Programmi

 

20/38/229 - METODOLOGIE DELLA RICERCA ARCHEOLOGICA

Anno Accademico ​2021/2022

Docente
FABIO CALOGERO ​PINNA (Tit.)
Periodo
Primo Semestre ​
Modalità d'Erogazione
Blend/modalità mista, Convenzionale ​
Lingua Insegnamento
ITALIANO ​



Informazioni aggiuntive

CorsoPercorsoCFUDurata(h)
[20/45] ​ ​BENI CULTURALI E SPETTACOLO [45/50 - Ord. 2016] ​ ​BENI CULTURALI E SPETTACOLO CONVENZIONALE630
[20/45] ​ ​BENI CULTURALI E SPETTACOLO [45/46 - Ord. 2016] ​ ​BENI E CULTURALI E SPETTACOLO ON LINE E IN PRESENZA (BLENDED)630
Obiettivi

A. Conoscenza e capacità di comprensione: dimostrare di avere conoscenze e capacità di comprensione dei fondamenti delle discipline archeologiche nella loro evoluzione nel tempo e dei nuovi indirizzi tematici e metodologici dell’archeologia, grazie al supporto di materiale bibliografico aggiornato.
B. Capacità di applicare conoscenza e comprensione: essere capaci di applicare conoscenze e capacità di comprensione alla lettura archeologica dei contesti, dimostrando un primo approccio professionale, e possedere competenze adeguate sia per ideare e sostenere argomentazioni nel campo dell’archeologia.
C. Autonomia di giudizio: essere in grado di raccogliere ed interpretare i dati utili a determinare giudizi autonomi, inclusa la riflessione su temi sociali, scientifici o etici ad essi connessi.
D. Abilità comunicative: saper comunicare, anche A. Conoscenza e capacità di comprensione: dimostrare di avere conoscenze e capacità di comprensione dei fondamenti delle discipline archeologiche nella loro evoluzione nel tempo e dei nuovi indirizzi tematici e metodologici dell’archeologia, grazie al supporto di materiale bibliografico aggiornato. Saper individuare e organizzare i termini di un vocabolario controllato nell’ambito specifico (*)
B. Capacità di applicare conoscenza e comprensione: essere capaci di applicare conoscenze e capacità di comprensione alla lettura archeologica dei contesti, dimostrando un primo approccio professionale, e possedere competenze adeguate per ideare e sostenere argomentazioni nel campo dell’archeologia; essere capaci di produrre e acquisire dati conoscitivi su contesti e siti archeologici, effettuare ricerche bibliografiche e di archivio, indagini documentarie, epigrafiche e iconografiche; di collaborare alle attività di inventariazione, catalogazione e documentazione inerenti i beni archeologici (*).
C. Autonomia di giudizio: essere in grado, anche attraverso un’autonoma raccolta e interpretazione dei dati, di comprendere ruolo e significato delle testimonianze monumentali e materiali, al fine della ricostruzione dei fenomeni storici e delle ricadute sui temi sociali, scientifici o etici ad essi connessi; essere in grado collaborare, con il proprio apporto, alle attività di valutazione ed identificazione di siti e contesti archeologici (*).
D. Abilità comunicative: saper presentare, in forma orale e scritta, a interlocutori specialisti e non specialisti, attraverso un lessico di volta in volta adeguato, i caratteri delle fonti archeologiche, le idee, i problemi e le soluzioni che si pongono in relazione ad una serie di questioni che riguardano la storia e la società. Essere in grado, a partire dal corretto reperimento delle informazioni e al lavoro di gruppo, di collaborare ad attività di comunicazione culturale e ad interventi educativi (*)

E. Capacità di apprendimento: sviluppare le competenze necessarie per intraprendere studi successivi nel campo dell’archeologia e, in generale del patrimonio culturale, con un alto grado di autonomia, che consenta di elaborare studi e relazioni sui temi della disciplina (*).
L’insegnamento concorre al conseguimento dei requisiti di accesso alla figura professionale dell’archeologo-III fascia, definita dal D.M. 244 del 20 maggio 2019, e specificamente all’acquisizione di competenze, abilità e conoscenze associate alla professione, descritte nell’allegato 2 al D.M §3 (cfr. supra gli obiettivi formativi contrassegnati con l’asterisco).

Prerequisiti

1. Prerequisito importante è la capacità dello studente di comprendere testi di vario tipo e riuscire ad estrapolare da essi le informazioni utili per il raggiungimento degli obiettivi e l’acquisizione dei contenuti dell’insegnamento;
2. molto utile è anche la capacità di compiere ricerche di informazioni attraverso la rete;
3. un importante ausilio è rappresentato dalla conoscenza dei fondamenti di geografia e dei riferimenti storici del contesto euro-mediterraneo.

