Curriculum

 

Professore Associato per il SSD L-LIN/21 (Slavistica) presso la Facoltà di Studi Umanistici dell’Università degli Studi di Cagliari (afferisce al Dipartimento di Filologia, Letteratura e Linguistica). È membro dell’AIS (Associazione Italiana degli Slavisti) e dell’AISU (Associazione Italiana di Studi Ucraini), oltre che critico cinematografico professionista, membro del Cinit-Cineforum Italiano e del SNCCI (Sindacato Nazionale Critici Cinematografici Italiani). Ha fatto parte della Commissione di selezione della “Settimana Internazionale della Critica” alla Mostra del cinema di Venezia (2016-2018) ed è consulente per la selezione del Trieste Film Festival.

Si è laureato nel 1999 in Lingue e Letterature Straniere presso l’Università degli Studi di Pisa (votazione: 110 e lode), con una tesi dal titolo: Le avventure linguistiche del buon soldato Švejk nel contesto ceco-tedesco, conseguendo poi nel 2005 il Dottorato di ricerca in Slavistica presso l’Università “La Sapienza” di Roma (XV ciclo), con la tesi Gli anni Sessanta in Cecoslovacchia e la riscoperta di Karel Teige e delle avanguardie del periodo fra le due guerre mondiali.

Ha lavorato come docente a contratto e assegnista di ricerca nelle Università di Pisa, Firenze, Roma, Padova e Venezia, oltre ad avere tenuto corsi e lezioni in sedi universitarie di Praga e di Mosca. Ha lavorato e lavora come programmatore, selezionatore ed interprete linguistico in vari festival cinematografici (Mostra del cinema di Venezia, Trieste Film Festival, Festival dei Popoli fra gli altri). Ha svolto una occasionale attività di traduttore da russo, ceco e inglese, e di insegnante di materie audiovisive.

In precedenza si è concentrato maggiormente sulla lingua e letteratura ceca in un ampio contesto continentale (rapporti fra avanguardie ceche ed europee, movimenti di autodeterminazione nazionale, piattaforme di difesa dei diritti politici e civili, opposizione ai regimi totalitari), affiancandovi lo studio della produzione cinematografica dei paesi slavi in ottica culturologica e politica, per poi dedicare la propria ricerca all’emigrazione russa post-1917 e ai rapporti fra cultura e totalitarismi nella più ampia area slava. Negli ultimi anni si interessa più specificamente dello spazio culturale post-sovietico, in particolar modo di Russia e Ucraina e delle reciproche faglie di contiguità e contrasto, ampliando necessariamente i propri interessi a studi storici, linguistici e di scienze politiche.

Ha pubblicato saggi riguardanti tutti i propri temi di ricerca e ha partecipato a numerosi convegni internazionali (alcuni da lui co-curati), fra i quali “Il ’68 cecoslovacco: Primavera di Praga, risveglio europeo. Conferenza per il 40° anniversario della Primavera di Praga”, “1989-2009. A vent’anni dalla Rivoluzione di Velluto. La Cecoslovacchia e gli altri paesi Europei”, “Caleidoscopio Mitteleuropeo – filosofia e impegno civile in Charta 77”, “L’unità d’Italia. Un intreccio di storie tra Tevere e  Moldava?”, “Settimana russa a Macerata”, “Lo spazio della memoria. I generi autobiografici nella cultura russa e il contesto europeo”, “Violazioni – letteratura, cultura e società in Russia dal crollo dell’Urss ai nostri giorni”, “Strategie di sopravvivenza in Russia dopo il 1917”.

Durante il 2018 si occuperà in modo prevalente delle strategie e delle pratiche di attualizzazione, rappresentazione e valutazione di alcuni importanti anniversari storici, relativi ai paesi dell’area europea centro-orientale.

credits unica.it | accessibilità Università degli Studi di Cagliari
C.F.: 80019600925 - P.I.: 00443370929
note legali | privacy

Nascondi la toolbar