Insegnamenti

 

30/44/103 - ISTITUZIONI DI DIRITTO PUBBLICO

Anno Accademico ​2017/2018

Docente
FELICE ​ANCORA (Tit.)
Periodo
Primo Semestre ​
Modalità d'Erogazione
Convenzionale ​
Lingua Insegnamento
ITALIANO ​



Informazioni aggiuntive

CorsoPercorsoCFUDurata(h)
[30/44] ​ ​SCIENZE PEDAGOGICHE E DEI SERVIZI EDUCATIVI [44/00 - Ord. 2010] ​ ​PERCORSO COMUNE636
Obiettivi

Fornire la capacità di orientarsi nell'ordinamento costituzionale italiano.
Conoscenza e capacità di comprensione: il corso intende fornire la conoscenza degli istituti fondamentali ddel diritto pubblico italiano.

Prerequisiti

Cognizione precisa degli avvenimenti del periodo compreso tra la caduta del Fascismo e la entrata in vigore della Costituzione.
Lettura frequente delle pagine dei quotidiani dedicate alla politica.
Lettura ripetuta (almeno due volte) della Costituzione italianaLettura della Costituzione.

Contenuti

I principali apparati pubblici (Stato, Regioni, e Comuni): struttura, funzioni e procedure. Le fonti del diritto e l'interpretazione.
Più nel dettaglio: norme e ordinamento giuridico; lo Stato;le fonti normative (in generale e nel dettaglio); i principi fondamentali della Costituzione; i diritti di libertà; gli istituti di garanzia; i rapporti etico sociali; i rapporti economici; i rapporti politici; le elezioni e il referendum; il Parlamento; il Presidente della Repubblica; il Governo; le pubbliche amministrazioni e gli organi ausiliari; la giurisdizione; le regioni e gli enti locali; la Corte costituzionale.

Metodi Didattici

Lezioni frontali

Verifica dell'apprendimento

Orale.
E'oggetto di studio l'intero testo (ivi comprese le parti di carattere generale, come quelle sugli atti giuridici, sui diritti, sugli obblighi e i poteri).
L'esame è orale.
Il grado di approfondimento richiesto è presentato,approssimativamente,in un rapporto da 5 a 100 tra le parole da esprimere nella interrogazione e quelle del testo scritto.
E' previsto un primo modulo di esame per novembre su una parte di programma a scelta dello studente. Non avrà forza preclusiva sull'esito dell'esame finale, che comunque spazierà sull'intero programma.
L’esame si svolgerà in forma orale. La prova tenderà a verificare l'avvenuta acquisizione delle conoscenze e delle abilità rientranti tra gli "obiettivi del corso".
Verranno poste da 2 a 3domande relative a diversi settori del programma svolto e tendenzialmente coincidenti con il titolo di un paragrafo del libro di testo (seguite da eventuali richieste di chiarimenti). Il giudizio sarà attribuito con un voto espresso in trentesimi.
Nella formulazione del giudizio finale troveranno applicazione i seguenti criteri di valutazione: •Mancato superamento dell’esame: insufficiente conoscenza degli istituti oggetto del corso; • Da 18 a 21: conoscenza elementare delle tematiche di cui sopra; presenza di lacune non particolarmente ampie; •Da 22 a 24: conoscenza degli argomenti non particolarmente approfondita, ma completa; • Da 25 a 27: preparazione buona, caratterizzata da linguaggio tecnico adeguato; •Da 28 a 30: preparazione eccellente; linguaggio tecnico e modo di esprimersi puntuale e preciso; • 30 e lode: ulteriori qualità della preparazione desumibili dalla brillantezza e sicurezza nell’esposizione.

Testi

M. Mazziotti di Celso e G.M. Salerno, Istituzioni di diritto pubblico, Cedam, 2015.

Altre Informazioni

Ricevimento: Martedì al termine delle lezioni in aula, o previo appuntamento via mail o telefono (330 652160)

credits unica.it | accessibilità Università degli Studi di Cagliari
C.F.: 80019600925 - P.I.: 00443370929
note legali | privacy

Nascondi la toolbar