Scavi archeologici al Palazzo di Baldu (Luogosanto, OT)

 LABORATORI E ATTIVITA'  Commenti disabilitati su Scavi archeologici al Palazzo di Baldu (Luogosanto, OT)
Giu 102014
 

 

Sono aperte le selezioni perLuogosanto Palazzo di Baldu ingresso al palazzo la partecipazione allo scavo didattico presso il sito medievale del Palazzo di Baldu (Luogosanto, provincia di Olbia-Tempio) nel periodo dal 14 luglio al 9 agosto 2014. Le candidature dovranno pervenire via e-mail al dott. Daniele Corda (daniele.corda.1@gmail.com) entro il 2 luglio 2014, indicando nome, cognome, corso di laurea, numero di matricola, codice fiscale, numero di telefono, contatto e-mail, residenza e, qualora non coincida, domicilio (indicando città provincia, CAP, indirizzo e numero civico). Si richiede l’invio del proprio curriculum vitae con l’indicazione dell’indirizzo di studio e delle precedenti esperienze di scavo archeologico.

Si richiede autonomia negli spostamenti (da e per Luogosanto e per raggiungere il cantiere) e la dotazione personale di base (scarpe antinfortunistiche, guanti, trowel, attrezzatura da disegno).

 

 Scritto da alle 10:59

Il Lab DeCBeC per Monumenti Aperti 2014

 LABORATORI E ATTIVITA'  Commenti disabilitati su Il Lab DeCBeC per Monumenti Aperti 2014
Gen 212014
 

CANDIDATURE STUDENTI PER “MONUMENTI APERTI” 2014 (Cagliari, 10-11 maggio)

Il Laboratorio di Didattica e Comunicazione dei Beni Culturali, guidato dal Prof. Fabio Pinna, parteciperà attivamente a “Cagliari Monumenti Aperti 2014″, in programma a Cagliari nei giorni 10-11 maggio.

La manifestazione di quest’anno assume particolare rilevanza ed interesse scientifico e culturale poiché la città di Cagliari è tra le finaliste per la selezione “Città Europea della Cultura 2019” e l’amministrazione comunale sta investendo notevoli risorse ed energie per superare nel 2014 l’ultima fase della valutazione ed essere effettivamente eletta.
L’edizione 2014, dal titolo “OLTRE la città di pietra”, sarà incentrata su Cagliari come punto di passaggio e di irradiazione di saperi, ma anche come luogo di conquista, interessato dall’apporto di culture diverse, che di volta in volta hanno sollevato muri e creato confini.

Il Laboratorio sarà impegnato su diverse linee di intervento, tra le quali:
– la progettazione e la realizzazione di uno o più itinerari culturali di siti e monumenti;
– la creazione di una “task force” con compiti di assistenza tecnico-scientifica alle scuole, alle associazioni e agli enti impegnati nella realizzazione delle visite ai singoli monumenti;
– la partecipazione a un “social media team” che si occupi di curare gli aspetti legati alla comunicazione della manifestazione, tramite la diffusione attraverso Facebook, Twitter, Instagram, etc.;
– la gestione della rete di punti informativi fissi, predisposta in funzione di supporto logistico ai visitatori.

Gli obiettivi del Laboratorio e i dettagli delle attività saranno illustrati nel corso del PRIMO INCONTRO, fissato per venerdì 24 gennaio dalle ore 9:30 alle ore 12, nell’Aula Rossa della Cittadella dei Musei (P.zza Arsenale).

Gli interessati dovranno inviare un’e-mail alla dott.ssa Nicoletta Usai (nusai@unica.it), entro martedì 21 gennaio alle ore 13:00, fornendo i seguenti dati:

.Nome e Cognome
.Luogo e data di nascita
.Comune e indirizzo di residenza e CAP
.Cellulare
.Corso di Laurea
.Numero di matricola
.Eventuali esperienze nelle edizioni precedenti di “Monumenti Aperti” o in altre attività legate alla divulgazione, alla didattica e alla comunicazione del patrimonio culturale.

Il numero massimo di partecipanti all’attività del Laboratorio è di 50 (cinquanta) elementi.

