Mag 092011
 

Gli anni della formazione medica di Maria Montessori (1893-1896) e loro influenza nello sviluppo di una concezione scientifica della Pedagogia.

Sacrificando alquanto la biografia di Maria Montessori (Chiaravalle, Ancona 31 agosto 1870 – Noordwijk, L’Aia 6 maggio 1952), che possiamo considerare la voce più appassionata della pedagogia scientifica in Italia e, unitamente a Sante De Sanctis (1862-1935) e Giuseppe Ferruccio Montesano (1868-1951), una delle fondatrici della psichiatria infantile italiana, il lavoro che presentiamo cerca di comprendere come il triennio formativo come studentessa di Medicina e Chirurgia abbia influito sulla nascita e sviluppo del suo pensiero pedagogico.
C’è una sorta di file rouge che, lungo i secoli della storia dell’Uomo, accomuna Pedagogia (scienza fondamentalmente umanistica ma con importanti aspetti “biologici”) e Medicina (scienza fondamentalmente biologica ma con importanti aspetti “umanistici”) le cui rispettive arti erano, nell’età classica, generalmente esercitate da schiavi o liberti. Nate dalla stessa matrice, la filosofia, questi due saperi hanno più caratteristiche e prospettive in comune di quanto un superficiale esame lasci trapelare: intanto l’oggetto e lo scopo del loro interesse scientifico, l’Uomo e la sua “Cura”, l’avere-cura (educare, curare) di Esso; la relazione-con-l’Altro e il sapere “ascoltare” che caratterizzano, e in profondità, tutta la pratica professionale del medico e del pedagogista che pongono al centro del loro interesse la Persona, bambino o adulto che essa sia. In Maria Montessori medicina e pedagogia e, più in particolare psichiatria infantile-pedagogia, hanno costituito una vera e propria diade formativa, base sicura che le ha permesso di essere sia una brava dottoressa sia colei che ha forgiato Il Metodo di una pedagogia più attenta alla Cura e all’individualità del Bambino.

1893-1896: gli anni della formazione medica

Conseguita a Roma nel 1893 la licenza in Scienze Naturali e dopo avere sostenuto i previsti due esami integrativi di italiano e di latino, la ventitreenne Montessori chiese e ottenne di essere iscritta al III anno del corso di laurea in Medicina e Chirurgia dell’Università “La Sapienza” di Roma. L’iscrizione della giovane studentessa fu accettata in seguito ad apposita delibera della Facoltà (21/1/1893) sanzionata poi dal Ministero della Pubblica Istruzione (9/2/1893), come risulta dal “Fascicolo Maria Montessori” posizione RS 212, conservato presso l’Archivio Storico dell’Università degli Studi di Roma “La Sapienza” (Matellicani A.F., 2007).
All’epoca gli studenti laureati in Scienze Naturali che intendevano conseguire la laurea in Medicina e Chirurgia, venivano generalmente iscritti al III anno con l’obbligo, sancito dai regolamenti universitari, di assistere ai corsi di Anatomia Umana Normale, Anatomia Topografica e Istologia, con le relative esercitazioni. Nella facoltà medica la Montessori ebbe modo di seguire i corsi di Anatomia topografica, Anatomia microscopica e di Anatomia del sistema nervoso centrale curati rispettivamente da Francesco Todaro (1835-1918) medico e senatore del Regno, Michele Giuliani (1845-1894) e il neuroanatomista e neuropatologo Giovanni Mingazzini (1859-1929), suoi “vecchi” professori nel precedente corso di laurea.
Nella facoltà medica romana la Marchigiana, oltre i citati docenti, ebbe come maestri personaggi illustri, a tutt’oggi ricordati nelle pagine di storia della medicina e della politica italiane, il fisiologo e senatore del Regno Jakob Moleschott (1822-1893), in cattedra a Roma fin dal 1878; strenuo assertore, col patologo generale Giulio Bizzozero, del positivismo e del metodo sperimentale in medicina), l’anatomopatologo Ettore Marchiafava (1847-1935), l’igienista e deputato marchigiano Angelo Celli (1857-1914), il clinico medico e più tardi ministro della Pubblica Istruzione Giudo Baccelli (1832-1916), lo psichiatra e deputato marchigiano Clodomiro Bonfigli (1838-1909), il pediatra viterbese Luigi Concetti (1855-1920), per citarne alcuni.

