Insegnamenti

 

SP/0037 - INDICATORI SOCIO-ECONOMICI

Anno Accademico ​2019/2020

Docente
ISABELLA ​SULIS (Tit.)
Periodo
Secondo Semestre​
Modalità d'Erogazione
Convenzionale​
Lingua Insegnamento
ITALIANO​



Informazioni aggiuntive

CorsoPercorsoCFUDurata(h)
[2/66] ​ ​RELAZIONI INTERNAZIONALI [66/00 - Ord. 2018] ​ ​PERCORSO COMUNE636
Obiettivi

Conformemente a quanto previsto dai Descrittori di Dublino (I-V) il corso si prefigge di fornire agli studenti gli strumenti e le conoscenze necessarie per il monitoraggio, attraverso l'impiego indicatori statistici, della struttura e dei cambiamenti dei sistemi socio-economici sia in ambito nazionale che sovranazionale.

Gli indicatori socio-economici costituiscono oggigiorno la base informativa di un Paese e sono utilizzati come supporto alla programmazione di politiche e interventi proprio per la loro capacità di cogliere i mutamenti e le condizioni di un sistema in tempi rapidi, di evidenziarne le problematiche più evidenti, di favorire la comparabilità tra territori e/o Paesi e di monitorare come un sistema risponde all’implementazione di specifiche azioni o politiche.

Il corso mira anche a fornire le competenze statistiche necessarie a operazionalizzare fenomeni complessi tramite un cruscotto di indicatori statistici. A tal fine si farà riferimento alle principali banche di dati nazionali e internazionali per il reperimento delle informazioni nonché a strumenti di statistica di base per la sintesi dei dati e metodi per l’analisi delle relazioni causali.

Alla fine del corso gli studenti saranno in grado di applicare conoscenza e comprensione attraverso lo sviluppo della capacità di (i) selezionare le fonti statistiche da banche dati nazionali e internazionali; (ii) leggere e analizzare con spirito critico un sistema di indicatori socio-economici; (iii) selezionare indicatori statistici per il monitoraggio di un fenomeno socio-economico; (iv) saper cogliere i mutamenti e le variazioni di un fenomeno e le relazioni causali in funzione degli obiettivi conoscitivi; (v) sintetizzarne le dinamiche a fini comparativi.

Il corso mira inoltre a fornire agli studenti le conoscenze necessarie affinché sviluppino ulteriori approfondimenti, anche individualmente, e maturino autonomia di giudizio. Al termine del percorso lo studente avrà acquisito le competenze necessarie per intraprendere studi successivi nell’ambito dei metodi quantitativi per l’analisi dei fenomeni sociali.

Prerequisiti

I prerequisiti per la comprensione dei contenuti del corso sono le conoscenze di statistica descrittiva che si acquisiscono in un corso base di statistica (scale di misura delle variabili, misure di posizione, misure di tendenza centrale, misure di variabilità, misure di associazione).

Contenuti

I. Data, Indexes and Indicators: introduction to social indicators; the process for building up social indicators;
Purposes of social indicators and types; main data bases of socio-economic indicators at national, European and international level.

II. Methods for comparing groups: comparisons across groups or over times using ratios and differences; comparisons across groups using inequality indexes.

III. Methodologies for the synthesis of social indicators: methods of transformation, aggregation, weighting and comparison. Synthesis of multidimensional concepts.


IV. Introduction to bivariate and multivariate relationships and the analysis of causal relationships.

- Case studies will be provided from the following fields: human development, inequality, education, well-being, quality of life, etc.

Metodi Didattici

Il corso si svolge in 36 ore articolate in 18 lezioni frontali con moduli della durata di 2 ore ciascuno (6 lezioni, previa disponibilità di postazioni nel laboratorio informatico, saranno svolte con l'ausilio di software statistici). Condizionatamente alla presenza di risorse di tutoraggio aggiuntive saranno previsti 4 laboratori, delle durata di 2 h ciascuno, che si svolgeranno presso il laboratorio informatico.

Verifica dell'apprendimento

La valutazione prevede lo svolgimento di un elaborato in cui verranno sottoposti allo studente quattro quesiti, 2 sugli aspetti teorici e 2 su un caso di studio.

All'esame scritto seguirà la discussione individuale degli elaborati.

Lo studente dovrà dimostrare la capacità di saper interpretare le informazioni provenienti da un sistema di indicatori statistici, di saper selezionare gli strumenti per il monitoraggio di un fenomeno attraverso un sistema di indicatori, di saper interpretare i risultati e sintetizzarli a fini comparativi e conoscitivi.

Il punteggio della prova d'esame è espresso in trentesimi.

Il giorno della prova scritta sarà comunicata la data in cui verranno individualmente discussi gli elaborati.

La discussione ha la finalità di dare allo studente la possibilità di prendere visione dell'elaborato, di discuterne le modalità di svolgimento con il docente, e di avere chiarimenti sulla valutazione ricevuta.

Al termine della discussione gli esiti saranno pubblicati e verbalizzati tramite il sistema Esse3.

