Lug 252008
 

Il giorno 18.07.2008 è stato convocato il Senato Accademico con il seguente

ORDINE DEL GIORNO

  • 1. DECRETO LEGGE 112: VALUTAZIONE ITER PARLAMENTARE, IPOTESI DI GESTIONE E CONSEGUENTI IPOTESI CAUTELATIVE PER I CORSI INSERITI NEL MANIFESTO DEGLI STUDI
  • 2. PROPOSTA COSTITUZIONE SPIN-OFF
  • 3. PROPOSTA ATTIVAZIONE MASTER II° LIVELLO IN “STORIA E IDENTITÀ SPAGNOLE NEL MEDITERRANEO OCCIDENTALE NEI SECOLI XV- XIX
  • 4. PROPOSTA STIPULA ACCORDO INTERUNIVERSITARIO PER IL RICONOSCIMENTO DI CFU ASSEGNATI AL MASTER IN “AFRICAN STUDIES
  • 5. ASSEGNI DI RICERCA ISTITUZIONALI- BANDO 2008 – PROGETTI APPROVATI DALLE COMMISSIONI D’AREA

1. DECRETO LEGGE 112: VALUTAZIONE ITER PARLAMENTARE, IPOTESI DI GESTIONE E CONSEGUENTI IPOTESI CAUTELATIVE PER I CORSI INSERITI NEL MANIFESTO DEGLI STUDI.

Il Rettore introduce l’argomento sottolineando l’esigenza di definire in tempi brevi, per la precisione prima del 21 luglio 2008, l’offerta formativa contenuta nel Manifesto degli Studi per l’A.A. 2008/2009, alla luce delle recentissime disposizioni contenute nel D.L. n. 112/2008. La data del 21 luglio infatti fissa l’inizio delle pre-iscrizioni ai vari corsi universitari, ed è necessario, sottolinea il Rettore, presentare agli studenti un quadro il più possibile certo, tenendo presente che per il Rettore non va assolutamente confuso ciò che per il 2008 è ancora possibile e non più discutibile e limitabile in materia di offerta formativa, e che quindi dovrebbe rimanere fermo, da ciò che, a partire dall’anno 2009, potrebbe invece essere posto in discussione e subire eventuali tagli a seguito dell’applicazione delle nuove disposizioni di cui al DL 112 che, se venisse convertito in legge, influirebbe di certo negativamente sull’offerta formativa dell’università determinando un ridimensionamento ed una modifica del contenuto del Manifesto degli Studi. Sottolinea il fatto che qualsiasi presa di posizione da parte dell’’Organo politico dell’Ateneo nei confronti del DL n. 112/2008 e delle sue ripercussioni sulle università, dovrà essere fatta previo attento esame della reale situazione in cui in questi anni la nostra università si è venuta a trovare. Pertanto di ridimensionamento dell’Offerta Formativa determinato dal DL 112/2008 può parlarsi secondo il Rettore solo a partire dall’anno 2009, mentre deve essere chiaro che per il 2008 vanno garantiti i servizi già previsti nel Manifesto degli Studi ed approvati a suo tempo.

Su queste affermazioni si apre un fitto dibattito nel quale gli interventi sono sostanzialmente concentrati sul fatto che il problema ora non può essere limitato ad una semplice modifica o revisione del Manifesto degli Studi , senza prima affrontare la gravissima situazione che sin da subito l’operatività del DL 112/2008 determinerà a carico delle Università decretandone la fine dell’intero sistema. L’Università è da anni che si trova in condizioni disastrose per i continui e progressivi attacchi subiti ad opera delle politiche miopi dei governi che si sono avvicendati nel tempo. Si tratta quindi di rigettare in blocco le norme contenute nel decreto legge ultimo e non limitarsi a “limare” per il futuro l’offerta formativa che, evidentemente, costituisce una questione secondaria e conseguente. Il Senato Accademico odierno dovrà essere interamente dedicato alla discussione sul DL112/2008 per consentire all’Università di Cagliari di uscire pubblicamente con un proprio documento. In questa situazione non è possibile per le facoltà garantire i servizi previsti nel Manifesto degli Studi sin dal momento attuale.

Il Rettore a questo punto fa dare lettura di una bozza del documento che è stato predisposto e che verrà fatto proprio dal Senato Accademico.

Vengono apportate correzioni ed emendamenti allo stesso in alcune parti. Si apre una animata discussione circa la necessità e l’opportunità di introdurre una clausola di carattere cautelativo che dichiari in maniera univoca che, perdurando questa situazione, non sarà più possibile, fin dall’inizio del prossimo anno accademico, garantire l’attuale offerta formativa programmata. Al termine della discussione il Senato Accademico delibera all’unanimità di adottare il seguente documento, che verrà pubblicato e trasmesso alla CRUI e al MIUR.

