Curriculum

 

L’attività scientifica di A. Deidda si è spesso indirizzata verso autori, temi e opere dell’Inghilterra early modern. Uno dei progetti ha trattato la figura di William Thomas e la sua opera di promozione, della storia e della lingua italiane (Lezione ai potenti, 2002). La “poetica della perdita” sottesa ai Sonetti di Shakespeare ha quindi attratto la sua attenzione (The Metaphor of increase, 2003). Deidda si è poi occupato di Astrophil and Stella, in relazione all’intreccio di motivi mitologici e biografici (“La tela di Cupido”, 2004); esaminando la Prefazione di T. Nashe alla prima edizione (1591) ha inoltre messo in risalto l’impianto drammatico della raccolta (“Lo scrigno violato”, 2006). La traduzione di una scelta di sonetti, ancora da A. and S., ha trovato spazio nella rivista In forma di parole (2004). Deidda ha studiato di recente le broadside ballads. La loro composizione, recita e vendita è stata riconsiderata alla luce della legislazione anti-vagabondaggio (“Unlawfull Concomitants of Stage-playes”, 2008). Nel 2009 Deidda ha ha messo a fuoco le strategie discorsive di natura teatrale emergenti nell’opera epistolare CCXI Sociable Letters di M. Cavendish (“Teatro della mente”, 2012). Nel 2010 Deidda ha contribuito all’organizzazione di un convegno internazionale nel settore Island Studies incentrato su D.H. Lawrence. Di quest’ultimo ha analizzato la produzione poetica, individuandone i nuclei tematici preminenti (Flesh and Flowers. The Poetry of D.H.L., in corso di stampa). Nel biennio 2011-12 Deidda ha contribuito ad un progetto riguardante l’immagine della Sardegna nella cultura europea (“La Sardegna in inglese nella prima età moderna”, 2012). Nel 2011-12 Deidda ha partecipato ad un progetto di ricerca d’ateneo che ha inteso analizzare il ruolo funzionale ed ideologico delle lingue e delle lett. europee e mediterranee nella formazione degli stati nazionali, in riferimento alla Gran Bretagna (“Images of a Nation. Literature and Nationhood in Tudor and Stuart England”, 2012). Recentemente Deidda si è occupato dell’emergere del concetto di “self” nella cultura e letteratura inglese della pima età moderna, in particolare riferimento ai Sonnets di Shakespeare (Quaderni di JEMS, 2018) e inoltre ai rapporti tra Chaucer, Sidney e Boccaccio, con speciale attenzione ad Astrophel and Stella, Troilus and Criseyde e Il Filostrato (articolo in preparazione).

English

Angelo Deidda’s research projects have often focussed on early modern English works and issues. He investigated William Thomas and his promotion of Italian history and language (Lezioni ai potenti, 2002). The Shakespearian “poetics of loss”, identified in the Sonnets, also attracted his critical attention (“The Metaphor of increase”, 2003). Deidda has also examined Astrophil and Stella, reconsidering Sidney’s poetics in relation to the intermingling of mythical reference with biographical details (“La tela di Cupido”, 2004). He also translated a choice of sonnets for in Forma di Parole (2004). Deidda also analysed T. Nashe’s Preface to the first edition of A. and S. (“Lo scrigno violato”, 2006). In the course of a “Prin” project, Deidda then studied the broadside ballads produced in early modern England, discussing the composition, the performance and the selling of broadside ballads in the light of the legislation against vagrancy (“Unlawfull Concomitants of Stage-playes”, 2008). During 2009, Deidda collaborated on a project concerning a vast group of epistolary items of different periods and countries, all dealing with theatrical practices; his contribution (“Teatro della mente”, 2012), focuses on the discursive strategies of theatrical nature present in Margaret Cavendish’s epistolary work (1664). In 2010 Deidda participated in the organisation of an International Conference on Island Studies, promoted by the University of Cagliari and Perugia, during which he presented a paper on D.H. Lawrence’s poems (Flesh and Flowers. The Poetry of D.H. Lawrence, in press). In the course of 2011-12 Deidda collaborated on a project concerning the image of Sardinia in early modern English literature (“La Sardegna in inglese nella prima età moderna”, 2012). During 2010-12 Deidda participated also in a research project concerning “Nation-building” (“Images of a Nation. Literature and Nationhood in Tudor and Stuart England”, 2012). Recently, Deidda’s research activity has explored the early modern concept of self, especially in close relation to Shakespeare’s Sonnets (Quaderni di JEMS, 2018). Deidda has also investigated the cultural and textual interconnection between Chaucer’s Troilus and Criseyde, Sidney’s Astrophel and Stella and Boccaccio’s Il Filostrato (article forthcoming).

 

credits unica.it | accessibilità Università degli Studi di Cagliari
C.F.: 80019600925 - P.I.: 00443370929
note legali | privacy

Nascondi la toolbar