Primo pilastro: antropologia.

Nella facoltà di Scienze Naturali, la giovanissima Montessori, oltre i citati Todaro, Mingazzini e Giuliani, ebbe come docente Giuseppe Sergi (1841-1936), illustre antropologo e fondatore del primo Laboratorio di Psicologia Sperimentale (1889) dell’ateneo capitolino che si occupava anche di temi francamente pedagogici. Il professore (il “mio Maestro” come lo chiamò nella prefazione alla montessoriana Antropologia Pedagogica del 1910), convinto assertore di una antropologia evoluzionista e sperimentalista ma con tentazioni tipicamente lombrosiane, sollecitò sempre la sua allieva a rivolgere all’educazione e all’istruzione dei “fanciulli” le conoscenze antropologiche. Sergi propose che tutti i dati antropologici, psicologici e pedagogici riguardanti gli allievi venissero raccolti accuratamente all’interno di una cartella, la cosiddetta Carta biografica. Come dire che per conoscere il bambino non è sufficiente un solo punto di vista, ma una integrazione di vari saperi, antropologia compresa. A Giuseppe Sergi <>.
La conoscenza del bambino, la valorizzazione della sua individualità, possibile grazie alla metodologia e gli strumenti dell’antropologia e della psicologia, ed è questa la lezione di Sergi che la Montessori fece propria, sarà la base della “sua” pedagogia scientifica. <>. Infatti, rimarca ancora, <>. Metodi antropometrici e osservazione continua, ripetuta e documentata del comportamento infantile (sembra quasi rimandarci all’indagine etnografica dove il modello cognitivo prevalente è appunto l’osservazione, in questo caso partecipante) che adotterà la Montessori nelle Case dei Bambini (1907), risentono indubbiamente della sua formazione scientifica, e, nello specifico, proprio di quella della scienza antropologica.
Oltre alla metodologia antropologica la giovane Montessori fece proprie, in senso squisitamente formativo, le battaglie del suo Maestro per il progresso civile della società, condividendo la lotta contro la miseria, l’analfabetismo e ribadendo la necessità di una pedagogia attenta ai bisogni educativi e di crescita personale di tutti i membri della società e, in particolare modo dei bambini. Nel 1892, nella prefazione al suo Educazione ed istruzione. Pensieri, Sergi affermava che <>. Non può non intravedersi una Antropologia, certamente scienza naturale, ma con l’altra sua faccia: quella di scienza umana. Lezione, questa, dell’antropologo Sergi, di ampia portata pedagogica! La positivistica, rigida e statica misurazione e classificazione antropologica di Sergi <>, aprendosi all’universo dinamico dell’educazione dell’Uomo: è la fondazione o, se si preferisce, l’esigenza di una pedagogia scientificamente “attrezzata”. Questo sarà il sentiero <>, indicato dal suo Maestro, che percorrerà Maria Montessori. A Educazione ed Istruzione di Sergi, come preciserà la stessa Pedagogista marchigiana, farà <>.
Il professore romano non dimenticò mai la sua promettente allieva. <> scriveva nel 1914 Sergi a proposito della pedagogia montessoriana delle Case dei Bambini, pedagogia che <>. Il “nuovo metodo” di Maria Montessori, vero approccio “puerocentrico”, metterà in discussione fino a ribaltare il modello pedagogico, allora imperante, della supremazia dell’adulto sul bambino privilegiando il principio dell’autoeducazione (il maestro deve aiutare il bambino a fare da solo), rispettando i tempi di apprendimento dell’allievo e coordinando, come un regista, l’attività didattica del gruppo-classe.

Secondo pilastro: igiene e pediatria.

