Prodotti della ricerca

 
Titolo: Tra storia e storiografia: il documento periferico
Autori: 
Data di pubblicazione: 2006
Rivista: 
LETTERATURE STRANIERE &  
Abstract: L’A. affronta il tema del documento periferico evidenziando la rilevanza che esso assume nell’età delle riforme illuministiche per la comprensione dei processi di mediazione tra monarchia e ceti, apparati burocratici e comunità. Per opera di una ristretta élite di funzionari che mediano tra la volontà politica della monarchia e le esigenze dei ceti territoriali, i processi politici in atto vengono adattati, ricostruiti e spiegati in conformità alle esigenze ed alle spettative del Principe. La realtà che giunge nelle ovattate stanze ministeriali è dunque spesso deformate e parziale. Per interpretare correttamente la dinamica del mutamento, il successo o il fallimento dei progetti di riforma e rilevare mentalità e comportamente che emergono da una multiforme realtà sociale è necessario procedere ad una sistematica comparazione tra quei documenti prodotti in periferia che esprimono bisogni reali e prospettano problemi e soluzioni e la rielaborazioni cha fa di esse la burocrazia prima di inviarli al centro. Nello studio dei processi sociali, l’esistenza di un filtro burocratico, capace di modificare e distorcere la realtà, rende dunque la documentazione locale particolarmente preziosa e insostituibile. Evidenziando comportamenti, mentalità, resistenze essa consente infatti di capire molto meglio le ragioni del successo o del fallimento dei progetti elaborati dal sovrano per la “felicità “ dei sudditi.
Handle: http://hdl.handle.net/11584/23771
Tipologia:1.1 Articolo in rivista

File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.
contatti | accessibilità Università degli Studi di Cagliari
C.F.: 80019600925 - P.I.: 00443370929
note legali | privacy