Insegnamenti

 

60/67/115 - MICROPALEONTOLOGIA APPLICATA

Anno Accademico ​2018/2019

Docente
CARLO ​CORRADINI (Tit.)
Periodo
Primo Semestre ​
Modalità d'Erogazione
Convenzionale ​
Lingua Insegnamento
 ​



Informazioni aggiuntive

CorsoPercorsoCFUDurata(h)
[60/67] ​ ​SCIENZE E TECNOLOGIE GEOLOGICHE [67/00 - Ord. 2012] ​ ​PERCORSO COMUNE656
Obiettivi

I microfossili quali strumento per indagini di vario tipo nelle Scienze della Terra (biostratigrafiche, ambientali e paleoambientali); le procedure biostratigrafiche quale metodo fondamentale per la datazione delle sequenze sedimentarie.

Conoscenze, abilità e comportamenti attesi con riferimento agli obiettivi di apprendimento Conoscenze (sapere): conoscere i vari gruppi di organismi e le loro applicazioni nelle Scienze della Terra, in particolare in biostratigrafia, paleoecologia, ricerche paleoambientali e paleoclimatiche, monitoraggio ambientale. conoscere le procedure stratigrafiche e saperle applicare.
Abilità/Capacità (saper fare): datazione delle rocce sedimentarie, determinazione del grado metamorfico, ricostruzioni paleoambientali e paleoclimatiche

Prerequisiti

avere conoscenze di base di paleontologia e stratigrafia

Contenuti

INTRODUZIONE AL CORSO - la micropaleontologia e le sue branche; tecniche di preparazione; micropaleontologia, evoluzione e biodiversità
1. LA BIOSTRATIGRAFIA Principi di Stratigrafia - Categorie stratigrafiche; procedure stratigrafiche; stratotipi. Unità litostratigrafiche, biostratigrafiche e cronostratigrafiche e rapporti tra loro. Biostratigrafia classica - Vari tipi di biozona. Schemi di biozonazione. Applicazioni sul terreno e in carotaggi. Biostratigrafia quantitativa - Correlazioni grafiche. Microfossili nella stratigrafia sequenziale - cenni di stratigrafia sequenziale e utilizzo dei microfossili nel riconoscimento delle sequenze.

2. APPLICAZIONI DELLA MICROPALEONTOLOGIA MICROFOSSILI E STRATIGRAFIA –Esempi di applicazioni biostratigrafiche
MICROFOSSILI COME INDICATORI DI METAMORFISMO TERMICO - Metodologia. Utilizzo della vitrinite (fossili organici) e del CAI (fossili fosfatici). Applicazioni nelle ricerche di idrocarburi.
MICROFOSSILI E ISOTOPI STABILI -Metodologia; isotopi dell’Ossigeno; paleotemperature e paleosalinità; isotopi del Carbonio; stratigrafia isotopica.
MICROFOSSILI E PALEOAMBIENTI - Principi di paleoecologia. Riconoscimento di paleoambienti sulla base della distribuzione di microfossili. Variazioni eustatiche e climatiche
MICROFOSSILI E MONITORAGGIO AMBIENTALE - Metodologia. Riconoscimento di inquinamenti naturali e antropici

3. PRINCIPALI GRUPPI DI MICROFOSSILI E LORO APPLICAZIONI
MICROFOSSILI A PARETE ORGANICA - Acritarchi, Chitinozoi, Dinoflagellati, Spore e pollini
MICROFOSSILI A PARETE INORGANICA - Nannoplancton calcareo, Foraminiferi, Diatomee, Radiolari, Ostracodi, Conodonti

4. ESEMPI DI APPLICAZIONI ALLA GEOLOGIA DELLA SARDEGNA

Metodi Didattici

Lezioni frontali (4 CFU), esercitazioni pratiche (1 CFU), due escursioni in giornata (1 CFU)

Verifica dell'apprendimento

esame orale, con discussione di argomenti di tutte le parti del programma e dell'esercitazione pratica svolta durante il corso; valutazione con voto in trentesimi

Testi

Dispense preparate dal docente

Armstrong H.A. & Brasier M.D. – Microfossils – Blackwell

Wezel – Compulsare gli archivi storici della Terra - Boringhieri

Altre Informazioni

Il nostro Ateneo fornisce supporto agli studenti affetti da disturbi specifici dell'apprendimento (DSA). Chi fosse interessato può trovare maggiori informazioni nel sito web: http://corsi.unica.it/scienzegeologiche/info-dsa/

Gli studenti lavoratori (studenti part time) sono invitati a concordare col docente attività personalizzate per ovviare alle assenze dalle lezioni causate da impegni di lavoro

credits unica.it | accessibilità Università degli Studi di Cagliari
C.F.: 80019600925 - P.I.: 00443370929
note legali | privacy

Nascondi la toolbar