Maria Montessori, grazie a Sergi maturò l’idea, tutta positivistica, che la scienza, e come darle torto, non era solo quella che si “praticava” negli istituti e nei laboratori, neutra, lontana dal mondo della “gente”, ma che, al contrario, fosse al servizio dell’umanità, proprio come la Medicina e la Pedagogia! Ma per raggiungere la sua agognata meta, diventare medico, proprio quelli Istituti e Laboratori doveva pur frequentarli! Il nuovo ambiente della facoltà medica non le era affatto estraneo. Cominciò a seguire i corsi di Anatomia Umana Normale, di Fisiologia Sperimentale, Patologia Generale e Materia Medica.
L’approccio “pratico” con la Medicina e, nel concreto proprio con l’Anatomia Umana (clavis medicinae) non fu semplice né indolore per la giovane studentessa! La visione del corpo umano dissecato la turbava non tanto perché le evocava l’immanenza della morte, ma perché la chiamava, qui e ora, all’emozionalità, tutta femminile, del confronto con il corpo e la corporeità, lei, unica donna “gettata” in mezzo ai colleghi maschi a “toccare” corpi o parti di esso. Sembra cogliersi nella studentessa marchigiana che “osservava” e “toccava” il corpo umano senza veli, freddo e inerte “deposto” sul tavolo anatomico, non tanto il distaccato sguardo e la precisa tecnica dissettoria dell’anatomico, quanto una “vicinanza” empatica, emotiva, compassionevole (“cum passio”) con l’Uomo, anche se divenuto cadavere. Si coglie nella giovane Montessori una sorta di bipolarità, mentre da un lato offre un’immagine di sé forte, temeraria, positivista, dall’altro sembra non accettare la visione troppo oggettivista del positivismo di conoscere e concepire l’Uomo, indifferente alle sue emozioni. <>, scriverà nel Il Metodo del 1909.
Il “toccare” di cui scrive la Montessori sembra infatti rimandarci più che a un atto di tecnica anatomica, a una azione “lieve”, quasi carezzevole, pietosa (“pietas”) e a una sorta di metaforizzazione, psicologica e culturale, del corpo umano stesso e ai “valori” che al corpo e alla corporeità sono socialmente attribuiti. In effetti l’attenzione al corpo, alla corporeità e alle emozioni costituirà uno dei pilastri della futura pedagogia montessoriana. Ma forse (il condizionale è d’obbligo) vi è un altro aspetto che può avere toccato la sensibilità della giovane studentessa: ci riferiamo al fatto che i cadaveri destinati alle Facoltà medico-chirurgiche per i diversi insegnamenti erano per la maggior parte persone decedute senza assistenza sanitaria, detenuti, mendicanti, sconosciuti deceduti in suolo pubblico, ospiti dei Manicomi.
Contemporaneamente alle lezioni ed esercitazioni anatomiche, la Montessori frequentava invece con molto interesse e passione le lezioni di Fisiologia con Moleschott e quelle di Igiene con Angelo Celli docenti aperti alle tematiche della medicina sociale che, in quel periodo di fine secolo, denunciava le precarie condizioni di vita, inadeguata alimentazione e scarsa igiene di larga parte della popolazione e soprattutto dei ceti più poveri.
Frequenti erano infatti rachitismo e pellagra (tipiche malattie da carenza alimentare), ma anche tisi, infezioni e malattie della pelle. Chi pagava un pesante tributo alla povertà (intesa nel senso più lato del termine), e gli elevati indici di mortalità lo documentano impietosamente, erano soprattutto i bambini delle classi sociali più disagiate, sottoalimentati, non istruiti utilizzati come forza-lavoro per incrementare i bilanci familiari. Ma vi era un altro fenomeno di cui si interessarono molti studiosi (specialmente giuristi, pedagogisti e antropologi) e medici (soprattutto antropologi criminali, medici legali, psichiatri e igienisti) tra la fine del XIX secolo e i primordi di quello successivo e che contribuì alla nascita della Psichiatria Infantile: stiamo alludendo al fatto che l’industrializzazione e, soprattutto, il crescente urbanesimo favorirono il rapido aumento della delinquenza minorile e l’emergere del problema dell’inserimento sociale dei fanciulli “deficienti”, come all’epoca venivano classificati.
