Programmi

 

20/42/099A - LINGUISTICA ITALIANA 2 (MOD.A)

Anno Accademico ​2014/2015

Docente
RITA ​FRESU (Tit.)
Periodo
Primo Semestre ​
Modalità d'Erogazione
Convenzionale ​
Lingua Insegnamento
 ​



Informazioni aggiuntive

CorsoPercorsoCFUDurata(h)
[20/42] ​ ​FILOLOGIE E LETTERATURE CLASSICHE E MODERNE [42/00 - Ord. 2008] ​ ​PERCORSO COMUNE630
Obiettivi

OBIETTIVI: il corso intende esaminare la lingua della (para)letteratura femminile in Italia tra XIX e XX secolo, con particolare riferimento all'editoria pedagogica e alla pubblicistica amena e di intrattenimento. Attraverso l'analisi di specifiche classi di testo prodotte da intellettuali dell'epoca particolarmente rappresentative, il modulo si propone di mostrare la tipizzazione linguistica di alcuni generi educativi e/o di consumo e di metterne in luce la fondamentale funzione di tramite dell'italiano scritto e letterario per un pubblico meno avvezzo ai contatti con la cultura "alta".
CONOSCENZE: è prevista l’acquisizione delle seguenti conoscenze: a) modelli linguistici proposti e veicolati in diverse tipologie testuali, come libri di lettura, galatei e manuali comportamentali, romanzi di formazione, novelle edificanti, racconti rosa; b) fenomenologia linguistica del teatro educativo femminile indirizzato a donne e bambini; c) tipologia linguistica della paraletteratura femminile, ovvero prodotta da donne e diretta a un pubblico femminile, con riferimento al genere "giallo-rosa";
ABILITÀ: saper riconoscere i principali fenomeni linguistici in tipologie testuali (para)letterarie e saperli collocare diacronicamente nel panorama degli orientamenti coevi, e, in prospettiva sociolinguistica, all’interno dei condizionamenti variazionali.

Prerequisiti

Competenze avanzate delle strutture della lingua italiana e degli strumenti essenziali per riconoscere la fenomenologia linguistica e affrontarne l’analisi; cognizione per grandi linee della storia linguistica italiana; conoscenza degli ambiti sincronici di variabilità linguistica e delle principali varietà del repertorio italiano.

Contenuti

La lingua della (para)letteratura femminile in Italia tra Otto e Novecento.
Saranno affrontati nello specifico i seguenti argomenti: processi di alfabetizzazione e italianizzazione pre- e postunitaria; la dialettica tra uso letterario "alto" e lingua comune, con particolare riferimento al XIX e XX secolo; l'affermazione del "parlato"; la lingua della pubblicistica educativa femminile; la lingua della letteratura amena e di intrattenimento diretta alle donne; cenni sulla nascita di alcuni generi di consumo (come il giallo e il rosa) e relativa tipizzazione linguistica.

Metodi Didattici

Lezioni frontali.

Verifica dell'apprendimento

Colloquio orale sugli argomenti del corso, finalizzato ad accertare la conoscenza approfondita della bibliografia di riferimento indicata, la capacità di analizzare e commentare i testi e di riconoscere i fenomeni linguistici, e la consapevolezza dei principali problemi metodologici relativi alla disciplina.

Testi

Studenti frequentanti:
1) materiali e testi commentati durante le lezioni.

2) L. SERIANNI, Storia dell'italiano nell'Ottocento, Bologna, il Mulino, 2013 (una selezione di capitoli indicati durante il corso).

3) L. RICCI, Paraletteratura. Lingua e stile dei generi di consumo, Roma, Carocci, 2013.

4) dossier di saggi composto da:
R. FRESU, La lingua dell’editoria educativa femminile italiana nell’Ottocento: linee di ricerca, in Lingue, letterature, nazioni. Centri e periferie tra Europa e Mediterraneo, a cura di I. Putzu, G. Mazzon, Milano, FrancoAngeli, 2012, pp. 534-576.
R. FRESU, Quale lingua nella letteratura dell’educazione femminile postunitaria?, in Storia della lingua italiana e storia dell’Italia unita, Atti del IX Convegno Internazionale ASLI (Firenze, Accademia della Crusca, 2-4 dicembre 2010), a cura di A. Nesi, S. Morgana, N. Maraschio, Firenze, Franco Cesati Editore, 2011, pp. 321-337.
R. FRESU, «Scene famigliari per fanciulle». La lingua del teatro educativo femminile nel secondo Ottocento, in «Linguistica e letteratura», XXXVIII (2013), 1-2, pp. 141-189.
R. FRESU, Variazione di genere, varietà di un genere. La lingua della narrativa femminile “giallo-rosa” degli anni Trenta: i racconti di Luciana Peverelli, in La variazione nell’italiano e nella sua storia. Varietà e varianti linguistiche e testuali. Atti del XI Congresso SILFI (Napoli, 5-7 ottobre 2010), a cura di Patricia Bianchi et alii, Firenze, Franco Cesati Editore, 2012, vol. I, pp. 151-161.
R. FRESU, Quando il giallo si tinge di rosa. Tipologia linguistica della (para)letteratura italiana femminile nel Novecento, in «Esperienze letterarie», XXXVII (2012), 2, pp. 35-49.

Studenti non frequentanti:
oltre alla bibliografia indicata per gli studenti frequentanti (vd. punti 2-4) si dovrà aggiungere:
5) G. ALFIERI, La lingua di consumo, in Storia della lingua italiana, a cura di L. Serianni e P. Trifone, vol. II. Scritto e parlato, Torino, Einaudi, 1994, pp. 161-235.

Altre Informazioni

La frequenza è vivamente raccomandata; gli studenti non frequentanti sono invitati a portare il programma con le integrazioni indicate e a contattare tempestivamente la docente per ulteriori chiarimenti.

contatti | accessibilità Università degli Studi di Cagliari
C.F.: 80019600925 - P.I.: 00443370929
note legali | privacy