Regolamento Triennale

 

Il Regolamento Didattico in sintesi

Accesso al Corso di Laurea

Il Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica prevede la programmazione locale degli accessi per 180 posti, come riportato nel Manifesto Generale degli Studi. I criteri per la formazione della graduatoria sono riportati nel relativo Bando di selezione. Per essere ammessi al Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica occorre essere in possesso di un diploma di scuola secondaria superiore o di altro titolo conseguito all’estero riconosciuto idoneo.

è richiesto altresì il possesso o l’acquisizione di un’adeguata preparazione iniziale che verrà accertata mediante una specifica prova di accesso. Le conoscenze richieste sono specificate nell’art. 4 del Regolamento Didattico.

Gli studenti che intendono iscriversi al Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica devono presentare apposita domanda on-line in risposta al relativo bando di selezione sul sito www.unica.it. La selezione sarà fatta sulla base degli esiti di un’apposita prova di accesso, volta ad accertare il livello di preparazione di base. Oltre alla prova di accesso gli studenti devono obbligatoriamente sostenere anche una prova di conoscenza linguistica, senza finalità selettive, volta ad accertare il livello di conoscenza della lingua inglese.

La prova di accesso e di valutazione delle capacità iniziali è organizzata con modalità on-line (Test On Line CISIA, TOLC), e si svolge presso la Facoltà di Ingegneria e Architettura in più sessioni, anche anticipate, a partire dal mese di aprile. Il test potrà essere ripetuto in caso di mancato superamento della soglia prevista entro l’ultima sessione di settembre.

Il TOLC è un test nazionale promosso e gestito dal Consorzio Interuniversitario Sistemi Integrati per l’Accesso (CISIA). Il risultato ottenuto nel TOLC è valido per tutte le sedi aderenti a prescindere da quella in cui è stato effettuato, almeno per l’anno solare in cui è stato sostenuto.

I partecipanti devono iscriversi al test TOLC secondo le modalità presenti sul portale www.cisiaonline.it.

Le modalità di svolgimento delle prove e i punteggi minimi previsti per il superamento della prova sono anche riportati nel Regolamento Didattico.

Maggiori informazioni sono disponibili su: Accesso ai Corsi di Laurea di Ingegneria

 

Percorso formativo

Nel Regolamento Didattico è riportato il percorso formativo, contenente tutte le attività didattiche previste dal Corso di Laurea, i risultati di apprendimento attesi espressi tramite i Descrittori Europei in relazione alle singole attività formative previste, nonché i docenti di riferimento e i docenti tutor.

Lo studente iscritto al Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica si intende iscritto ad anni successivi al primo, per l’anno accademico di riferimento, con il pagamento della prima rata, indicata nel regolamento tasse e contributi, entro il termine di scadenza e nel rispetto delle altre modalità, previste annualmente nel Manifesto Generale degli Studi.

Nel caso di richieste di passaggio e/o trasferimenti, l’iscrizione ad anni successivi al primo può essere concessa quando siano stati riconosciuti un numero di crediti pari a:

– 20 crediti convalidati per accedere al secondo anno del corso di studio, tra cui almeno 5 CFU nel SSD MAT/05 riferibili agli argomenti dell’esame di Analisi Matematica 1;

– 60 crediti convalidati per accedere al terzo anno del corso di studio, tra cui almeno 9 CFU nel SSD MAT/05 riferibili agli argomenti degli esami di Analisi Matematica 1 e Analisi Matematica 2, e e 5 nel SSD FIS/01 riferibili agli argomenti dell’esame di Fisica 1.

 

Per sostenere gli esami di profitto dovranno essere rispettate le seguenti propedeuticità:

 

Non si può sostenere l’esame di: Se non si sono superati gli esami di:
Analisi matematica 2 Analisi matematica 1
Fisica 2 Fisica 1
Tutti gli esami degli insegnamenti del secondo anno Analisi matematica 1;

Geometria e algebra

Fisica 1

Tutti gli esami degli insegnamenti del terzo anno Analisi matematica 2;

Fisica 2

L’impegno complessivo dell’apprendimento svolto in un anno da uno studente a tempo pieno è fissato convenzionalmente in 60 crediti, a ciascuno dei quali corrispondono 25 ore di impegno orario.

La frequenza alle attività formative è di norma obbligatoria. L’accertamento della frequenza avverrà secondo modalità e criteri stabiliti dal Consiglio di Corso di Studio. Potranno essere esonerati dall’obbligo della frequenza ai corsi gli studenti che ne facciano domanda con motivate e documentate ragioni.

Gli esami di profitto consistono in una prova finale di valutazione della preparazione dello studente sul programma ufficiale del corso. Essa può avere forma sia orale, sia scritta, sia mista. La prova d’esame può comprendere la discussione di elaborati, progetti ed esperienze svolti dal candidato sotto la direzione dei docenti e tenere conto, inoltre, di eventuali prove intermedie sostenute dallo studente durante il semestre.