La partecipazione alle attività dà la possibilità di ottenere complessivamente 3 CFU: il coordinamento del Laboratorio inoltrerà richiesta ai rispettivi Consigli di Classe per il riconoscimento di n. 2 CFU. Un ulteriore CFU sarà attribuito previa presentazione dell’attestato di partecipazione alla manifestazione “Monumenti Aperti” 2014.Diapositiva1

 Scritto da alle 11:16

Convegno DCCMC (Cagliari, 17-19 ottobre 2012)

 LABORATORI E ATTIVITA'  Commenti disabilitati su Convegno DCCMC (Cagliari, 17-19 ottobre 2012)
Ott 082012
 

Convegno di Studi

DCC< >MC

Settecento-Millecento. Storia, Archeologia e Arte nei “secoli bui” del Mediterraneo. Dalle fonti scritte, archeologiche ed artistiche alla ricostruzione della vicenda storica: la Sardegna laboratorio di esperienze culturali

 

Il convegno “700-1100 d.C.: storia, archeologia e arte nei ‘secoli bui’ del Mediterraneo. Dalle fonti scritte, archeologiche ed artistiche alla ricostruzione della vicenda storica: la Sardegna laboratorio di esperienze culturali.”, che si svolgerà a Cagliari presso la Cittadella dei Musei, nell’aula “Roberto Coroneo”, tra il 17 e 19 Ottobre 2012,  rappresenta il momento conclusivo dell’omonimo progetto di ricerca che negli ultimi due anni ha visto coinvolte, con il coordinamento di Rossana Martorelli (docente di Archeologia Cristiana e Medievale presso l’Ateneo cagliaritano), due diverse unità di ricerca dall’Università di Cagliari, una dell’Università di Sassari e una, infine, della Soprintendenza per i Beni Archeologici delle province di Cagliari e Oristano.

Il progetto, finanziato nell’ambito della Legge Regionale 7 agosto 2007, n. 7: “Promozione della ricerca scientifica e dell’innovazione tecnologica in Sardegna”, si proponeva di fare luce sul periodo storico compreso tra il secolo VIII e gli inizi del XII d.C. attraverso l’analisi di fonti archivistiche, archeologiche ed artistiche. Si tratta di arco cronologico cui spesso è stata attribuita la qualifica di “secoli bui”, perché apparentemente privo di testimonianze scritte e monumentali, in grado di fornire un quadro definito degli avvenimenti storici, delle condizioni socio-economiche e delle relazioni.

Il periodo storico esaminato, a discapito della carenza di informazioni lamentata dagli studiosi, è di grande importanza per la storia dell’Europa e del Mediterraneo: si affacciano nuovi protagonisti che modificano gli equilibri politici ed economici. Nell’XI secolo i documenti attestano per la Sardegna il compimento di un nuovo assetto istituzionale, quello della quadripartizione in giudicati, rispetto al quale la mancanza di sufficienti informazioni storiche ha fatto proliferare varie ipotesi, qualche volta fantasiose.

A partire dai 44 interventi in programma, gli studiosi si confronteranno sui problemi storici relativi sia al ruolo della Sardegna nell’impero bizantino, sia al rapporto dell’isola con il Papato, con gli ordini monastici emergenti, l’Europa carolingia e il mondo islamico. Si darà conto, inoltre, dei recenti studi sui centri urbani e delle sedi del potere giudicale, ma anche dell’assetto del territorio e degli indicatori cronologici e socio-economici della cultura materiale, per giungere infine alla sfera ecclesiastica, nel tentativo di inquadrare storicamente la chiesa sarda e conoscerne infine l’architettura delle chiese, i monasteri e il culto dei santi.

 

PROGRAMMA

1° giorno: mercoledì 17 ottobre 2012

 

Ore 10

Saluti delle Autorità

G. Melis, Rettore dell’Università degli Studi di Cagliari.

M. Zedda, Sindaco di Cagliari.

E. Puggioni, Assessore alla Cultura del Comune di Cagliari.

S. Milia, Assessore alla Pubblica Istruzione, Beni Culturali, Informazione, Spettacoli e Sport della Regione Autonoma della Sardegna.

R. Serra, Direttore del Servizio Beni Culturali della Regione Autonoma della Sardegna.

G. Paulis, Preside della Facoltà di Studi Umanistici.

F. Atzeni, Direttore del Dipartimento di Storia, Beni Culturali e Territorio.

 

M.E. Minoja, Soprintendente per i Beni Archeologici delle province di Cagliari e Oristano e delle province di Sassari e Nuoro, Ruolo e attività delle Soprintendenze in un progetto di ricerca.

 

Il progetto

R. Martorelli, I “secoli bui” della Sardegna: problematiche, metodi e filoni d’indagine da una storiografia consolidata e aspettative dal nuovo progetto.