LINK al Testo.

2. PROPOSTA COSTITUZIONE SPIN-OFF

1) Spin-Off dell’Università “PALLADIO” – Forma societaria: SRL.

Oggetto sociale: Consulenza nel settore del riciclo di metalli nobili.

Riguarda la “sintesi, caratterizzazione e studio di proprietà di complessi a trasferimento di carica tra S-donatori e alogeni”.

Capitale sociale: 11.000 euro.

Partecipazione Università di Cagliari: 2000 euro.

Compagine sociale: Prof.ssa Paola Deplano (dip. Chim. Inorg. E analit.), Prof.ssa M. Laura Mercuri(dip. Sc. Chimiche), dr.ssa Angela Serpe (dip. Chim. Inorg. E analit.), Università di Cagliari, Consorzio Promea, Prof. Emanuele Trogu (dip. Chim. Inorg. E analit.).

Sede legale: c/o Promea, Monserrato, Dip. Di Fisica , Cittadella Universitaria.

E’ prevista la delega delle funzioni di amministratore alla figura di un Amministratore unico.

La partecipazione al capitale sociale avverrà attraverso le somme stanziate dal Progetto ILON@Sardegna.

APPROVATO.

2) Spin-Off Accademico “ESTASI” – Forma societaria: SRL.

Oggetto sociale: progettazione integrata nei campi della sicurezza sul lavoro, controllo e processo automazione, tutela ambiente da agenti fisici.

Sede legale: via Metastasio, 9 – Selargius (CA)

Proponente: Prof. Domenico Salimbeni (dip. Ingegneria Elettrica ed elettronica).

APPROVATO.

3) Spin-Off dell’Università “RESPECT” – Forma societaria: SRL.

Oggetto sociale: consulenza nel settore della produzione, trasmissione e distribuzione dell’energia.

Capitale sociale: 10.000 euro.

Partecipazione Università di Cagliari: 1000 euro.

Compagine sociale: Prof. Fabrizio Pilo (DIEE), Prof. Carlo Muscas (DIEE), Dr. Gianni Celli (ricercatore DIEE), dr. Emilio Ghiani (ricercatore DIEE), ing. Susanna Mocci (assegnista DIEE), ing. Giuditta Pisano (assegnista DIEE), ing. Massimo Loddo (contrattista DIEE), ing. Gian Giuseppe Soma (dottorando DIEE).

Sede legale: via San Giuliano 22/A, Cagliari.

APPROVATO.

3. PROPOSTA ATTIVAZIONE MASTER II° LIVELLO IN “STORIA E IDENTITÀ SPAGNOLE NEL MEDITERRANEO OCCIDENTALE NEI SECOLI XV- XIX

APPROVATO, con la precisazione che la mobilità dei docenti in esso prevista dovrà gravare, per quanto riguarda l’Università di Cagliari, sul bilancio dei Dipartimenti interessati e non sul quello delle Facoltà.

5. ASSEGNI DI RICERCA ISTITUZIONALI- BANDO 2008 – PROGETTI APPROVATI DALLE COMMISSIONI D’AREA

APPROVATE LE PROPOSTE FORMULATE DALLE AREE 1-2-3-4-5-8-9-10-12-14.

LE AREE 6 E 13 ATTUALMENTE NON HA ANCORA TERMINATO IL LAVORO ISTRUTTORIO.

PER L’AREA 11 L’UFFICIO E’ IN ATTESA DELLE DETERMINAZIONI DELLA COMMISSIONE IN MERITO AD UN RICORSO PRESENTATO.

Viene fatta presente in ultimo al Rettore la situazione dei Manager didattici e dei Disabili , rispetto ai quali il Rettore dichiara che si dovra’ esaminare la situazione al piu’ presto e che nel documento che ha predisposto prende in considerazione anche la problematica legata a questa specifica categoria, nei confronti della quale c’è l’imepgno a dare risposte concrete, nel momento in cui viene riconosciuta la rilevanza del ruolo all’interno dei servizi offerti agli studenti e alle facoltà.

In chiusura di seduta viene fatto distribuire dal Rettore materiale relativo al ProPer e le proiezioni delle cessazioni di personale docente al fine di una prossima discussione nel mese di settembre.

credits unica.it | accessibilità Università degli Studi di Cagliari
C.F.: 80019600925 - P.I.: 00443370929
note legali | privacy

Nascondi la toolbar