Ott 282011
 

Ancora sui cerchi di Mohr. Esercizi su stati tensionali assegnati e su strutture. I cerchi di Mohr nel caso di recipienti in pressione a piccolo e forte spessore. Esempi applicativi.
La verifica strutturale. Il significato del coefficiente di sicurezza e termini che ne influenzano il valore. Incertezze sui carichi, sui vincoli e sulle proprieta’ del materiale. Il fattore di concentrazione delle tensioni. Esempi applicativi.

Scarica qui i lucidi della lezione.

Ott 282011
 

La trasformazione delle tensioni. Determinazione delle equazioni delle circonferenze di Mohr, con particolare riferimento agli stati piani di tensione. Esempi applicativi

Scarica qui i lucidi

Ott 222011
 

Cenni sulla caratterizzazione meccanica dei materiali. Classificazione delle prove (statiche, a fatica, impulsive, a carico costante). La prova uniassiale di trazione secondo UNI EN 10002. Generalità, geometria del provino, procedura di prova e interpretazione dei risultati. Le prove di durezza. Il significato fisico della durezza, la filosofia delle prove. Prove di durezza Brinell, Vickers e Rockwell. Per tutte: procedura di prova, lettura dei risultati, calcolo della durezza. Relazione tra durezza ed altre proprietà meccaniche

Scarica qui i lucidi sulle prove meccaniche

Generalità sulle equazioni di trasformazione delle tensioni e sui cerchi di Mohr

Ott 222011
 

La valutazione della compatibilità biologica dei dispositivi medici secondo la norma ISO 10993. Struttura e finalità della normativa. Normative generali e specifiche per dispositivi impiantabili attivi e non attivi. Classificazione dei test (in vitro, in vivo, trials clinici).I test di citotossicità, sensibilizzazione, irritazione. Modelli animali e trials clinici. Esempi applicativi (valutazione di un dispositivo medico commerciale)

Esercizi su strutture isostatiche (reazioni vincolari, azioni interne, calcolo sollecitazioni)

Scarica qui i lucidi della lezione

Report di valutazione di un dispositivo commerciale

Ott 142011
 

Cenni sui biomateriali. Evoluzione nella definizione di biomateriale. Biomateriali biologici e sintetici. Classificazione dei biomateriali in base alla natura chimica, agli effetti sul materiale, agli effetti sull’organismo. Biomateriali metallici (acciaio, cobalto, titanio e loro leghe), ceramici, polimerici. Panoramica sulle possibili applicazioni in campo biomedico.

Scarica i lucidi della lezione qui

Ott 082011
 

Definizioni sui dispositivi medici. Peculiarità della progettazione di dispositivi medici in funzione della durata, della posizione e della funzione. Compatibilità morfologica, funzionale e biologica. L’affidabilità. La risposta dell’organismo ai materiali estranei. Reazioni indotte fisicamente e chimicamente, risposta necrotica. Il caso dei dispositivi percutanei:meccanismi di estrusione.

Scarica i lucidi qui

Cenni sulle sollecitazioni di torsione. Alcuni esempi nel caso del corpo umano (le fratture per torsione). Esercizi sul calcolo delle sollecitazioni torsionali per elementi cilindrici.

Scarica qui i lucidi sulla torsione e gli esercizi

Ott 062011
 

Generalità sul corso (programma, modalità d’esame, materiale didattico). Introduzione al progetto di dispositivi medici.
Scarica qui i lucidi della lezione

Ott 062011
 

Le lezioni dell’anno accademico 2011-2012 sono iniziate Mercoledì 5 Ottobre e proseguiranno con il seguente orario:
Mercoledì dalle 11 alle 13
Venerdì dalle 15 alle 18

in aula 2.

credits unica.it | accessibilità Università degli Studi di Cagliari
C.F.: 80019600925 - P.I.: 00443370929
note legali | privacy

Nascondi la toolbar