Insegnamenti

 

Obiettivi:

acquisire conoscenza e comprensione su contenuti, metodologie e tecniche della disciplina;

acquisire la capacità di applicare le conoscenze apprese;

acquisire spirito critico autonomia di giudizio e abilità comunicative, anche attraverso un continuo confronto nel lavoro di gruppo.

 

Metodi didattici:

Lezioni, esercitazioni, giochi e dopogiochi, lavori di gruppo

 

Modalità di verifica dell’apprendimento:

La valutazione dello studente prevede una prova orale, attraverso domande che verifichino la preparazione sui contenuti presenti nei testi e le competenze apprese durante le lezioni, anche attraverso la diretta applicazione di esse (ad es. proposte di giochi od attività di gruppo)
Lo studente dovrà dimostrare di aver raggiunto gli obiettivi formativi richiesti.

Il punteggio della prova d’esame è attribuito mediante un voto espresso in trentesimi.

Nel voto finale saranno incluse anche le valutazioni relative all’attiva partecipazione degli studenti alle lezioni, alle
esercitazioni e al lavoro svolto individualmente sotto forma di esercizi e relazioni assegnate durante lo svolgimento del corso

SF/0022 - METODOLOGIA E TECNICA DEL GIOCO E ANIMAZIONE E METODOLOGIA E TECNICA DEL LAVORO DI GRUPPO

Anno Accademico ​2015/2016

Docente
ENRICO ​EULI (Tit.)
Periodo
Secondo Semestre ​
Modalità d'Erogazione
Convenzionale ​
Lingua Insegnamento
ITALIANO ​



Informazioni aggiuntive

CorsoPercorsoCFUDurata(h)
[30/46] ​ ​SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA [46/00 - Ord. 2011] ​ ​PERCORSO COMUNE430
Obiettivi

-acquisire competenze metodologiche e tecniche per una didattica capacità di riflettere sui contesti e sulle relazioni, e sul proprio lavoro educativo.
-approfondire alcune teorie del gioco, del lavoro di gruppo e dell'animazione, in un più ampio e trasversale spettro di riferimenti culturali e specialistici.a non frontale, attiva e attivante

Prerequisiti

-conoscenza di base delle più importanti teorie-pratiche psicopedagogiche e socio-antropologiche
-conoscenza di base delle teorie e pratiche didattiche, tradizionali e non
-disponibilità a 'mettersi in gioco' e a mettere in gioco le proprie premesse

Contenuti

IL GIOCARE, TRA EROS E THANATOS

Da sempre il giocare si muove tra elaborazione del dolore e invito alla gioia di vivere.
Sin dal ‘bambino del rocchetto’ la presenza e l’assenza, il rischio della solitudine e la pratica della cura si alternano e succedono nella vita di chi inventa e gioca i giochi della vita.
Oggi possiamo giocare, ancora e sempre, ma tra le macerie di una modernità in crisi profonda, sempre più in bilico tra amore e morte, tra Eros e Thanatos.
In questa condizione di vita, il giocare apre delle opportunità per riflettere su esperienze, condividerle, connettere idee, rimescolare emozioni e provare a ri-alfabetizzarci ad esse.

Metodi Didattici

Lezioni ed esercitazioni

Verifica dell'apprendimento

Orale, in gruppo

Testi

D. Fant, Pedagogia hip-hop, Carocci, 2015
G. Corni, Il cerchio di animazione, Ed. Didattica attiva, 2014
E. Morin, Insegnare a vivere, Manifesto per cambiare l’educazione, Cortina, 2015
J. Hillman, Lettera agli insegnanti italiani, 2003, reperibile online

Si consiglia la lettura libera di :
M. Haig, Gli umani, Einaudi, 2015
E. Vila-Matas, Un’aria da Dylan, Feltrinelli, 2012
H. Melville, Bartleby lo scrivano, Feltrinelli, 2015

Altre Informazioni

Le lezioni –salvi nuovi avvisi- si terranno nel secondo semestre (marzo/maggio 2016), il mercoledì e il giovedì, dalle 15 alle 18, in aula 3, corpo centrale.
Eventuali informazioni sul calendario delle lezioni, o altro, si potranno reperire, di volta in volta, sulla pagina personale del portale di Facoltà.
Ricevimento: mercoledì, dalle 15 alle 16. studio 47, terzo piano, corpo centrale.

credits unica.it | accessibilità Università degli Studi di Cagliari
C.F.: 80019600925 - P.I.: 00443370929
note legali | privacy

Nascondi la toolbar