Programmi

 

LF/0235 - GLOTTODIDATTICA

Anno Accademico ​2021/2022

Docente
GIULIA ISABELLA ​GROSSO (Tit.)
Periodo
Secondo Semestre ​
Modalità d'Erogazione
Convenzionale ​
Lingua Insegnamento
ITALIANO ​



Informazioni aggiuntive

CorsoPercorsoCFUDurata(h)
[20/42] ​ ​FILOLOGIE E LETTERATURE CLASSICHE E MODERNE [42/00 - Ord. 2008] ​ ​PERCORSO COMUNE1260
Obiettivi

a) Conoscenza e comprensione: la frequenza al corso consentirà agli studenti di acquisire e consolidare le loro conoscenze nel campo della glottodidattica ed in particolare:
- principi di linguistica educativa e di educazione linguistica;
- acquisizione e apprendimento di una lingua: approcci teorici all'acquisizione di L1 ed L2, fasi di sviluppo delle varietà di apprendimento (L2);
- livelli linguistici e didattica delle lingue (italiano come L1, L2/LS);
- la progettazione didattica: dal programma al curricolo;
- approcci, metodi e tecniche didattiche;
- tecnologie per l'educazione linguistica;
- valutazione, scelta e semplificazione dei materiali e manuali didattici;
- la valutazione delle competenze;
- la formazione dell'insegnante di lingua.

b) Capacità di applicare conoscenza e comprensione:
Lo studente sarà in grado di: riconoscere le principali caratteristiche degli approcci glottodidattici e confrontarli; comprendere quali aspetti sono specifici e quali comuni a tutti gli approcci e i metodi esistenti per l’insegnamento delle lingue; confrontare in autonomia differenti approcci, metodi e materiali didattici; riconoscere le differenti tipologie di apprendenti e le caratteristiche delle loro motivazioni per lo studio. A partire dal quadro teorico di riferimento sull’italiano L1 ed L2, gli studenti impareranno a concepire e proporre una didattica improntata all’analisi dei casi specifici (analisi dei domini e dei contesti d’uso dell’italiano, analisi dei manuali e dei materiali didattici, produzione di materiali didattici).

c) Autonomia di giudizio: gli studi di casi presentati serviranno sia a fornire esempi delle teorie illustrate sia a favorire la capacità di giudizio e di riflessione autonoma degli studenti sui materiali e strumenti per l'insegnamento delle lingue. Gli studenti saranno quindi in grado di:
- attuare una programmazione didattica in base a diversi profili di apprendenti e ai diversi contesti d’insegnamento;
- rintracciare comuni denominatori in materiali didattici di diversa natura e saper giudicare la loro adeguatezza o inadeguatezza per il tipo di pubblico cui sono destinati e la loro coerenza con i principi teorici ai quali si ispirano;
- riflettere sulla natura delle procedure didattiche attivate dai differenti materiali didattici.

d) Abilità comunicative: Gli studenti svilupperanno la capacità di:
- utilizzare correttamente il lessico specifico della materia;
- dialogare con la docente, in gruppo e a coppie nell’ambito dei seminari, delle esercitazioni proposte e della realizzazione della tesina finale;
- redigere relazioni sul lavoro di creazione di materiali didattici;
- comunicare adeguatamente i risultati del proprio lavoro in occasione di seminari/lezioni partecipate organizzate dalla docente.
- e) Capacità di apprendimento: Gli studenti impareranno a:
- individuare occasioni di formazione di qualità (seminari, webinar, convegni) nell’ambito della disciplina;
- approfondire e ricercare in diverse fonti bibliografiche letteratura, sia in italiano sia in lingua straniera, sulla didattica della lingue straniera/seconda, buone pratiche in contesti didattici.

Prerequisiti

Nessuno

Contenuti

Il corso si propone di fornire le basi per lo sviluppo della consapevolezza didattica nel campo dell’insegnamento delle lingue, affrontando i seguenti argomenti:
- principi di linguistica educativa e di educazione linguistica;
- acquisizione e apprendimento di una lingua: approcci teorici all'acquisizione di L1 ed L2, fasi di sviluppo delle varietà di apprendimento (L2);
- livelli linguistici e didattica delle lingue (italiano come L1, L2/LS);
- la progettazione didattica: dal programma al curricolo;
- approcci, metodi e tecniche didattiche;
- tecnologie per l'educazione linguistica;
- valutazione, scelta e semplificazione dei materiali e manuali didattici;
- la valutazione delle competenze;
- la formazione dell'insegnante di lingua.