 

Ore 15

Il ruolo della Sardegna nell’impero bizantino: aspetti e problemi

 O. Schena, Aspetti e problemi storici della Sardegna nel Mediterraneo bizantino fra VIII e XI secolo.

M. Orrù, Teofilatto d’Acrida, gli errori dei Latini e la Sardegna.

L. Gallinari, Aspetti e problemi delle fonti arabe relative alla Sardegna.

G. Serreli, Il passaggio all’età giudicale: il caso di Càlari

C. Tasca, I documenti giudicali negli archivi italiani e stranieri.

M. Garau, I documenti giudicali conservati in Sardegna.

D. Mureddu, M. G. Messina, La ricerca storica: l’apporto del materiale degli archivi moderni alla conoscenza del periodo.

M. G. Arru, S. Dore, La ricerca storica: l’apporto della ricerca bibliografica e dell’analisi del materiale degli archivi moderni alla conoscenza del periodo.

 

Dibattito

 


 2° giorno: giovedì 18 ottobre 2012

 Ore 9

Vita e morte dei centri urbani fra ‘700 e 1100: fine della città tardoantica?

E. Zanini, L’VIII secolo a Gortina di Creta e qualche idea sulla fine della città antica nel Mediterraneo.

R. Martorelli, D. Mureddu, Cagliari: persistenze e spostamenti del centro abitato fra VIII e XI secolo.

P.G. Spanu, R. Zucca, Le città della Sardegna centro-occidentale fra VIII e XI secolo.

J. Bonetto, A.R. Ghiotto, Nora: il “silenzio” archeologico post V-VI secolo in alcuni quartieri. Contributi delle “assenze” alla vita e morte delle città.

C. Tronchetti, A.M. Colavitti, L’area occidentale di Nora. Uso/non uso dello spazio e trasformazioni fra VIII e XI secolo.

D. Rovina, L. Biccone, La villa di Thatari fra X e XI secolo.

L. Biccone, A. Vecciu, Bosa tardo bizantina e giudicale: nuove riflessioni sulla base dell’evidenza ceramica.

R. D’Oriano, G. Pietra, Olbia dal collasso della città romana al Giudicato di Gallura: punti fermi e problemi aperti.

M. Cadinu, Elementi di derivazione islamica nell’architettura e nell’urbanistica della Sardegna medievale.

 

Dibattito

 

Ore 15

All’origine delle sedi del potere giudicale

B. Fadda, I luoghi di redazione dei documenti giudicali: ville ecastelli.

L. Mura, L. Soro, I luoghi giudicali: dai documenti alle testimonianze archeologiche.

F. G. R. Campus, L. Biccone, Il palazzo o il castello di Ardara tra fonti scritte e primi dati archeologici.

D. Dettori, La domo giudicale di Thergu IX-XI secolo. Organizzazione, evoluzione e dati di vita quotidiana.

F. Pinna, Le sedi del potere nel giudicato di Gallura: alcune riflessioni.

 

L’assetto del territorio

P. G. Spanu, P. Fois, Gli insediamenti rurali della Sardegna altomedievale.

D. Artizzu, Ambiente e agricoltura in Sardegna fra la fine del VII secolo e le prime incursioni arabe.

E. Garau, Da Nora a Neapolis. L’organizzazione del territorio dalla tarda antichità.

D. Salvi, A. L. Sanna, Frequentazioni altomedievali nel Barigadu: il templum Iovis di Bidonì.

E. Trudu, Il territorio della Sardegna centro-orientale: la continuità di frequentazione dall’età romana sino all’VIII-IX secolo.

F. Sanna, Cultura artistica rupestre di età bizantina nel nord Sardegna: i casi diOschiri e Mores.

M. Milanese, Insediamenti rurali nei secoli centrali del Medioevo nella Sardegna nord-occidentale. Il contributo della ceramica Forum Ware.

 

Dibattito

 

Cena sociale

3° giorno: venerdì 19 ottobre 2012

Ore 9

Indicatori cronologici e socio-economici dalla cultura materiale

F. Pinna, Indicatori cronologici e socio-economici per la storia del Sardegna tra VIII e XI secolo: aspetti e problemi.

S. Marini, La ceramica da fuoco in Sardegna tra VIII e XI secolo.

E. Sanna, I contenitori da trasporto in Sardegna tra VIII e XI secolo: dati e problemi.

D. Corda,  La ceramica dipinta in Sardegna: attestazioni e problemi cronologici.

M. Muresu, I reperti metallici in Sardegna tra VIII e XI secolo: problematiche e prospettive di ricerca.

I. Sanna, L. Soro, Nel mare della Sardegna centro meridionale tra 700 e 1100 d.C., un contributo dalla ricerca archeologica subacquea.