Moleschott e Celli, seppero trasmettere alla loro allieva l’ideale di una Medicina che, oltre a interessarsi di malati e malattie, guardava al “sociale”, educava e istruiva –vera Igiene pedagogica- col dichiarato obiettivo di debellare quattro grandi mali dell’epoca: ignoranza, povertà, sottoalimentazione e pregiudizi. Una siffatta Medicina non poteva certamente rinchiudersi intra moenia nelle divisioni ospedaliere o negli istituti e cliniche universitarie ma, al contrario, cercava alleati, soprattutto con l’istituzione scolastica, nella battaglia contro le precarie condizioni igienico-sanitarie in cui versava gran parte della popolazione e contro <>. Le lezioni di Igiene Sperimentale e Igiene applicata alla Polizia Sanitaria del marchigiano Celli, in cattedra dal 1886, avvicinarono la Montessori ai grandi temi della medicina sociale. Fondatore, nel 1890, della Società di Igiene e Medicina Tropicale e nel 1898, con G. Fortunato e L. Franchetti, della Società per gli Studi sulla Malaria, fautore della profilassi antimalarica con un approccio sperimentale, si occupò anche dell’assistenza sanitaria e dei problemi dell’infanzia. Nel 1892, per iniziativa della “Società Soccorso e Lavoro”, l’igienista fondò a Roma l’ambulatorio “La Scarpetta” destinato che, oltre all’assistenza medico-pediatrica ai bambini poveri, si proponeva anche il dichiarato obiettivo, di grande respiro pedagogico, di insegnare ai genitori e alle persone più bisognose a sapersi servire dell’assistenza sanitaria gratuita. Nell’ambulatorio trasteverino prestavano servizio volontario, accanto alle donne aderenti all’Associazione Femminile, la giovane moglie di Celli, Anna Fraentzel e la studentessa Montessori.
Un grande impulso a interessarsi dei problemi dell’infanzia “disagiata”, ma da un punto di vista francamente medico, venne alla Montessori dalla frequenza alle lezioni di Patologia e Clinica Pediatrica impartite nell’ateneo capitolino dal viterbese Luigi Concetti (1855-1920) e seguitissime dagli studenti. Fin dal 1871-72 le patologie pediatriche venivano comprese all’interno dell’insegnamento di “Ostetricia e malattie speciali delle donne e dei bambini” (ricoperto da Ercole Pasquali) che, a discapito del nome, si occupava prevalentemente delle patologie dei neonati. A partire dal 1896, grazie all’allora Ministro della Pubblica Istruzione Guido Baccelli, venne istituita la prima vera cattedra di Pediatria, affidata appunto al Concetti, che si occupò finalmente anche delle malattie dei bambini e degli adolescenti.
Veramente imponente appare la produzione scientifica del pediatra viterbese, fra i primi nel nostro Paese ad applicare la sieroterapia antidifterica, a studiare la meningite cerebro-spinale epidemica e altre forme di meningite, la pratica –allora temutissima- della puntura lombare nei bambini, per citare solo alcuni dei suoi contributi scientifici. Ma oltre che valente clinico, scienziato e docente, viene ricordato anche come attivissimo nel campo della pediatria sociale, promotore primo Congresso Italiano di Pediatria (1890), socio fondatore e poi presidente della Società Italiana di Pediatria (1903) e cofondatore, con Giuseppe Mya, della “Rivista di Clinica Pediatrica” (1904).
L’influenza degli insegnamenti e l’esempio “sul campo” dei suoi Maestri, Sergi, Moleschott, Celli e Concetti, trovarono terreno fertile nella studentessa marchigiana che già, come visto, aveva rivolto il suo interesse verso le tematiche dell’infanzia “disagiata” in un’ottica medico-sociale e ancora timidamente pedagogica.