Metodi Didattici

Durante il corso verranno adottati vari formati didattici: per le spiegazioni e le istruzioni sulle attività da svolgere verrà utilizzata una didattica di tipo frontale. Inoltre, grazie alla possibilità di mostrare immagini, slide, pagine di libri e altri supporti grafici e audiovisivi (utilizzando anche i collegamenti in rete) sono previste anche attività di tipo interattivo con lavori a coppie e di gruppo. Da questi interventi si cercherà, con la guida del docente, di arrivare a delle conclusioni utili per l’avanzare del processo di apprendimento di tutta la classe.
Durante il corso verranno quindi proposti:
- didattica frontale;
- seminari e lezioni partecipate;
- attività pratiche ed esercitazioni individuali e in coppia/di gruppo come ad es. analisi di manuali, analisi di produzioni orali e scritte di apprendenti L2/LS, concezione di materiali didattici per varie tipologie di contesti e pubblici, didattizzazione di materiali autentici.
In questo modo saranno ripresi i concetti teorici introdotti nella prima parte del corso e alla luce di questi verranno proposte attività collaborative di analisi e riflessione.

Verifica dell'apprendimento

La valutazione dello studente/ della studentessa prevede:
- una prova pratica (ad es. redazione di un’unità didattica/didattizzazione di materiali per specifici profili di apprendenti/analisi di manuali didattici)
- una prova orale in cui vengono proposte domande teoriche sui contenuti trattati durante il corso (ovvero: la didattica delle lingue moderne oggi: principi di linguistica educativa e di educazione linguistica; acquisizione e apprendimento di una lingua: approcci teorici all'acquisizione di L1 e all'apprendimento di L2, fasi di sviluppo delle varietà di apprendimento (L1 ed L2); livelli linguistici e didattica della L2/LS; la progettazione didattica; approcci, metodi e tecniche didattiche;; tecnologie per l'educazione linguistica; la valutazione delle competenze; la formazione dell'insegnante di lingua).
La docente porrà domande di natura teorica e pratica a partire dalla prova pratica, e non limitandosi ad essa.

Lo studente dovrà dimostrare di:
- conoscere i contenuti indicati a livello teorico-descrittivo;
- ricondurli e saperli applicare a casi concreti (profili di apprendenti e contesti), anche con esempi;
- saper applicare le conoscenze glottodidattiche tramite la prova pratica.
Il punteggio della prova d’esame è attribuito mediante un voto espresso in trentesimi.
Verrà valutata l’attiva partecipazione degli studenti alle lezioni, alle esercitazioni e al lavoro svolto individualmente e in gruppo durante lo svolgimento del corso.
Nella valutazione dell’esame la determinazione del voto finale tiene conto dei seguenti elementi:
1. adeguata/buona/eccellente conoscenza dei contenuti a livello teorico descrittivo;
2. adeguata/buona/eccellente capacità di saper applicare i contenuti tramite la prova pratica;
3. adeguato/buono/eccellente impegno nel lavoro individuale;
4. adeguata/buona/eccellente padronanza del lessico della disciplina.

Il soddisfacimento degli aspetti 1 e 2 al livello adeguato è condizione necessaria per il raggiungimento di una valutazione pari a 18/30.
I voti superiori a 18/30 verranno attribuiti agli studenti le cui prove soddisfano tutti e quattro gli aspetti sopra elencati.

Testi

P. Balboni (2018) Fare Educazione Linguistica, Utet, Torino.
GISCEL, Dieci tesi per l’educazione linguistica democratica (scaricabili dal sito www.giscel.it)
De Mauro T., (2018), L’educazione linguistica democratica, Laterza, Bari (capitolo a scelta)
Chini M., Bosisio C., (2014), Fondamenti di glottodidattica, Roma, Carocci.
Scuola di Barbiana, Lettera a una professoressa, Libreria Editrice fiorentina, Firenze. (parti a piacere).
Beacco J.C, Little D., Hedges C., L’integrazione linguistica dei migranti adulti. Guida, reperibile a questo link: https://riviste.unimi.it/index.php/promoitals/article/view/4688/4797
Ministero dell’Istruzione (2018), Una politica nazionale di contrasto del fallimento formativo e della
povertà educativa . Cabina di regia per la lotta alla dispersione scolastica e alla povertà educativa.

Materiali aggiuntivi verranno forniti a lezione.

Chi è particolarmente interessato/a alla didattica dell’italiano L2/LS può sostituire uno dei volumi in programma con:
DIADORI P., PALERMO M., TRONCARELLI D., Insegnare l’italiano come seconda lingua, Roma, Carocci, 2015 - da definire con la docente

Altre Informazioni

Il programma per non frequentanti deve essere concordato con la docente.

contatti | accessibilità Università degli Studi di Cagliari
C.F.: 80019600925 - P.I.: 00443370929
note legali | privacy