Programmi

 

20/41/145 - STORIA DELL'ARTE MODERNA 2

Anno Accademico ​2016/2017

Docente
ALESSANDRA ​PASOLINI (Tit.)
Periodo
Primo Semestre ​
Modalità d'Erogazione
Convenzionale ​
Lingua Insegnamento
 ​



Informazioni aggiuntive

CorsoPercorsoCFUDurata(h)
[20/41] ​ ​ARCHEOLOGIA E STORIA DELL'ARTE [41/00 - Ord. 2011] ​ ​PERCORSO COMUNE630
Obiettivi

Il corso si propone di formare specialisti nel settore della Storia dell’arte moderna in possesso delle competenze metodologiche necessarie per affrontare con padronanza le problematiche relative ai fenomeni artistici del periodo (XV/XVIII secolo) ed in particolare di fornire gli strumenti storico-critici adeguati all'analisi dei manufatti ai fini della ricostruzione del panorama storico-artistico in Sardegna in età moderna alla luce dei rapporti politici, economici e culturali, delle influenze e degli apporti esterni.

Prerequisiti

Per una migliore comprensione del tema e resa all’esame, è necessaria la conoscenza del panorama storico e culturale in cui si sviluppano le manifestazioni artistiche in Sardegna in età moderna (XV-XVIII secolo).

Contenuti

Il corso di lezioni propone l’inquadramento storico della produzione argentaria in Sardegna dal XV al XVIII secolo, la storia delle maestranze e della loro organizzazione di mestiere, l’indagine sugli autori e le più importanti botteghe, il ruolo della committenza, la presentazione delle opere più rappresentative, a destinazione sacra e profana, distinte per epoca, tipologia, procedimenti di lavorazione, caratteristiche stilistiche, originalità e/o derivazione da modelli locali o importati. Ci si avvale dell’analisi tecnica e formale dei manufatti, dell’indagine storica ed archivistica. Le lezioni, alternate alla visita alle principali collezioni museali di Cagliari ed altre località isolane (Cagliari, Iglesias, Ales, Oristano, Sassari), daranno conto dell’avanzamento degli studi e delle ricerche in corso, con particolare attenzione alla tradizione ispanica ed agli influssi dalla Penisola italiana (Genova, Roma, Napoli e Sicilia), alla produzione autoctona ed all’attività di argentieri immigrati in Sardegna.

Metodi Didattici

Lezioni ed esercitazioni. Durante il corso sono previste visite guidate alle principali collezioni museali sarde (Cagliari, Ales, Oristano, Sassari) ed un Seminario di approfondimento sull’oreficeria catalana tra Medioevo ed Età Moderna, a cura del prof. Joan Domenge (Università di Barcellona).

Verifica dell'apprendimento

Per la parte generale, si richiede l’analisi di tre opere d’arte italiana del XV-XVIII secolo (architettura, pittura, scultura) che, attraverso la lettura dei caratteri tecnico-formali, iconografici e di stile, conduca al riconoscimento dell’ambito culturale di produzione. Per la parte monografica, si richiede l’approfondimento di specifici contenuti del corso.
Per l’attribuzione del voto finale si tengono in conto le capacità di analisi delle opere d’arte e della loro contestualizzazione storico-culturale, la correttezza e la completezza dei dati, le modalità di esposizione dei contenuti, gli approfondimenti personali.

Testi

Per la parte generale si consiglia come testo base un manuale a scelta tra i seguenti: G. C. Argan, Storia dell’Arte in Italia, nuova edizione a cura di P. Argan, C. Boer, L. Lazotti, Firenze, Sansoni, 2000; C. Bertelli-G. Briganti-A. Giuliano, Storia dell’Arte Italiana, Electa-Bruno Mondadori; Storia dell’arte, a cura di F. Negri Arnoldi, Milano.
Per il corso monografico: R. Delogu, Mostra dell’antica oreficeria sarda, Cagliari 1937;
Id., Antichi marchi degli argentieri sardi, «Studi Sardi» VII, fasc. I-III, 1947, pp. 3-10;
R. Serra, Argenti sassaresi dal primo Cinquecento al tardo Settecento, in Studi in onore di Giovanni Lilliu per il suo settantesimo compleanno, Cagliari 1985; Id., Antichi argenti arborensi. Inediti e riproposti, «Biblioteca Francescana Sarda» II (1988), pp. 137-170; G. Guarino, La produzione orafa, «Biblioteca Francescana Sarda» VII (1997), pp. 283-311; M. Porcu Gaias, La croce processionale del S. Francesco di Oristano, «Biblioteca Francescana Sarda», Anno XII, 2008, pp. 237-268;
A. Pasolini, Le suppellettili della parrocchiale di Mandas e l’argentiere Luigi Montaldo, in “ArcheoArte”, n. 1, 2010, pp. 215-240; M. Porcu Gaias-A. Pasolini, Argenti di Sardegna. La produzione di argenti lavorati in Sardegna dal Medioevo al primo Ottocento, Morlacchi, Perugia 2016.

Altre Informazioni

Durante le lezioni saranno fornite informazioni bibliografiche e aggiornamenti sulla ricerca.
Giorni – Orario – Luogo di ricevimento studenti
Mercoledì: ore 15-17 (luglio e settembre: h. 9-11)
Cagliari, Cittadella dei Musei, piazza Arsenale 1.

contatti | accessibilità Università degli Studi di Cagliari
C.F.: 80019600925 - P.I.: 00443370929
note legali | privacy