D. Anedda, C. Nonne, Tecniche costruttive altomedievali in Sardegna.

 

Dibattito

 

 Ore 15

La sfera ecclesiastica: Chiesa Romana, Bizantina o Sarda? L’architettura delle chiese, i monasteri, il culto dei santi

M. Vidili, Per una mappa ecclesiastica della Sardegna dal V all’XI secolo.

D. Salvi, P. Fois, San Saturnino: un luogo di culto fra cristiani e musulmani nel IX-X secolo?

E. Curreli, Riflessi iconografici della religiosità: status quaestionis sulla pittura in Sardegna fra VIII e XI secolo

N. Usai, La decorazione pittorica della cripta di San Lussorio a Fordongianus.

G. Mele, Ancora sul codice visigotico ‘veronensis’ LXXXIX. Questioni storiografiche su liturgia e canti nella Sardegna alto-medioevale.

A. Pala, Il bisso sardo nei paramenti pontificali di Leone IV (847-855).

 

Dibattito

 

Ore 17.15

Tavola Rotonda: un bilancio del Convegno

 

 Scritto da alle 16:57

Scavi sul colle S. Elia di Spoleto

 LABORATORI E ATTIVITA'  Commenti disabilitati su Scavi sul colle S. Elia di Spoleto
Ago 092012
 

La professoressa Francesca Romana Stasolla, docente di Archeologia medievale all’Università di Roma La Sapienza, ci segnala che dal 10 settembre e per 4 settimane avrà luogo la consueta campagna archeologica, curata dalla Fondazione CISAM, sul colle S. Elia di Spoleto. Per le prime due settimane di attività ci sono ancora posti liberi anche per gli studenti dell’Università di Cagliari. Vitto e alloggio sono a carico del CISAM, mentre a carico del nostro ateneo sarà l’assicurazione.  Per informazioni e richieste di partecipazione contattare Fabio Pinna (fabio.pinna@unica.it).

 Scritto da alle 10:07

JudikAles. Summer school (Ales, 3-8 settembre 2012)

 LABORATORI E ATTIVITA'  Commenti disabilitati su JudikAles. Summer school (Ales, 3-8 settembre 2012)
Lug 252012
 

JudikAles

Alla scoperta della Sardegna medievale. Storia archeologia e arte

International Summer School

Ales (Oristano), 3-8 settembre 2012

JudikAles è una scuola estiva indirizzata a dottorandi, laureati  e laureandi interessati ad approfondire, secondo un’ottica interdisciplinare, la conoscenza del periodo giudicale della Sardegna.

La presenza dei resti del castello di Barumele, nel territorio dell’attuale cittadina di Ales (Oristano),  offre l’occasione per attuare una serie di iniziative, orientate verso uno studio delle testimonianze di età medievale.

La scuola prevede lezioni frontali, attività interdisciplinari, ricognizioni nel territorio e  laboratori di comunicazione.

Le lezioni e le attività saranno guidate da docenti esperti in Storia, Archeologia, Storia dell’arte,

Archivistica e paleografia, Tecnologie applicate all’archeologia, Didattica e comunicazione dei Beni culturali

 

Coordinatori

Rossana Martorelli

Fabio Pinna

Luogo: Ales (Oristano)

Numero massimo di partecipanti: 15

CFU: 3

Quota d’iscrizione: 100 Euro (a mezzo bonifico)

Ospitalità gratuita: alloggio in B&B, cena, trasferimenti in loco

A carico dei partecipanti: spese di viaggio, pasto di mezzogiorno

Scadenza iscrizioni: 10 agosto

Per iscrizioni ed ulteriori informazioni rivolgersi a:

martorel@unica.it

fabio.pinna@unica.it

 

JudikAles locandina

 

 Scritto da alle 11:49

Gioca la storia: “Un convento sul colle”

 LABORATORI E ATTIVITA'  Commenti disabilitati su Gioca la storia: “Un convento sul colle”
Mag 242012
 

