Ott 302012
 

Le lezioni della settimana 29 Ottobre – 2 Novembre subiranno le seguenti modifiche di orario, come già concordato a lezione:

Mercoledì 31 Ottobre: dalle 17.30 alle 20
Venerdì 2 Novembre: dalle 15.30 alle 17.30

Gli orari di inizio sono quelli effettivi. Si raccomanda la puntualità.

 Scritto da in 30 Ottobre 2012  Senza categoria  Commenti disabilitati su *********AVVISO: LEZIONI DEL 31 OTTOBRE E DEL 2 NOVEMBRE*******
Ott 302012
 

Ancora sui criteri di resistenza. Differenza tra il criterio della Massina Tensione Normale e il Criterio della Massima Energia di Distorsione. Il Criterio di Mohr. Varianti Mohr-Coulomb e Mohr-modificato.

Esercizi di verifica e dimensionamento (dalla struttura ai cerchi di Mohr per il punto più sollecitato, fino al calcolo del coefficiente di sicurezza con opportuno criterio)

Scarica qui le slides sui Criteri di Resistenza

Ott 302012
 

Introduzione alle verifiche di resistenza. L’approccio sperimentale e quello analitico/numerico. Il significato del coefficiente di sicurezza (approccio deterministico e statistico). Fattori che influenzano la scelta del coefficienti di sicurezza: il fattore di concentrazione delle tensioni. Esempi di calcolo del fattore Kt per differenti anomalie geometriche e sollecitazioni. Il coefficiente di collaborazione (solo cenni). I fattori di incertezza su carichi, proprietà del materiale e schematizzazione dei vincoli. Un esempio di incertezza sul carico agente: test sul cammino umano.

Introduzione ai criteri di resistenza. Filosofia dei criteri di resistenza e loro classificazione in base al materiale. Il criterio della massima tensione normale e della massima tensione tangenziale. Il criterio della Massima Energia di Distorsione.

Scarica qui le slides

Ott 302012
 

Concetto di caratterizzazione di un materiale, con particolare riferimento alle sue proprietà meccaniche. Le prove di trazione secondo UNI-EN 10002, geometria dei provini, informazioni ricavabili dal test. I diagrammi sforzi-deformazioni per materiali metallici, polimerici e ceramici. Influenza della temperatura. Il concetto di durezza. Importanza della durezza nelle endoprotesi. Classificazione delle prove di durezza per i materiali metallici. La prova Brinell, Vickers e Rockwell. Analisi comparata.

Scarica qui le slides della lezione

Ott 192012
 

Valutazione della sicurezza biologica dei dispositivi medici. Struttura della norma ISO 10993. Categorizzazione dei dispositivi medici per durata e natura del contatto con il corpo. I test di citotossicità, sensibilizzazione, irritazione. Test in vitro, ex-vivo, in vivo, funzionali e non funzionali. Trials clinici.

Introduzione alla rappresentazione degli stati tensionali mediante i cerchi di Mohr. Le equazioni di trasformazione delle tensioni. Gli stati piani di tensione. Equazioni delle circonferenze di Mohr. Alcuni casi semplici (trazione-compressione, torsione). Esempi applicativi.

Slides Valutazione sicurezza Biologica
Parte 1/2
Parte 2/2
Report di valutazione (esempio) dispostivo “Snore-Off”

Slides Cerchi di Mohr

Ott 162012
 

I materiali per la realizzazione dei dispositivi medici. Materiali sintetici e biologici, differenze e principali proprietà. Panoramica sui materiali metallici, polimerici e ceramici. Comportamento meccanico e applicazioni in campo biomedico. Alcuni tipi di lavorazione per i materiali metallici ( a caldo, a freddo).

Scarica qui le slides della lezione

Parte 1/2
Parte 2/2

Ott 162012
 

Ai link sottostanti sono scaricabili le slides dell’ultima lezione del corso di “Laboratorio di Analisi del Movimento”

Si ricorda che l’esame finale (riservato esclusivamente a coloro che hanno frequentato le lezioni) si terrà il giorno Martedì 23 Ottobre alle ore 9 presso l’Auditorium dei Laboratori di Ingegneria della Cittadella di Monserrato.

Slides Gait Analysis e casi clinici
Progettazione di un laboratorio di Analisi del Movimento

 Scritto da in 16 Ottobre 2012  Senza categoria  Commenti disabilitati su Slides “Laboratorio di Analisi del Movimento” (Lezione 4 – 11 Ottobre 2012)
Ott 092012
 

Generalità sul progetto di dispositivi medici a funzione strutturale. Il concetto di dispositivo medico secondo la norma ISO 10993. Il flusso delle attività progettuali, i vincoli esterni, le specificità della progettazione in ambito biomedico. I concetti di compatibilità (morfologica, funzionale e biologica) e affidabilità. I problemi connessi all’impianto di dispositivi medici nel corpo umano.

Scarica qui le slides della lezione

credits unica.it | accessibilità Università degli Studi di Cagliari
C.F.: 80019600925 - P.I.: 00443370929
note legali | privacy

Nascondi la toolbar