Programmi degli esami – Scienze dell’Amministrazione e dell’Organizzazione

 

SP/0025 - PSICOLOGIA DEI GRUPPI E COMUNICAZIONE

Anno Accademico ​2021/2022

Docente
BARBARA ​BARBIERI (Tit.)
Periodo
Secondo Semestre ​
Modalità d'Erogazione
Convenzionale ​
Lingua Insegnamento
ITALIANO ​



Informazioni aggiuntive

CorsoPercorsoCFUDurata(h)
[2/67] ​ ​SCIENZE DELL'AMMINISTRAZIONE E DELL'ORGANIZZAZIONE [67/10 - Ord. 2019] ​ ​Scienze dell'Amministrazione e dell'Organizzazione636
Obiettivi

Il corso di Psicologia dei gruppi e della comunicazione è finalizzato a:
a) Far conoscere agli studenti e alle studentesse: I. le basilari operazioni cognitive che sostengono e rendono possibile l’agire organizzato; II. I concetti principali dell’approccio culturale per lo studio delle organizzazioni; III. Il gruppo come strumento di lavoro nei contesti di lavoro, alla luce della sua valenza riconosciuta di competenza soft, frequentemente valutata (nei processi di selezione) e promossa (dagli interventi di formazione); IV.la leadership come strumento di visione e supporto al management; V. le tecniche per il governo delle decisioni di gruppo, di mediazione e gestione dei conflitti; VI. Il significato e l’importanza delle emozioni nella vita organizzativa; VII. La comunicazione interpersonale e organizzativa.

b) Insegnare l’utilizzo: I. degli strumenti di gestione dei gruppi di lavoro; II. degli strumenti di analisi delle dinamiche di gruppo; III. degli strumenti di comunicazione organizzativa.

RISULTATI DELL'APPRENDIMENTO ATTESI

Conoscenza e comprensione: Conseguire articolati e approfonditi quadri teorico-concettuali in merito alla relazione individuo – gruppo – organizzazione.
Acquisire la conoscenza dei principali strumenti di gestione dei gruppi di lavoro, del processo comunicazionale, in termini di efficace ed efficienza della comunicazione interpersonale; dei principali strumenti in uso nella gestione della comunicazione organizzativa.
- Capacità di applicare conoscenza e comprensione: ) di riconoscere le dinamiche che contraddistinguono i gruppi di lavoro; 2) di conoscere gli strumenti utili per gestire i gruppi di lavoro; 3) di conoscere il significato del lavorare in gruppo in termini di promozione di apprendimento collettivo e sviluppo organizzativo; 4) di conoscere i principali strumenti di comunicazione in uso nei contesti di lavoro; 5) di conoscere i meccanismi che contraddistinguono la comunicazione interpersonale; 6) di essere in grado di compiere un’analisi critica dei processi mediante i quali si governano i conflitti e si prendono decisioni.
- Autonomia di giudizio: essere in grado di compiere un’analisi critica dei processi organizzativi che coinvolgono le dimensioni personali e psicologiche.
- Abilità comunicative: sostenere il proprio punto di vista nelle discussioni di gruppo; sviluppare un linguaggio adeguato e pertinente agli argomenti oggetto di studio.
- Capacità di apprendimento: spiegare, interpretare, descrivere modelli e tecniche relativi alla gestione dei processi comunicativi e dei gruppi di lavoro.

Prerequisiti

Il corso presuppone la padronanza di conoscenze di base sia della psicologia sociale che della sociologia dell’organizzazione. Coloro i quali ritenessero di non avere tali competenze, potranno consultare i riferimenti bibliografici che saranno indicati all’inizio del corso.

Contenuti

Il corso è finalizzato a introdurre studenti e studentesse alla conoscenza di alcuni temi e problemi dell’esperienza lavorativa su cui la psicologia delle organizzazioni ha posta particolare attenzione, mettendo in luce la dinamica complessa che si gioca a diversi livelli: l’organizzazione e la relazione con l’ambiente esterno; l’intreccio di storie individuali e collettive; l’interazione tra le persone all’interno del piccolo e del grande gruppo (l’organizzazione come insieme di gruppi interdipendenti); la persona e la sua relazione con il significato del lavoro, con il proprio progetto di vita, reso complesso dal proprio incontro/scontro con l’alterità, con la differenza. Sostanzialmente il corso intende socializzare lo studente alle tematiche inerenti questioni collettive (l’organizzazione nella sua dinamica di interdipendenza con altri individui e gruppi), e questioni collettive che si pongono in relazione con quelle individuali, proprie delle persone alla ricerca di appartenenza organizzativa. L’articolazione del corso è modulare e riguarda i seguenti temi: 1. Relazione individuo-organizzazione; 2. Il processo comunicativo (dalla comunicazione umana alla comunicazione organizzativa); 3. L’organizzazione come cultura; 4. Le risorse personali; 5. Dal gruppo al gruppo di lavoro; 6. Il lavoro di gruppo; 7. Potere e leadership; 8. Processi di decision making; 9. La gestione del conflitto; 10. Le emozioni nella vita organizzativa.

Metodi Didattici

Il lavoro didattico prevede lezioni frontale alternate a: esercitazioni e simulazioni condotte in piccolo gruppo; studi di casi, esercizi di progettazione svolti in sottogruppi e discussi in plenaria. (lezioni frontali 60%; esercitazioni 40% delle ore totali del corso).
La didattica verrà erogata prevalentemente in presenza, integrata e “aumentata” con strategie online, allo scopo di garantirne la fruizione in modo innovativo e inclusivo.

Verifica dell'apprendimento

L'accertamento della preparazione dello studente avverrà in forma orale. La prova è volta ad accertare le conoscenze, la capacità di analisi e applicative delle teorie e degli strumenti utilizzati nei diversi processi di vita organizzativa.

La votazione finale è espressa in trentesimi.
Da 18 a 22. Le votazioni comprese tra 18 a 22 rendono conto dellacquisizione elementare o appena sufficiente di conoscenze di base relative ai contenuti e ai metodi. Lo studente ha mostrato modeste capacità analitiche e di sintesi. Lo studente si esprime in maniera non del tutto appropriata e presenta lacune nella formazione e nella chiarezza concettuale.
Da 23 a 26. Le votazioni comprese tra 23 e 26 rendono conto dellacquisizione più che sufficiente delle conoscenze relative ai contenuti e ai metodi. Lo studente ha mostrato sufficienti capacità analitiche e di sintesi. Lo studente si esprime in maniera sufficientemente appropriata e con chiarezza sotto il punto di vista dellespressione concettuale e terminologica.
Da 27 a 30. Le votazioni comprese tra 27 e 30 rendono conto dellacquisizione da buona a ottima delle conoscenze relative ai contenuti e ai metodi. Lo studente ha mostrato buone o ottime capacità analitiche e di sintesi. Lo studente si esprime in maniera appropriata sotto un punto di vista concettuale e terminologico.

Testi

1) Argentero, P., Cortese, C. G. (a cura di) (2018) (seconda edizione). Psicologia delle Organizzazioni. Raffaello Cortina Editore, Milano.
Capitoli: 2, 3, 5, 6, 8, 9, 12, 13, 15

Altre Informazioni

Ricevimento su appuntamento, da concordare via email. Ufficio del docente Via Sant’Ignazio 78 – I piano.

contatti | accessibilità Università degli Studi di Cagliari
C.F.: 80019600925 - P.I.: 00443370929
note legali | privacy