Mercoledì 6 giugno, dalle ore 9 alle 12, nell’Aula Rossa della Cittadella dei Musei, nell’ambito delle attività proposte dal Laboratorio di didattica e comunicazione dei Beni Culturali, in collaborazione con l’Associazione culturale “Fabbricastorie” (http://www.fabbricastorie.it/) giocheremo a  “Un convento sul colle”, uno dei giochi di comitato sulla storia della Sardegna ideati dall’associazione e recentemente pubblicati nel volume “Gioca la storia. Undici giochi di comitato sulla storia della Sardegna” (Edizioni Fabbricastorie, Cagliari 2012).
Si tratta di una serie di giochi “scritti per ampliare la gamma di strumenti a disposizione di insegnanti e educatori che desiderano lavorare sulla storia e l’identità della Sardegna”, secondo gli obiettivi di uno specifico progetto finanziato dalla Regione Sardegna.
Nel gioco di comitato ogni giocatore interpreta un personaggio che partecipa ad una riunione o ad un’assemblea in cui si deve prendere una decisione. Normalmente ogni giocatore  ha un obiettivo diverso che non è noto agli altri giocatori. “Vincerà” il giocatore o i giocatori  che riusciranno ad indirizzare la decisione del gruppo in maniera  più rispondente ai propri obiettivi o interessi, ma è importante immedesimarsi  con efficacia nel personaggio assegnato.
Secondo gli obiettivi del Laboratorio, si tratta di sperimentare e verificare le potenzialità di questo tipo di attività ludica nella didattica della Storia e dei Beni Culturali.
Gli studenti interessati possono inoltrare la loro richiesta di partecipazione inviando un’e.mail con i loro dati all’indirizzo fabio.pinna@unica.it.

 Scritto da alle 19:38

Scavi archeologici al castello di Monreale (Sardara, VS)

 LABORATORI E ATTIVITA'  Commenti disabilitati su Scavi archeologici al castello di Monreale (Sardara, VS)
Mar 112011
 

Grazie alla collaborazione tra le cattedre di Archeologia Cristiana e Medievale dell’Università di Cagliari e la cattedra di Archeologia Medievale dell’Università di Roma “La Sapienza”, gli studenti della nostra Università possono partecipare, a partire da lunedì 4 aprile, alla nuova campagna di scavi archeologici presso il castello di Monreale (Sardara, provincia del Medio Campidano).

Ai partecipanti è richiesta la disponibilità per due settimane di attività (il cantiere opera dal lunedì al venerdì), che darà diritto al ricoscimento di 3 crediti formativi.

Contemporaneamente allo scavo, riprenderà, sempre a Sardara, anche l’attività di laboratorio sui reperti dell’indagine archeologica presso il castello di Monreale.

Anche questa attività darà diritto al riconoscimento di crediti formativi:  secondo il regolamento, è previsto 1 credito per 25 ore di attività.

Per l’adesione e per ulteriori informazioni si invita a contattare Fabio Pinna, durante l’orario di ricevimento.

 Scritto da alle 20:32

Laboratorio di Archeologia postclassica Seminario introduttivo

 LABORATORI E ATTIVITA'  Commenti disabilitati su Laboratorio di Archeologia postclassica Seminario introduttivo
Feb 082011
 

Laboratorio di Archeologia postclassica

(insegnamenti di Archeologia Cristiana e Medievale, Archeologia Postmedievale)

Seminario introduttivo

Giovedì 17  febbraio 2011, ore 17-19

Dipartimento di Scienze Archeologiche e Storico-Artistiche

Piazza Arsenale,1

Aula Bianca

 

L’attività è rivolta a tutti gli iscritti alle attività del laboratorio e avrà per oggetto i seguenti argomenti:

Cultura materiale e studio della ceramica postmedievale

Gli scavi archeologici  nella cattedrale di S. Chiara di Iglesias

Aspetti organizzativi del laboratorio

 Scritto da alle 18:31

Laboratorio di archeologia post-classica

 LABORATORI E ATTIVITA'  Commenti disabilitati su Laboratorio di archeologia post-classica
Gen 242011
 

Si informano gli studenti degli insegnamenti Archeologia Cristiana, Medievale e Postmedievale che a partire da lunedì 7 febbraio sarà attivo, presso i locali del Dipartimento di Scienze Archeologiche e Storico-Artistiche, il laboratorio di archeologia post-classica.

Il laboratorio comporterà, in una prima fase, lo studio dei reperti provenienti dallo scavo della chiesa di Santa Chiara, cattedrale di Iglesias.

L’attività, della durata di 25 ore, permetterà il riconoscimento di 1 credito.

Per iscrizioni compilare il modulo di richiesta di partecipazione (disponibile presso sig. Bruno Garau), oppure rivolgersi ai professori Rossana Martorelli e Fabio Pinna, durante l’orario di ricevimento.

 Scritto da alle 18:38
credits unica.it | accessibilità Università degli Studi di Cagliari
C.F.: 80019600925 - P.I.: 00443370929
note legali | privacy

Nascondi la toolbar