Programmi

 

LF/0273 - ARCHEOMETRIA E TECNOLOGIA DELLE PRODUZIONI CERAMICHE PREISTORICHE

Anno Accademico ​2020/2021

Docente
LAURA ​FANTI (Tit.)
Periodo
Primo Semestre ​
Modalità d'Erogazione
Convenzionale ​
Lingua Insegnamento
ITALIANO ​



Informazioni aggiuntive

CorsoPercorsoCFUDurata(h)
[20/41] ​ ​ARCHEOLOGIA E STORIA DELL'ARTE [41/00 - Ord. 2011] ​ ​PERCORSO COMUNE630
Obiettivi

- Conoscenza dei fondamenti della tecnologia ceramica preistorica e delle sue implicazioni economiche, sociali e simboliche, attraverso la lettura e l’analisi dei dati desumibili dai complessi ergologici archeologici, dalla documentazione etnografica e dalle ricerche etnoarcheologiche, dalle collezioni sperimentali e dalle analisi archeometriche
- Comprensione del valore antropologico delle produzioni ceramiche preistoriche nella prospettiva dell’indagine paletnologica
- Conoscenza delle principali tecniche di analisi archeometrica e delle metodologie scientifiche interdisciplinari applicabili allo studio dei contenitori ceramici nell’obiettivo di una più approfondita interpretazione storica e culturale
- Capacità di identificare e valorizzare il potenziale informativo preservato dai manufatti ceramici anche in relazione alle specificità e ai limiti posti da differenti collezioni preistoriche
- Capacità di valutare con autonomia e senso critico l’adeguatezza e l’applicabilità delle differenti tecniche di analisi archeometrica dei manufatti ceramici per affrontare specifici quesiti archeologici

Prerequisiti

Conoscenza dei lineamenti essenziali della Preistoria, con particolare riferimento al Neolitico
Buone competenze linguistiche di base
Capacità di lettura e comprensione di testi in lingua inglese e francese (livello B1/B2)

Contenuti

Inquadramento teorico-metodologico. La tecnologia ceramica: origini e diffusione. L’approccio attualistico e il significato antropologico delle produzioni ceramiche. Il contributo degli studi etnografici, etnoarcheologici, sperimentali e archeometrici per l’analisi, la ricostruzione e l’interpretazione delle produzioni ceramiche preistoriche. Organizzazione della produzione e complessità sociale.
Le materie prime per la produzione della ceramica: caratteristiche e proprietà. La chaîne opératoire dei manufatti ceramici, dalla fabbricazione all’utilizzo. La funzione e l’uso dei recipienti.
Le principali tecniche di analisi archeometrica e gli approcci metodologici integrati per l’indagine delle produzioni ceramiche preistoriche (con particolare riferimento a: manifattura, provenienza, funzione e uso).

Metodi Didattici

Lezioni frontali (30 ore) supportate da slides, analisi di specifici casi di studio, osservazione diretta di ceramiche archeologiche e sperimentali.

Verifica dell'apprendimento

Verifica orale, con voto espresso in trentesimi ed eventuale conferimento della lode in relazione al livello di raggiungimento degli obiettivi formativi prefissati, in cui si valuteranno: la completezza e l’organicità delle conoscenze apprese sui temi affrontati, la comprensione delle problematiche teorico-metodologiche, la chiarezza espositiva e la padronanza del lessico tecnico della disciplina, le capacità critiche e l’autonomia di giudizio maturate dallo studente/dalla studentessa.

Testi

1) M. Vidale, Ceramica e archeologia. Carocci, Roma, 2007.
2) N. Cuomo di Caprio, Ceramica in archeologia 2. Antiche tecniche di lavorazione e moderni metodi di indagine. "L’Erma" di Bretschneider, Roma, 2007: pp. 29-159, 263-269, 487-507, 573-652.
3) S.T. Levi, Dal coccio al vasaio: manifattura, tecnologia e classificazione della ceramica. Zanichelli, 2010: pp. 74-97, 100-110.
4) P. Rice, Pottery analysis: a sourcebook. The University of Chicago Press, Chicago and London 1987: pp. 113-167, 207-243, 309-329.
5) V. Roux, Lecture anthropologique des assemblages céramiques. Les Nouvelles de l’archéologie, 119, 2010 (disponibile online, open access: https://journals.openedition.org/nda/957)
6) C. D’Amico, Alcune riflessioni sulla natura dell’archeometria, in M. Martini, A. Castellano, E. Sibilia (a cura di), Elementi di archeometria. Seconda edizione. Egea, Milano, 2007: pp. 3-7.
7) M. Regert, Du défi analytique aux interprétations archéologiques. Caractérisation des substances organiques piégées dans les poteries préhistoriques. L’actualité chimique 353-354, 2011: pp. 119-126. (disponibile online, open access: https://www.lactualitechimique.org/Du-defi-analytique-aux-interpretations-archeologiques-caracterisation-des-substances-organiques)
8) M. Roffet-Salque, J. Dunne, D. T Altoft., E. Casanova, L. J.E Cramp., J. Smyth, H.L. Whelton, R. P. Evershed, From the inside up: Upscaling the organic residue analyses of archaeological ceramics, Journal of Archaeological Science Reports 16, 2017: pp. 627-640.

Altre Informazioni

Ulteriori indicazioni e precisazioni bibliografiche saranno fornite durante le lezioni e/o potranno essere richieste direttamente alla docente.

contatti | accessibilità Università degli Studi di Cagliari
C.F.: 80019600925 - P.I.: 00443370929
note legali | privacy