Giu 062019
 

Risultati dell’esame del 4 Giugno

Gli studenti che non hanno superato l’esame sono invitati a recarsi presso lo studio del docente per esaminare il proprio elaborato.

Consiglio di leggere attentamente le seguenti righe:

  1. Prima di sostenere questo esame è bene studiare come si quotano i componenti meccanici: i libri di Disegno Tecnico dedicano molte pagine a questo argomento;
  2. Il numero di viste e/o sezioni necessarie per rappresentare in modo completo un pezzo meccanico deve essere il minimo possibile. Disegnare un numero eccessivo di viste e/o sezioni non è indice di bravura, ma un errore !! Se una vista (o una sezione) è priva di quote (o quelle che ci sono possono essere trasferite altrove), significa che è inutile !!
  3. E’ obbligatorio rispettare il metodo di proiezione europeo (metodo del primo diedro) sia per la disposizione delle viste che per quella delle sezioni.
  4. E’ obbligatorio disegnare gli assi dei fori, quotarne il diametro e localizzare il loro asse rispetto ad un riferimento certo. Quotare il raggio dei fori è un errore; dimenticare la loro localizzazione è un errore!
  5. I bordi in vista di un oggetto devono essere rappresentati a tratto continuo grosso; gli assi, i bordi nascosti, le linee di misura e di riferimento devono essere rappresentati a tratto sottile. Usare lo stesso spessore per tutte le linee crea confusione!
  6. Per un singolo pezzo meccanico la campitura delle sezioni è unica. In un complessivo si usano due o più tipi di campitura per distinguere oggetti diversi.
  7. Ogni particolare o dettaglio di un pezzo meccanico deve essere quotato una sola volta. Le quote ausiliarie, deducibili dalla combinazione delle altre quote, sono ridondanti e, se ritenuto necessario, vanno indicate ma tra parentesi.
  8. Non si quotano particolari nascosti.
  9. Le quote devono essere disposte sulle viste o sulle sezioni che meglio rappresentano l’elemento da quotare.
  10. I particolari nascosti, rappresentati con linea discontinua, si disegnano solo se sono utili alla comprensione del pezzo: in caso contrario complicano inutilmente il disegno e sono un errore.
  11. Le sezioni su piani paralleli o piani concorrenti si fanno solo quando sono utili !!
  12. Nei formati A3 il cartiglio o leggenda si disegna in basso a destra.
  13. Nella leggenda è obbligatorio riportare il simbolo del metodo di proiezione utilizzato e la scala del disegno.
  14. Il disegno deve essere completo, cioè le quote devono essere in numero tale da non lasciare dubbi circa la dimensione e la disposizione dei diversi dettagli.
credits unica.it | accessibilità Università degli Studi di Cagliari
C.F.: 80019600925 - P.I.: 00443370929
note legali | privacy

Nascondi la toolbar