Programmi

 

20/42/078 - LETTERATURA ITALIANA CONTEMPORANEA 2

Anno Accademico ​2016/2017

Docente
NICOLA ​TURI (Tit.)
Periodo
Primo Semestre ​
Modalità d'Erogazione
Convenzionale ​
Lingua Insegnamento
 ​



Informazioni aggiuntive

CorsoPercorsoCFUDurata(h)
[20/42] ​ ​FILOLOGIE E LETTERATURE CLASSICHE E MODERNE [42/00 - Ord. 2008] ​ ​PERCORSO COMUNE630
Obiettivi

Il corso intende fornire gli strumenti utili alla comprensione e all’ermeneutica di un testo narrativo (nella sua complessità semantica e strutturale) nonché, nello specifico del modulo proposto, a metterlo in relazione con il contesto storico e sociale (ma anche con il panorama letterario) in cui viene prodotto. Le lezioni dovranno servire inoltre agli studenti ad acquisire un linguaggio tecnico adatto a comunicare con chiarezza e pertinenza i contenuti appresi.

Prerequisiti

È richiesta una conoscenza di base del contesto letterario del Novecento e del linguaggio critico di riferimento.

Contenuti

LA NARRATIVA ITALIANA DEGLI ANNI SESSANTA: EPISODI E TENDENZE
Il corso si propone di esplorare le principali tendenze e figure letterarie di una stagione particolarmente viva della narrativa italiana (sia in termini di romanzi prodotti che di riflessione teorica), soffermandosi in particolare sui testi – che segnano il decennio e ne accendono il dibattito – di Giorgio Bassani, Beppe Fenoglio e Carlo Emilio Gadda (la cui Cognizione del dolore, sebbene apparsa in rivista molti anni prima, conosce adesso la prima pubblicazione in volume e un’attenzione che non gli era stata riservata in precedenza). Dalla fondazione del Gruppo 63 all’attività di neonate riviste, dai ‘romanzi della fabbrica’ e dell’alienazione alla svolta oulipiana di Calvino, il corso cercherà di ripercorrere le principali questioni del decennio e si articolerà secondo il seguente programma di massima:

I. Introduzione al corso (e al decennio)
II. La neoavanguardia italiana: poetica e bersagli polemici
III. Il ‘nuovo romanzo’ italiano: Arbasino e Manganelli
IV. Il caso Gadda
V. «La cognizione del dolore»
VI. Beppe Fenoglio, scrittore postumo: «Una questione privata»
VII. «Il Partigiano Johnny»
VIII. Giorgio Bassani e «Il giardino dei Finzi-Contini»
IX. «L’airone»
X. «Il menabò» e la letteratura industriale
XI. Italo Calvino teorico e narratore
XII. I romanzi del capitalismo e del disagio
XIII. La Capria e Bianciardi
XIV. Volponi e Berto
XV. Altri narratori del decennio: Primo Levi, Alberto Moravia

Metodi Didattici

Lezioni frontali di due ore ciascuna, che potranno essere integrate con brevi relazioni orali degli studenti (le quali saranno valutate ai fini dell'esame finale).

Verifica dell'apprendimento

Prova orale. Le domande riguarderanno i contenuti dei testi inseriti in programma e commentati a lezione (anche in relazione al contesto storico-letterario di riferimento), al fine di valutare le conoscenze, la capacità di analisi e la proprietà di linguaggio dello studente.

Testi

Testi narrativi:

- Giorgio Bassani, «Il giardino dei Finzi-Contini», 1962 (criticamente inquadrato con Nicola Turi, «Sul limitar della soglia: spazi temi e strategie narrative del Giardino», in «La Rivista», 3, 2015, consultabile all’indirizzo https://f.hypotheses.org/wp-content/blogs.dir/326/files/2016/01/Turi-glissées.pdf), oppure «L’Airone», 1968 (criticamente inquadrato con Anna Dolfi, «L’Airone: una figura della malinconia», in «Giorgio Bassani. Una scrittura della malinconia», Roma, Bulzoni, 2003, pp. 107-127).
- Beppe Fenoglio, «Una questione privata», 1963, oppure «Il partigiano Johnny», 1968 (con l’ausilio, quale che sia la scelta, dell’«Introduzione» e del capitolo intitolato «Temi» in Gabriele Pedullà, «La strada più lunga. Sulle tracce di Beppe Fenoglio», Roma, Donzelli, 2001).
- Carlo Emilio Gadda, «La cognizione del dolore», 1963 (criticamente inquadrato con il saggio introduttivo di Gianfranco Contini alla prima edizione).

Più un romanzo a scelta tra i seguenti (indicazioni relative alla bibliografia critica, su richiesta degli interessati, saranno fornite a lezione):

- Raffaele La Capria, «Ferito a morte», 1961.
- Luciano Bianciardi, «La vita agra», 1962.
- Paolo Volponi, «Memoriale», 1962.
- Giuseppe Berto, «Il male oscuro», 1964.

Testi critici:
Per la comprensione del dibattito letterario degli anni Sessanta gli studenti dovranno inoltre dimostrare la conoscenza dei seguenti saggi (che, laddove risultino di difficile reperibilità, verranno messi a disposizione secondo indicazioni fornite a lezione):

- Elio Vittorini, «Industria e letteratura», in «Letteratura arte società: articoli e interventi 1938-1965», Einaudi, 2008, pp. 955-962.
- Italo Calvino, «Cibernetica e fantasmi (Appunti sulla narrativa come processo combinatorio)», in «Una pietra sopra: discorsi di letteratura e società», 1980.
- Maria Corti, «Neoavanguardia», in «Il viaggio testuale», Torino, Einaudi, 1978, pp. 111-130.
- Alberto Arbasino, «La gita a Chiasso», in «Gruppo 63. Critica e teoria» (nell’edizione Feltrinelli 1976 o Testo & immagine 2003).
- Alberto Arbasino, «I nipotini dell’ingegnere - La formazione dell’ingegnere», in «Sessanta posizioni», Milano, Feltrinelli, 1971.

Altre Informazioni

Gli studenti non frequentati sono pregati di mettersi in contatto col dott. Nicola Turi per concordare uno specifico programma d’esame.

contatti | accessibilità Università degli Studi di Cagliari
C.F.: 80019600925 - P.I.: 00443370929
note legali | privacy