Terzo pilastro: psichiatria.

Ventidue anni prima della laurea della Montessori, nel 1874, in occasione dell’XI Congresso degli Scienziati Italiani, venne fondata a Roma la “Società Freniatrica Italiana” che, pur ribadendo il carattere medico della Freniatria, intendeva costituirla quale disciplina autonoma della Medicina avente per oggetto proprio lo studio dell’anatomia, fisiologia e patologia del cervello e del sistema nervoso; psichiatri e neurologi lavorarono fianco a fianco fino al 1907, anno di costituzione della Società Italiana di Neurologia Uno dei primi atti della neonata associazione fu quello di uniformare la classificazione delle malattie mentali, avviare un’indagine statistica sulle patologie psichiatriche in Italia e studiare un nuovo regolamento per gli “Asili Mentali”. Nel 1875 l’allora Direttore dell’Asilo Mentale Reale di Reggio Emilia, Carlo Livi (1823-1876), studioso di problemi psichiatrico-forensi, fondò la “Rivista Sperimentale di Freniatria e di Medicina Legale in relazione con l’Antropologia e le Scienze Giuridiche e Sociali” che per oltre un trentennio fu la “vetrina” della psichiatria italiana nel mondo. Sotto la direzione di Augusto Tamburini (1848-1919), psichiatra e allievo del Livi, la Rivista Sperimentale di Freniatria si fuse, nel 1877, con gli “Annali Frenopatici Italiani” (giornale che dal 1863 rappresentava il R. Morotrofio di Aversa e la Società Frenopatica Italiana fondata nel 1861 da Biagio Miraglia) e, nel 1891, con il periodico ”Archivio Italiano per le Malattie Nervose e più particolarmente per le alienazioni mentali”, fondato da Andrea Verga nel 1864. Nel 1896 vede la luce la “Rivista di patologia nervosa e mentale” fondata da Tamburini, Enrico Morselli (1852-1929) e Eugenio Tanzi (1856-1934) la cui direzione, nel 1906, passerà a Ernesto Lugaro (1870-1940) allievo del Tanzi. Nel 1897 Ezio Sciamanna, direttore della clinica psichiatrica di Roma, e Giuseppe Sergi fondano la “Rivista quindicinale di psicologia, psichiatria, neuropatologia”.
Anche i luoghi della carità e dell’assistenza ai “poveri mentecatti”, così come avvenne anche per gli ospedali generali, si clinicizzano sempre più divenendo dapprima “Asili Mentali” e, in seguito, Manicomi, luoghi di custodia e cura. Dalla seconda metà del XIX secolo il Manicomio diverrà anche luogo di studio e di ricerca sulle “sedi” e “cause” delle malattie del cervello ma anche l’ospedale di riferimento per neurologi e psichiatri; al suo interno troveranno posto diversi servizi, da quello anatomopatologico (nella cartella clinica vi era una sezione dedicata dapprima alla “sezione cadaverica” modificata, a partire dagli Anni ’70, dalla dicitura “reperto necroscopico”) ai vari Gabinetti e Laboratori destinati non solo alla pratica clinica, ma anche alla ricerca neuropatologia.
Al S. Maria della Pietà, per rimanere circoscritti al Manicomio romano che la Montessori frequentò come tirocinante e come medico, si era oramai compiuto il passaggio dalla scienza alienistica di Domenico e Giovanni Gualandi (padre e figlio) alla neuropatologia e clinica neuropatologica di Giuseppe Mingazzini e Clodomiro Bonfigli. Nel 1895 contemporaneamente alle lezioni di Clinica Psichiatrica, impartite dal marchigiano prof. Bonfigli, l’oramai laureanda Maria Montessori, concluderà la sua formazione universitaria come studentessa interna della Clinica Psichiatrica universitaria, diretta da Ezio Sciamanna (1850-1905) e all’epoca accorpata al S. Maria della Pietà. In quell’anno l’intero corso di Clinica Psichiatrica fu dedicato dal Bonfigli, particolarmente interessato al problema dei bambini “deficienti”, al rapporto tra educazione infantile e malattia mentale; veniva ribadita l’importanza, per i bambini, di ricevere una congrua (non carente) educazione che permettesse un “sano” sviluppo del carattere e del senso morale. specialmente per quanto riguardava lo sviluppo del carattere e la costruzione del senso morale. Finalmente una Medicina che, più vicina all’ideale che andava maturando sempre più la giovane Montessori, si occupava non solo del corpo, ma “andava verso” la Persona proponendosi come una delle possibili risposte non solo contro le malattie, ma anche per contrastare la miseria e la povertà che ancora interessavano larghe masse del Regno d’Italia.
Nell’anno 1895-96, durante il suo internato nella clinica psichiatrica romana vennero esaminati diversi casi di allucinazioni alcuni dei quali, dietro precisa autorizzazione del Bonfigli, vennero seguiti direttamente da lei direttamente e da Sante De Sanctis (allievo del Sergi e di Sciamanna) assistente dal 1892 nella Clinica Psichiatrica. La casistica clinica le servì a sostegno del lavoro di tesi su “Contributo clinico allo studio delle allucinazioni a contenuto antagonistico” che discusse il 10 luglio del 1896 con il Prof. Ezio Sciamanna.

Spiacenti, i commenti sono chiusi.

credits unica.it | accessibilità Università degli Studi di Cagliari
C.F.: 80019600925 - P.I.: 00443370929
note legali | privacy

Nascondi la toolbar