Programmi

 

LF/0272 - ARCHEOLOGIA PUBBLICA

Anno Accademico ​2021/2022

Docente
FABIO CALOGERO ​PINNA (Tit.)
Periodo
Primo Semestre ​
Modalità d'Erogazione
Convenzionale ​
Lingua Insegnamento
ITALIANO ​


Obiettivi

A) Conoscenza e capacità di comprensione:
Dimostrare conoscenze e capacità di comprensione che estendono e rafforzano quelle conseguite nel primo ciclo di studio e consentono di elaborare e applicare idee originali, anche in un contesto di ricerca, sul ruolo dell’archeologia nella società contemporanea.


B) Capacità di applicare conoscenza e comprensione:
Risolvere problemi in ambiti nuovi, inseriti in contesti interdisciplinari connessi al patrimonio archeologico e, più in generale, al patrimonio culturale, legati al ruolo e al mestiere dell’archeologo del terzo millennio.
C) Autonomia di giudizio:
Integrare le conoscenze e gestire la complessità, formulando giudizi ponderati su una serie di situazioni concrete, includendo la riflessione sulle responsabilità sociali ed etiche collegate alla ricerca archeologica, alla tutela e alla valorizzazione del patrimonio culturale.
D) Abilità comunicative:
Comunicare le finalità, i risultati, le ricadute economiche e sociali, le prospettive per territori e comunità degli interventi archeologi a interlocutori specialisti e non specialisti.
E) Capacità di apprendimento:
Studiare in un modo auto-gestito o autonomo, attingendo anche all’ampia casistica internazionale, le diverse declinazioni della ‘public archaeology’ e i suoi nuovi indirizzi.

L’insegnamento concorre al conseguimento dei requisiti di accesso alla figura professionale dell’archeologo-II fascia, definite dal D.M. 244 del 20 maggio 2019, e specificamente all’acquisizione di competenze, abilità e conoscenze associate alla professione, descritte nell’allegato 2 al D.M §2.

Prerequisiti

L’insegnamento non prevede propedeuticità; conoscenze ed esperienze dei diversi aspetti del patrimonio culturale conseguite durante il corso di studi triennale potranno rappresentare un’utile base per il confronto critico e le applicazioni operative dei contenuti della disciplina.

Contenuti

1. La funzione sociale dell’archeologia;
2. Che cos’è l’archeologia pubblica;
3. Le origini e gli sviluppi della ‘public archaeology’ in America e in Europa;
4. Archeologia, comunicazione e pubblico;
5. Archeologia, professione e volontariato;
6. Archeologia e sviluppo economico sostenibile;
7. Archeologia e partecipazione;
8. Esperienze e prospettive dell’Archeologia Pubblica in Italia;
9. La Sardegna, isola dell’archeologia: ricerca, identità, tutela, partecipazione e progetti di sviluppo.

Metodi Didattici

Il corso prevede lezioni frontali e interventi seminariali; sarà proposta la redazione di schede di analisi e di progetto per una serie di casi di studio locali, italiani ed internazionali.

Per soddisfare esigenze didattiche specifiche connesse alla situazione epidemiologica, è prevista la possibilità di lezioni in diretta streaming o registrazioni delle stesse disponibili on-line. Inoltre, le esercitazioni potranno essere svolte mediante forme di interazione a distanza con i supporti informatici disponibili.

Verifica dell'apprendimento

a) La verifica dell’apprendimento, consistente in un esame orale, sarà finalizzata ad accertare l’effettiva acquisizione da parte dello studente degli obiettivi formativi, comprensiva della capacità maturata dallo studente di applicare comprensione e conoscenza a casi concreti;
b) la valutazione finale sarà espressa attraverso un voto in trentesimi;
c) Il punteggio della prova d'esame è attribuito mediante un voto compreso tra i 18/30 (conoscenza elementare della materia, limitata agli aspetti nozionistici, conoscenza sufficiente degli strumenti di valutazione, difficoltà ad applicare le conoscenze, ridotta padronanza linguistica) ai 30/30, con eventuale lode (capacità di sistematizzare in maniera logica e coerente le conoscenze acquisite, capacità di valutare e applicare in modo critico i concetti, riuscendo ad esprimerli con un’adeguata padronanza di linguaggio).
Durante lo svolgimento delle lezioni, possono tenersi verifiche ed esercitazioni che costituiscono una base preliminare per la valutazione complessiva dello studente.