-----------------------------------------------------------------------
Negli appelli di aprile, giugno e luglio gli studenti potranno (a loro scelta) svolgere la prova di esame in due parti:

1. Predisposizione di un breve report (min 7000 max 10000 caratteri spazi inclusi; tabelle, grafici, note e riferimenti bibliografici esclusi) volto a rispondere ad una domanda di ricerca concordata con il docente attraverso l'utilizzo di indicatori socio-economici e dei metodi statistici oggetto del programma (50% della prova). Il report dovrà essere consegnato al docente prima o il giorno della prova scritta.

2. Prova scritta in cui lo studente dovrà rispondere a due quesiti teorici presenti nella prova di esame tradizionale (50% della prova).

Il voto di entrambe le prove sarà espresso in trentesimi.

Il voto finale verrà determinato dalla media dei voti ottenuti nelle due prove.
-------------------------------------------------------------------------
Nella valutazione dell'esame la determinazione del voto finale terrà conto dei seguenti aspetti:

1. la logica seguita dallo studente nel fornire le risposte ai quesiti;
2. la correttezza delle informazioni fornite e delle procedure individuate;
3. la completezza delle informazioni;
4. la capacità di argomentare;
5. l'impiego di un adeguato linguaggio statistico;
6. la capacità di comunicare i risultati in forma scritta e di evidenziarne gli aspetti più rilevanti.

Il soddisfacimento dei primi due punti è necessario per il raggiungimento di una valutazione positiva. Il soddisfacimento anche degli aspetti 3 e 4 è condizione necessaria per poter conseguire una valutazione più che positiva, che varierà a seconda del grado di soddisfacimento delle condizioni. I voti superiori a 26 verranno attribuiti agli studenti i cui elaborati soddisfano tutti e sei gli aspetti sopra elencati e varieranno a seconda del grado di soddisfacimento delle condizioni elencate.

Testi

Il materiale fornito dal docente è disponibile al seguente link

http://people.unica.it/isabellasulis/indicatori-socio-economici-cds-relazioni-internazionali/

I. Dati, Indici e Indicatori

Delvecchio (1995) Scale di Misura e Indicatori Sociali. Cacucci editore, Bari. (Cap 3 & 4 pag. 53-88)

Istat (2016) BES 2016. Il Benessere Equo e Sostenibile in Italia (Pag. 1-14 & pag. 41-50)

https://www.istat.it/it/files//2016/12/BES-2016.pdf

Letture indicate dal docente sugli aggiornamenti degli indicatori BES:

Istat (2018) BES 2018. Il Benessere Equo e Sostenibile in Italia.

Materiale fornito dal docente.

II. Metodi per il confronto fra le caratteristiche di uno o più collettivi

a) Il confronto tra collettivi mediante rapporti e differenze

Leti G. Cerbara L. (2009). Elementi di Statistica Descrittiva. Il Mulino (Cap 9 pag. 137-153).

Borra S., Di Ciaccio A. (2008). Statistica. Metodologia per le scienze economiche e sociali. McGraw-Hill (Cap 5 pag 98-104).

b) Il confronto tra collettivi mediante le misure della disuguaglianza

Borra S., Di Ciaccio A. (2008). Statistica. Metodologia per le scienze economiche e sociali. McGraw-Hill (Cap 4 pag. 86-94).

Materiale fornito dal docente.

III. Problemi e metodologie di sintesi degli indicatori sociali

Delvecchio F. (1995) Scale di Misura e Indicatori Sociali. Cacucci Editore, Bari Cap 5 pag 117-141 pag 158-160.

Leti G. Cerbara L. (2009). Elementi di Statistica Descrittiva. Il Mulino. Cap 10 Le medie delle distribuzioni secondo un carattere pag. 185-190.


Materiale fornito dal docente.

IV. Introduzione alle relazioni multivariate e l' analisi delle relazioni causali


Agresti A, Finlay B, Metodi statistici di base e avanzati per le scienze sociali, Pearson, Milano, Ultima edizione. cap 9, 10, 11.

Materiale fornito dal docente.




Altri testi

Baldini M. , Toso S.(2004). Diseguaglianza, Povertà e Politiche Pubbliche. pag.53-55

Aiello F., Librizzi L., Gli indicatori nelle scienze sociali: dal qualitativo al quantitativo, in Diamond I., Jefferies J., Introduzione alla statistica per le scienze sociali, McGraw-Hill, 2006 (Cap. 15 - par. 15.4 excluded)

Iezzi D. F. (2009). La costruzione di indicatori compositi. In Iezzi D.F. Statistica per le scienze sociali. Carocci. Roma (cap. 11)



Testi Lingua Inglese:

- Nardo M., Saisana M., Tarantola S., Hoffman A., Giovannini E., Handbook on Costructing Composite Indicators Methodology and user guide, OCSE 2005 (pag. 1-49).

Altre Informazioni

Le lezioni si svolgeranno con lausilio di slides, di software statistici e collegamenti a banche di dati attraverso i corrispondenti siti web.

Il materiale didattico verrà messo a disposizione sulla pagina web del docente. La password per accedere alla pagina del materiale didattico sarà fornita dal docente.

credits unica.it | accessibilità Università degli Studi di Cagliari
C.F.: 80019600925 - P.I.: 00443370929
note legali | privacy

Nascondi la toolbar