Contenuti

1. Che cos’è l’archeologia; una visione che cambia nel tempo; il ruolo dell’archeologia nella società contemporanea;
2. Dal dialogo con tante discipline diversi metodi per fare archeologia;
3. La nascita dello scavo archeologico: dallo “sterro” alle indagini stratigrafiche;
4. Il metodo d’indagine per Unità Stratigrafiche (US);
5. Organizzazione del cantiere archeologico;
6. La documentazione dello scavo archeologico;
7. Il trattamento e lo studio dei reperti;
8. Archeologia urbana e archeologia preventiva;
9. L’“archeologia leggera’; archeologia dei paesaggi e archeologia delle architetture;
10. Archeologia della produzione e storia della cultura materiale;
11. Bioarcheologie e archeometria;
12. Dalla raccolta dei dati alla condivisione della conoscenza: edizione, divulgazione e comunicazione delle ricerche archeologiche.

Metodi Didattici

Il corso prevede lezioni frontali e interventi seminariali; nel rispetto delle norme di sicurezza vigenti, saranno programmate esercitazioni in aula, in laboratorio e in spazi aperti (cantieri archeologi).
Per soddisfare esigenze didattiche specifiche connesse alla situazione epidemiologica, è prevista la possibilità di lezioni in diretta streaming o registrazioni delle stesse disponibili on-line. Inoltre, le esercitazioni potranno essere svolte mediante forme di interazione a distanza con i supporti informatici disponibili.

Verifica dell'apprendimento

a) La verifica dell’apprendimento, consistente in un esame orale, sarà finalizzata ad accertare l’effettiva acquisizione da parte dello studente degli obiettivi formativi, comprensiva della capacità maturata dallo studente di applicare comprensione e conoscenza a casi concreti;
b) la valutazione finale sarà espressa attraverso un voto in trentesimi;
c) Il punteggio della prova d'esame è attribuito mediante un voto compreso tra i 18/30 (conoscenza elementare della materia, limitata agli aspetti nozionistici, conoscenza sufficiente degli strumenti di valutazione, difficoltà ad applicare le conoscenze, ridotta padronanza linguistica) ai 30/30, con eventuale lode (capacità di sistematizzare in maniera logica e coerente le conoscenze acquisite, capacità di valutare e applicare in modo critico i concetti, riuscendo ad esprimerli con un’adeguata padronanza di linguaggio).
Durante lo svolgimento delle lezioni, possono tenersi verifiche ed esercitazioni che costituiscono una base preliminare per la valutazione complessiva dello studente.

Testi

TESTI ADOTTATI
D. MANACORDA, Prima lezione di archeologia, Bari 2004;
R. FRANCOVICH, D. MANACORDA (a cura di), Dizionario di archeologia, Roma-Bari 2000;
A. CARANDINI, Storie dalla terra. Manuale di scavo archeologico, Torino 1991, pp. 21-85, 159-220;
F. CAMBI, Archeologia dei paesaggi antichi. Fonti e diagnostica, Roma 2003;
G.P. BROGIOLO, A. CAGNANA, Archeologia dell’architettura; metodi e interpretazioni, Borgo S. Lorenzo (FI) 2012, pp. 25-142;
T. MANNONI, Archeologia e archeometria, in II Congresso Nazionale di Archeologia Medievale (Brescia, 28 settembre-1 ottobre 2000), a cura di G. P. Brogiolo, Firenze 2000, pp. 11-14.

Altre letture consigliate:
D. MANACORDA, Lezioni di archeologia, Roma-Bari 2008;
E.C. HARRIS, Principi di stratigrafia archeologica, Roma 1983;
A. GUIDI, I metodi dell'archeologia, Roma-Bari 1994;
A. SCHNAPP, La conquista del passato. Alle origini dell'archeologia, Milano 1994;
C. RENFREW, P. BAHN, Archeologia. Teoria, metodi, pratica, Bologna 1995;
D. MANACORDA, E. ZANINI Lo scavo archeologico dalle origini a oggi, dossier Archeo dossier n. 35 1985;
T. MANNONI, E. GIANNICHEDDA, Archeologia della produzione, Torino 1996 (2003);
A. AUGENTI, A come Archeologia. 10 grandi scoperte per ricostruire la storia, Roma 2018;
E. GIANNICHEDDA, Quasi giallo, Romanzo di archeologia, Bari 2018.

Altre Informazioni

Contenuti e metodi previsti per il corso rendono particolarmente indicata, ai fini del raggiungimento degli obiettivi formativi, la partecipazione alle lezioni, nel corso delle quali saranno precisate anche le modalità di utilizzo della bibliografia.
Per chiarimenti su argomenti presentati nel corso o sulle modalità dell’esame il prof. Pinna è disponibile Contenuti e metodi previsti per il corso rendono particolarmente indicata, ai fini del raggiungimento degli obiettivi formativi, la partecipazione alle lezioni, nel corso delle quali saranno precisate anche le modalità di utilizzo della bibliografia.
Per chiarimenti su argomenti presentati nel corso o sulle modalità dell’esame il prof. Pinna è disponibile presso il proprio studio (Sede operativa del Dipartimento di Lettere, Lingue e Beni Culturali all’interno della Cittadella dei Musei) o in modalità telematica, secondo quanto indicato alla pagina del docente: https://unica.it/unica/page/it/fabioc_pinna

contatti | accessibilità Università degli Studi di Cagliari
C.F.: 80019600925 - P.I.: 00443370929
note legali | privacy