Testi

- G. Volpe, Archeologia pubblica. Metodi, tecniche, esperienze, Carocci, Roma 2020.
- C. Megale, S. Monti, Manuale di management per l'archeologia. Processi e procedure per l'archeologia nella società contemporanea, Mac Graw Hill, Milano 2021.
- P. Dragoni, M. Cerquetti (eds), L'archeologia pubblica prima e dopo l'archeologia pubblica, Supplemento 9/2019 a Il Capitale culturale, https://riviste.unimc.it/index.php/cap-cult/issue/view/104/showToc (seconda parte: La ricerca partecipata in archeologia: attori, metodi ed esperienze).
- M. Nucciotti, C. Bonacchi e C. Molducci (eds), Archeologia pubblica in Italia, Firenze 2019, https://media.fupress.com/files/pdf/24/3944/3944_21712,
- G.P. Brogiolo Archeologia pubblica in Italia: quale futuro?, Post Classical Archaeologies, 2, 2012, pp. 268-278 (http://www.postclassical.it/PCA_vol.2_files/PCA2_Brogiolo.pdf).
- F. PINNA, Archeologia e costruzione partecipata dell’identità locale: percorsi di archeologia di comunità in Sardegna, in PCA European Journal of Postclassical Archaeologies, 9, 2019, pp. 103-126 (http://www.postclassical.it/PCA_Vol.9_files/PCA%209_Pinna.pdf).

ALTRE LETTURE SUGGERITE:
F. Benetti, Il diritto di partecipare. Aspetti giuridici del rapporto tra pubblico e archeologia, SAP Mantova 2020 (http://www.postclassical.it/pca_studies_files/BENETTI_PCAstudies3_online.pdf);
C. Bonacchi, G. Moshenska, Critical Reflections on Digital Public Archaeology, Internet Archaeology 40, 2015, https://doi.org/10.11141/ia.40.7.1;
D. Malfitana (ed.) 2018, Quo vadis archeologia? Riflessioni metodologiche sul futuro di una disciplina, Atti del Workshop internazionale (Catania 18-19.1.2018), Catania 2018;
M.C., Parrello, M.S. Rizzo, (eds), Archeologia Pubblica al tempo della crisi. Atti delle Giornate gregoriane VII Edizione (29-30 novembre 2013), Edipuglia, Bari 2014;
G. Vannini, M. Nucciotti, C. Bonacchi, Archeologia Pubblica e Archeologia Medievale, Archeologia Medievale 40, numero speciale, 2014, pp. 183-195;
V. Nizzo, Archeologia è Partecipazione, in Archeologia e Società, Forma Urbis XXI, n. 9, settembre 2016, pp. 5-11 (https://www.academia.edu/28625992/Valentino_Nizzo_Archeologia_%C3%A8_Partecipazione_in_Archeologia_e_Societ%C3%A0_Forma_Urbis_XXI_n_9_settembre_2016_pp_5_11;
E. Brienza, Archeologia e Beni Comuni, in Tempo di beni comuni. Studi interdisciplinari, Roma 2013 (https://www.academia.edu/4791412/Archeologia_e_Beni_Comuni).

Altre Informazioni

Contenuti e metodi previsti per il corso rendono particolarmente indicata, ai fini del raggiungimento degli obiettivi formativi, la partecipazione alle lezioni, nel corso delle quali saranno precisate anche le modalità di utilizzo della bibliografia.
Per chiarimenti su argomenti presentati nel corso o sulle modalità dell’esame il prof. Pinna è disponibile presso il proprio studio (Sede operativa del Dipartimento di Lettere, Lingue e Beni Culturali all’interno della Cittadella dei Musei) o in modalità telematica, secondo quanto indicato alla pagina del docente: http://people.unica.it/fabiopinna.

contatti | accessibilità Università degli Studi di Cagliari
C.F.: 80019600925 - P.I.: 00443370929
note legali | privacy