sarà messo in condizione di riflettere sulle diverse proposte critiche avanzate nel corso della storia e del progredire degli studi scientifici, e sull’affinarsi dei metodi d’indagine, anche al di là degli ambiti più strettamente letterari e storici (antropologia, sociologia, archeologia, ecc.). L’autonomia di giudizio posseduta dallo studente viene verificata e valutata tramite la capacità che questi, al momento dei diversi esami o nell’elaborazione di altri prodotti (resoconti di seminari e convegni o di stage e tirocini di cui s’è fatta esperienza), dimostrerà di possedere nel mettere a confronto in maniera originale o comunque non immediatamente prevedibile e routinaria, saperi diversi, e nell’applicare quanto appreso a situazioni, testi, prodotti culturali ed eventi storici articolati.

Abilità comunicative (communication skills)

Il laureato sa trasmettere in forma orale e scritta le conoscenze acquisite relative agli studi letterari, storici e linguistici di tradizione classica e moderna tanto nell’ambito della divulgazione, quanto in quello della comunicazione scientifica, almeno a un primo livello di difficoltà. Il risultato viene conseguito tramite la proposizione allo studente di tipi’ discorsivi diversi, tanto in relazione ai diversi ambiti disciplinari presenti nell’offerta formativa del CdL, quanto ai diversi approcci critico-metodologici a una medesima disciplina: ciò che gli consentirà di acquisire capacità di elaborare molteplici tipi di discorso comunicativo, di acquisire i fondamenti di una testualità variata e flessibile ai diversi scopi, e una competenza lessicale specifica, duttile e diversificata. Le capacità comunicative e discorsive sono poi incrementate dallo studio di almeno una lingua e letteratura straniera, nonché dalla partecipazione ai laboratori di informatica. Potranno cooperare a tal fine anche attività seminariali, conferenze e convegni. Infine, non certo da ultimo, concorre all’acquisizione delle abilità comunicative la preparazione di un elaborato scritto per la prova finale che, condotto sotto la guida di un docente, affinerà le capacità espressive e di articolazione, strutturazione e costruzione testuale da parte dello studente. Tali capacità saranno verificate tramite l’individuazione e la valutazione della adeguatezza testuale e precisione lessicale dei testi, orali e scritti, prodotti dallo studente al fine del sostenimento degli esami, i quali possono prevedere anche verifiche informali in itinere; sono previste verifiche specifiche relative alla conoscenza della lingua straniera, e alla idoneità all’uso dei principali strumenti informatici. Infine, a conclusione dell’itinerario formativo, lo studente sarà valutato anche nelle sue capacità espressive e costruttive in relazione all’elaborato preparato per la prova finale.

Capacità di apprendimento (learning skills)

Tramite e grazie all’attività didattica e formativa qui sopra descritta e offerta nei modi proposti, il laureato possiede i fondamenti di base dei saperi umanistici, sa utilizzare analiticamente e sinteticamente le fonti e la bibliografia, ha maturato un metodo critico oltre che capacità di elaborazione e di comunicazione, ed ha quindi acquisito le capacità di apprendimento utili alla prosecuzione del proprio percorso formativo con l’iscrizione a un master di I livello o a una laurea magistrale. Tali capacità saranno verificate in itinere mediante l’elaborazione da parte dello studente di testi scritti e orali che confluiranno nelle prove d’esame, o in altri tipi di verifica (p. es. valutazione, da parte di un docente, di resoconti scritti, prodotti dallo studente, di conferenze, convegni e seminari) delle sue capacità di apprendimento, di affinamento e di giudizio, e di duttilità applicativa e interdisciplinare; oltre che, ovviamente, attraverso l’elaborazione del testo scritto da presentare per la prova finale, che sarà seguito da un docente e valutato dall’apposita commissione esaminatrice.

contatti | accessibilità Università degli Studi di Cagliari
C.F.: 80019600925 - P.I.: 00443370929
note legali | privacy