Programmi

 

20/42/103 - LINGUISTICA SARDA 2

Anno Accademico ​2020/2021

Docente
GIULIA ​MURGIA (Tit.)
Periodo
Primo Semestre ​
Modalità d'Erogazione
Convenzionale ​
Lingua Insegnamento
ITALIANO ​



Informazioni aggiuntive

CorsoPercorsoCFUDurata(h)
[20/42] ​ ​FILOLOGIE E LETTERATURE CLASSICHE E MODERNE [42/00 - Ord. 2008] ​ ​PERCORSO COMUNE630
Obiettivi

Il corso di Linguistica sarda 2 si propone di delineare un quadro delle principali questioni legate ai processi di pianificazione linguistica, con particolare riguardo alle lingue di minoranza e alla situazione del Sardo.
Si traccerà un percorso diacronico attraverso la storia linguistica della Sardegna, con speciale attenzione rivolta al dibattito sull’impiego del sardo nei diversi ambiti d’uso (come lingua letteraria, dell’amministrazione, dei media, ecc.), sulle iniziative di normazione e di normalizzazione della lingua sarda, sui processi sociolinguistici della Sardegna contemporanea, sul rapporto tra le varietà diatopiche presenti sul territorio.

Al termine del corso lo studente:

A (Conoscenze e capacità di comprensione)
avrà esteso le sue conoscenze a una disciplina relativamente giovane nel panorama degli studi linguistici, qual è la pianificazione linguistica; entrerà in possesso degli strumenti e delle nozioni essenziali per comprendere e interpretare la storia linguistica sarda e il dibattito attuale;

B (Capacità di applicare conoscenza e comprensione)
saprà riflettere sulle questioni sorte nelle società, tanto passate quanto contemporanee, in situazioni di plurilinguismo e pluriculturalismo; sarà in grado di utilizzare gli strumenti teorici acquisiti, secondo un approccio sociolinguistico, per riflettere sui problemi posti dalla pianificazione linguistica e dalle azioni di politica linguistica.

C (Autonomia di giudizio)
avrà acquisto gli strumenti che gli consentiranno di ragionare in modo autonomo e consapevole sulla complessità dei rapporti che si instaurano fra le lingue parlate nel tempo in un determinato territorio, e specialmente nella dimensione europea, italiana e sarda.

D (Abilità comunicative)
saprà comunicare in maniera adeguata ed efficace le conoscenze acquisite e le capacità maturate a interlocutori tanto specialisti quanto non specialisti.

E (Capacità di apprendimento)
sarà in possesso delle capacità necessarie ai fini di un costante e autonomo aggiornamento nell’ambito di una disciplina posta al crocevia di vari indirizzi di ricerca (di tipo giuridico, economico, storico, sociologico, antropologico).

Prerequisiti

Le lezioni del corso di Linguistica sarda 2 sono rivolte a tutti gli studenti: aver frequentato il corso di Lingua sarda o di Linguistica sarda è un prerequisito auspicabile, ma non strettamente necessario.
È richiesto il possesso degli strumenti teorici essenziali per affrontare una disciplina di carattere linguistico e una conoscenza delle nozioni basilari relative alla genesi delle lingue romanze, con particolare attenzione alle caratteristiche generali della lingua sarda e alle vicende più significative della sua storia.
Tali conoscenze saranno comunque riprese e approfondite durante il corso.

Contenuti

Definizione e problemi della pianificazione e della politica linguistica in Europa, in Italia e in Sardegna.
Nozioni teoriche di base: corpus planning, status planning, acquisition planning; rapporti tra codici linguistici nello spazio linguistico comunitario e individuale; azioni di tutela legislativa e promozione delle lingue di minoranza.
Problemi di diacronia e di diatopia della lingua sarda: la variazione linguistica in chiave storica e areale; la questione della lingua sarda dal Cinquecento all’età contemporanea (scuole gesuitiche; Gerolamo Araolla; scrittori e testi plurilingui nella Sardegna spagnola; il Settecento e la politica linguistica dei Savoia; Matteo Madao; l’Ottocento; le false carte d’Arborea; la politica linguistica post-unitaria e sotto il fascismo; ecc.); pianificazione e politica linguistica nella Sardegna di oggi (la lingua sarda nell’amministrazione, nei mass media, nel paesaggio linguistico, al cinema).

Metodi Didattici

Il corso si svolgerà nel primo semestre e si articolerà in una serie di lezioni frontali svolte con l’ausilio di supporti multimediali e materiali didattici integrativi.
Qualora la situazione legata all’emergenza sanitaria dovesse consentirlo, saranno previste anche delle iniziative seminariali.

Verifica dell'apprendimento

Prova orale costituita da domande a risposta aperta sugli argomenti del corso.
Il colloquio sarà finalizzato ad accertare:
- il raggiungimento degli obiettivi previsti in relazione a conoscenze e competenze;
- la conoscenza approfondita della bibliografia di riferimento;
- la padronanza del linguaggio specifico della disciplina e dei principali problemi metodologici;
- le capacità critiche di comprensione, sintesi, esposizione organica e ragionata delle conoscenze acquisite durante il corso.

Il punteggio della prova d’esame è attribuito mediante un voto espresso in trentesimi.

Testi

1) Testi e materiali presentati e commentati durante le lezioni.

2) Gabriele Iannàccaro, Vittorio Dell’Aquila, La pianificazione linguistica: lingue, società e istituzioni, Roma, Carocci, 2004 (o successive ristampe).

2) Lucilla Pizzoli, La politica linguistica in Italia. Dall’unificazione nazionale al dibattito sull’internazionalizzazione, Roma, Carocci, 2018 (soltanto capp. 1-3, pp. 17-102).

3) Daniela Marzo, La questione «de sa limba / lìngua sarda». Storia e attualità, in Manuale di linguistica sarda, a cura di Eduardo Blasco Ferrer, Peter Koch e Daniela Marzo, Berlin/Boston, De Gruyter, 2017, pp. 45-66.

4) Maurizio Virdis, La questione della lingua. Storia e attualità, in Id., La Sardegna e la sua lingua. Studi e saggi, Milano, FrancoAngeli, 2019, pp. 11-46.

Ulteriori indicazioni bibliografiche saranno fornite durante il corso.
Gli studenti non frequentanti sono invitati a contattare la docente.

Altre Informazioni

La frequenza è vivamente raccomandata. Gli studenti non frequentanti sono invitati a contattare la docente per ulteriori chiarimenti almeno due mesi prima dell’esame.
Luogo di ricevimento: studio n. 97, 3° piano, Facoltà di Studi Umanistici, edificio centrale, via Is Mirrionis, 1.
Orario di ricevimento: il calendario dei ricevimenti viene pubblicato e aggiornato online sul sito istituzionale della docente
(https://www.unica.it/unica/it/ateneo_s07_ss01.page?contentId=SHD78809).

credits unica.it | accessibilità Università degli Studi di Cagliari
C.F.: 80019600925 - P.I.: 00443370929
note legali | privacy

Nascondi la toolbar