 

Contenuti del Piano di Studio Individuale

Lo studente può presentare un piano di studi individuale, che dovrà essere approvato dal Consiglio di Corso di Studio, nel rispetto dell’ordinamento didattico vigente. Gli studenti hanno comunque l’obbligo di indicare le attività formative autonomamente scelte. A tal fine agli studenti è assicurata la libertà di scelta tra tutti gli insegnamenti attivati nell’Ateneo in corsi di laurea di pari livello (non è possibile sostenere esami dei Corsi di Laurea Magistrale), compresa l’acquisizione di ulteriori crediti formativi nelle discipline di base e caratterizzanti, purché la scelta sia coerente con il progetto formativo. La coerenza della proposta con il progetto formativo è valutata e deliberata dal Consiglio di Corso di Studi. Il Consiglio di Corso di Studio individua una lista di insegnamenti consigliati, il cui inserimento nel Piano di Studio individuale è approvato in automatico.

Lo studente può chiedere il riconoscimento, in termini di crediti, nell’ambito delle attività formative a sua scelta, di esperienze maturate al di fuori dei percorsi curriculari universitari: rientrano fra questi i tirocini, i seminari, le ulteriori conoscenze linguistiche, le attività connesse al programma Erasmus, ecc.. La presentazione dei Piani di studi individuali dovrà avvenire entro il 31 Ottobre, salvo diversa delibera del CCS.

Per essere ammessi all’esame di Laurea gli allievi devono aver sostenuto una prova di conoscenza della lingua Inglese rivolta ad accertare, con riferimento a livelli conoscitivi standard, il possesso delle competenze minime necessarie (livello B1 della classificazione europea) per la consultazione e lo studio di testi tecnici.

I crediti relativi alla prova di lingua inglese potranno essere acquisiti:

  • superando il test della prova di conoscenza linguistica a seguito della prova di accesso,
  • superando il test di piazzamento presso il Centro Linguistico d’Ateneo, il cui calendario è fissato dalla Facoltà,
  • presentando opportuna certificazione che attesti la conoscenza della lingua inglese rilasciata da scuole/enti accreditati.

 

Il Consiglio di Corso di Studi in Ingegneria Meccanica promuove e incoraggia le attività formative volte ad acquisire abilità utili per l’inserimento nel mondo del lavoro e ad agevolare le scelte professionali mediante la conoscenza diretta dei settori lavorativi dell’Ingegneria Meccanica favorendo lo svolgimento di tirocini formativi e stages presso Aziende, Enti e Pubbliche amministrazioni. A tale scopo, su proposta di un docente del Corso di Studi che svolge la funzione di Tutore interno, il Consiglio stipula apposite convenzioni con gli Enti ospitanti nelle quali viene indicato un dipendente dell’Ente che svolga la funzione di Tutore esterno. I corrispondenti crediti sono riconosciuti con delibera del Consiglio di Corso di Studi, sulla base della documentazione presentata.

 

Il Consiglio di Corso di Studi in Ingegneria Meccanica promuove e incoraggia le attività formative all’estero. A tal fine specifiche convenzioni sono stipulate con Università estere sedi di Corsi di Laurea in Ingegneria Meccanica o ad esso affini. Il Consiglio di Corso di Studi riconosce i crediti maturati durante i periodi di studio all’estero previo esame dei programmi degli insegnamenti sostenuti all’estero e della loro coerenza con gli obiettivi formativi del Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica.

 

Secondo quanto previsto dall’articolo 5, comma 7 D.M. 270/04, possono essere riconosciuti dal Consiglio di Corso di Studi crediti formativi derivanti da conoscenze e abilità professionali certificate individualmente ai sensi della normativa vigente in materia, nonché altre conoscenze e abilità maturate in attività formative di livello post-secondario alla cui progettazione e realizzazione l’Università abbia concorso. Il numero massimo di crediti formativi universitari riconoscibili è pari a 12.

 

Per essere ammessi all’esame di Laurea occorre aver superato, con esito positivo, gli esami degli insegnamenti e completato le altre attività formative previste nel piano degli studi, con le modalità stabilite dal presente regolamento, comprese quelle relative alla preparazione della prova finale, conseguendo i relativi crediti. La prova finale consiste in una discussione avente lo scopo di accertare la preparazione di base e professionale del candidato. La prova può consistere nella discussione di uno o più elaborati o essere associata allo svolgimento di un periodo di tirocinio. Il relatore di tesi sarà un docente del Corso di Laurea scelto dallo studente.

 

Regolamenti Didattici

 

credits unica.it | accessibilità Università degli Studi di Cagliari
C.F.: 80019600925 - P.I.: 00443370929
note legali | privacy

Nascondi la toolbar