Insegnamenti

 

SP/0075 - GOVERNANCE MULTILIVELLO E DIRITTO DELL'UNIONE EUROPEA

Anno Accademico ​2019/2020

Docente
GIACOMO ​BIAGIONI (Tit.)
Periodo
Primo Semestre​
Modalità d'Erogazione
Convenzionale​
Lingua Insegnamento
ITALIANO​



Informazioni aggiuntive

CorsoPercorsoCFUDurata(h)
[2/68] ​ ​SCIENZE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI [68/00 - Ord. 2019] ​ ​PERCORSO COMUNE636
Obiettivi

Gli studenti verranno messi in grado di acquisire:
1) conoscenza e comprensione avanzata dell'ordinamento dell'Unione europea, con particolare riferimento alla sua struttura e alla sua interazione con (e incidenza su) gli ordinamenti nazionali;
2) capacità di applicare conoscenza e comprensione avanzata del diritto dell'Unione europea ad alcuni problemi pratici posti dall'impatto di quest'ultimo sul diritto italiano;
3) autonomia di giudizio rispetto alle questioni in cui vengano in rilievo i rapporti tra diritto dell'Unione europea e ordinamento italiano;
4) abilità comunicative fondate su un uso corretto del linguaggio proprio del diritto dell'Unione europea;
5) capacità di apprendimento autonomo nel settore del diritto dell'Unione europea.

Prerequisiti

Nozioni di base di diritto dell'Unione europea.

Contenuti

Il corso sarà diviso in due parti. Nella prima saranno affrontati temi di carattere generale relativi ai rapporti tra ordinamento dell'Unione europea e ordinamenti nazionali, ed in particolare:
- competenze dell'Unione europea;
- caratteristiche delle fonti di diritto dell'Unione europea;
- efficacia diretta e indiretta;
- primato del diritto dell'Unione europea;
- ruolo della Commissione e della Corte di giustizia nell'applicazione del diritto dell'Unione europea.
Nella seconda parte saranno affrontati temi scelti relativi all'incidenza del diritto dell'Unione europea sul diritto nazionale, e in particolare:
- aiuti di Stato;
- appalti;
- concessioni di beni pubblici;
- servizi pubblici;
- unione bancaria;
- pubblico impiego.

Metodi Didattici

36 ore di lezioni frontali.

Verifica dell'apprendimento

L'esame si svolge in forma scritta. L'esame scritto consiste nel rispondere a 3 domande aperte in 90 minuti.
Lo studente dovrà dimostrare la conoscenza e la comprensione delle nozioni oggetto del corso attraverso un uso corretto del linguaggio proprio della materia. Il punteggio della prova è attribuito mediante un voto in trentesimi. Nella determinazione del punteggio finale si valuteranno cumulativamente i seguenti elementi:
1) conoscenza e comprensione degli argomenti trattati nel corso e in generale delle caratteristiche del sistema del diritto dell'Unione europea;
2) la logica seguita nella soluzione del quesito;
3) l'uso di un linguaggio appropriato.
Per superare lesame con voto di 18/30, lo studente deve dimostrare di aver acquisito una conoscenza sufficiente dei vari argomenti trattati nel corso (punto 1), rispondendo con una logica accettabile (punto 2) e un linguaggio giuridico privo di errori gravi (punto 3).
Per ottenere il punteggio massimo 30/30 e lode, lo studente deve dimostrare di aver acquisito una conoscenza eccellente di tutti gli argomenti trattati durante il corso (punto 1), con una elevata capacità argomentativa (punto 2) e un linguaggio giuridico corretto e appropriato (punto 3).

Testi

Gli studenti frequentanti potranno utilizzare gli appunti dalle lezioni e i materiali distribuiti durante il corso.
Per gli studenti non frequentanti i testi consigliati sono i seguenti (da utilizzare cumulativamente):
Luigi Daniele, Diritto dell'Unione europea, Giuffré, 2018, parte III, paragrafi 8, 9, 10, 12; parte IV; parte V, paragrafi 2, 7, 8, 9, 10 e 11; parte VI, paragrafi 1, 2, 3 e 4.
Luigi Daniele, Diritto del mercato unico europeo, Giuffré, 2019, capitoli IV e VII.

credits unica.it | accessibilità Università degli Studi di Cagliari
C.F.: 80019600925 - P.I.: 00443370929
note legali | privacy

Nascondi la toolbar