Programmi degli esami – Scienze dell’Amministrazione e dell’Organizzazione

 

2/56/028 - STORIA DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

Anno Accademico ​2020/2021

Docente
SILVIA ​BENUSSI (Tit.)
Periodo
Primo Semestre ​
Modalità d'Erogazione
Convenzionale ​
Lingua Insegnamento
ITALIANO ​



Informazioni aggiuntive

CorsoPercorsoCFUDurata(h)
[2/67] ​ ​SCIENZE DELL'AMMINISTRAZIONE E DELL'ORGANIZZAZIONE [67/10 - Ord. 2019] ​ ​Scienze dell'Amministrazione e dell'Organizzazione636
Obiettivi

Il corso di Storia della Pubblica Amministrazione offre strumenti e competenze teoriche e metodologiche per comprendere e analizzare lo sviluppo istituzionale dello Stato e dei suoi apparati amministrativi in età moderna e contemporanea.

Risultati di apprendimento attesi:
La conoscenza delle radici storiche, della specifica periodizzazione, delle categorie, dei linguaggi e dei concetti basilari relativi alla nascita e all'evoluzione dello Stato moderno e dei suoi apparati
La comprensione della storia dello Stato in età moderna e contemporanea secondo la prospettiva dei mutamenti istituzionali

In sintesi il corso intende sviluppare:
Conoscenza e comprensione: contenuti e terminologia della cultura politica-istituzionale attraverso l'esame della struttura formale e sostanziale delle istituzioni e della loro concreta realizzazione; meccanismi di funzionamento e sviluppo delle istituzioni politico-amministrative; fonti della materia.
Capacità di applicare conoscenza e comprensione: saper mettere in relazione l'evoluzione dell'apparato e dei soggetti istituzionali con gli eventi storici.
Abilità comunicative: acquisire nuove competenze nella produzione scritta e nel public speaking; sviluppare maggiore consapevolezza delle proprie modalità di interazione sociale migliorando la capacità di lavorare in gruppo.

Prerequisiti

Conoscenza della Storia moderna e contemporanea

Contenuti

Il corso verterà sull’analisi dell’evoluzione delle istituzioni proprie dello Stato moderno in generale, e in particolare sul rapporto tra i mutamenti sociali e culturali e il riconoscimento dei diritti umani, da un lato, e la collocazione dell’individuo all’interno dell’assetto statuale come oggetto e soggetto dell’esercizio del potere pubblico.
Argomenti trattati:
• Le istituzioni politiche dell’antico regime
• L’impatto delle rivoluzioni sull’elaborazione costituzionale
• Il modello statuale napoleonico
• Le istituzioni politiche della Restaurazione
• Dal liberalismo alla democrazia (1848-1914)
• Le istituzioni politiche del totalitarismo: Italia, Germania, Unione Sovietica
Le/gli studenti del Cds in Scienze Politiche, che hanno nel piano di studi l'insegnamento di Storia delle Istituzioni Politiche, non possono sostenere l'esame di Storia della Pubblica Amministrazione per i crediti a scelta, data la parziale coincidenza del programma.

Metodi Didattici

Lezioni: 36 ore di lezioni frontali, anche con l'utilizzo del mezzo audiovisivo, e l'apertura della discussione in aula delle tematiche trattate, con l'ausilio di documenti e testi che aiutino le/gli studenti a preparare l'esame.
Seminari: Ulteriori iniziative seminariali saranno definite in seguito.
A causa dell'emergenza Covid-19, per soddisfare esigenze didattiche specifiche connesse alla situazione epidemiologica, è possibile che le lezioni in aula si tengano con turnazione dei presenti.

Verifica dell'apprendimento

La valutazione della/o studente prevede una prova scritta a novembre, gennaio, febbraio, e una prova orale a giugno, luglio e settembre. Nella prova scritta verrà proposta una serie di domande sui contenuti del corso, nella prova orale una o più domande a discrezione della commissione.
Lo/la studente dovrà dimostrare di avere acquisito i contenuti concettuali e il lessico propri dell'ambito politico-istituzionale, tramite l'analisi della costruzione normativa e istituzionale degli apparati dei processi politici, di essere competente nella elaborazione di testi scritti e nella esposizione orale, di avere incrementato la capacità di apprendimento dei fenomeni storici e l'autonomia di giudizio, sviluppando un approccio critico alla dimensione istituzionale, che consenta di valutarne le dinamiche, di avere sviluppato le proprie abilità comunicative nel lavoro in aula attraverso la discussione critica delle problematiche analizzate.
Il punteggio della prova d'esame è attribuito mediante un voto espresso in trentesimi, basato sulla valutazione della prova scritta o orale. La determinazione del voto finale terrà conto della conoscenza della materia, della logica e coerenza espositive e dell'impiego di un lessico adeguato.
Il soddisfacimento della conoscenza di base della materia è condizione necessaria per il raggiungimento di una valutazione pari a 18. I voti superiori verranno attribuiti agli/alle studenti le cui prove soddisfano tutti gli aspetti sopra elencati.
A causa dell'emergenza Covid-19, per soddisfare esigenze didattiche specifiche connesse alla situazione epidemiologica, è possibile che gli esami si tengano con modalità alternative, ad esempio con lavori individuali o di gruppo (tesine), colloqui orali, prove scritte a distanza mediante ausili informatici (moodle, Teams, etc.).

Testi

Essenziale: Marco Meriggi, Leonida Tedoldi (a cura di), Storia delle istituzioni politiche. Dall'antico regime all'era globale, Carocci, Roma, 2014 (solo i capitoli: 1, 3, 4, 5 fino a p. 112, 6, 9).
Ulteriori letture verranno proposte durante il corso.
Inoltre, è fatto obbligo alle/agli studenti di studiare utilizzando le slides.
Le/gli studenti del Cds in Scienze Politiche, che hanno nel piano di studi l'insegnamento di Storia delle Istituzioni Politiche, non possono sostenere l'esame di Storia della Pubblica Amministrazione per i crediti a scelta, data la parziale coincidenza del programma.

Altre Informazioni

Verranno fornite agli/alle studenti le slides relative alle lezioni

credits unica.it | accessibilità Università degli Studi di Cagliari
C.F.: 80019600925 - P.I.: 00443370929
note legali | privacy

Nascondi la toolbar