Insegnamenti e programmi

 

1899 - LABORATORIO DI PREPARAZIONE ESTRATTIVA E SINTETICA DEI FARMACI

Anno Accademico ​2019/2020

Docente
LAURA ​CASU (Tit.)
Periodo
Primo Semestre​
Modalità d'Erogazione
Convenzionale​
Lingua Insegnamento




Informazioni aggiuntive

CorsoPercorsoCFUDurata(h)
[50/21] ​ ​CHIMICA E TECNOLOGIA FARMACEUTICHE [21/00 - Ord. 2014] ​ ​PERCORSO COMUNE9108
Obiettivi

Lo studio delle metodiche utilizzate per l’estrazione da fonti naturali e la sintesi di farmaci fornisce competenze teoriche e pratiche fondamentali per acquisire capacità applicative nella estrazione e sintesi di farmaci.
Capacità di seguire autonomamente un protocollo operativo scegliendo le condizioni appropriate e valutando le limitazioni e i risultati sperimentali. Esercizi guidati individuali e di gruppo, capacità di lavorare in gruppo in laboratorio.

Prerequisiti

Lo studente deve aver superato gli esami di Chimica organica 1 e 2 e di chimica fisica.
Lo studente deve avere ottime conoscenze della chimica organica; deve conoscere la chimica fisica e possedere competenze nella delucidazione strutturale di molecole incognite.

Contenuti

Norme di sicurezza; vetreria di laboratorio; pulizia della vetreria; misuratori di volume; misuratori di peso; solventi.
Preparazione del materiale vegetale: raccolta; essiccazione; frantumazione; triturazione; polverizzazione; stabilizzazione; sterilizzazione; conservazione; Distillazione semplice;
Distillazione: generalità; soluzioni ideali; miscele azeotropiche; Distillazione frazionata; Distillazione in corrente di vapore. Ricerca bibliografica.
Scelta e Raccolta in campo delle droghe.
Oli essenziali: generalità; terpeni; applicazioni degli oli essenziali; metodi di ottenimento; Clevenger
Carta d’identità di un olio essenziale: indice di rifrazione; odore; Polarimetria: generalità; polarimetro; potere rotatorio specifico; Punto di ebollizione.
Estrazione: caratteristiche generali; solventi; scelta del metodo di estrazione; percolazione; macerazione;
Estrazione in Soxhlet; estrattore di Freedrich; estrattore di Newmann; Percolazione.
Concentrazione estratti con Distillatore rotante; caratterizzazione estratti in TLC.
Preparazioni galeniche: metodiche; polveri; idroliti (infusi, decotti, tisane); tinture; sciroppi medicati; elisir; alcolaturi; macerati glicerinati; estratti (molli, fluidi, secchi), succhi.
Cromatografia: principi generali; fasi stazionarie e mobili; crom. di adsorbimento; crom. di ripartizione; crom. di esclusione; crom. con resine scambiatrici; crom. su colonna a pressione atmosferica e a pressione media; TLC; TLC preparativa; cromatografia su carta.
TLC; cromatografia su colonna.
protocolli di Isolamento di metaboliti secondari.
HPLC: caratteristiche generali; pompe aspiranti-prementi; iniettori; colonne (caratteristiche generali, c. analitiche e preparative); rivelatori (spettrofotometrico, a fluorescenza, a indice di rifrazione).
Gas Cromatografia: caratteristiche generali; gas di trasporto; sistema di introduzione del campione; colonne (capillari, impaccate); forno; rivelatori differenziali (a cattura di elettroni, a ionizzazione di fiamma, termoconduttivi); rivelatori integrali; analisi qualitativa e quantitativa; cenni di GC/MS.
Spettroscopia UV, IR e visibile: radiazioni elettromagnetiche; legge di Lambert-Beer; spettrofotometro UV/Vis (sorgenti, monocromatori, filtri, prismi, rivelatori), spettrofotometro IR; spettrofotometro UV. Retta di calibrazione con calcolo delle assorbanze di standard a diverse concentrazioni.
Polimeri lineari e reticolati; saponi; candele; uso essenze e coloranti naturali
Risonanza magnetica nucleare: studio di spettri e della strumenazione.
Sintesi organiche di vario genere: acetilazione, esterificazione, saponificazione.....
Caratterizzazione strutturale dei prodotti ottenuti.

Metodi Didattici

Il corso consta di una parte teorica affiancata sempre dalla parte sperimentale.

Verifica dell'apprendimento

Durante il corso verranno prese le firme di frequenza.
Gli studenti terranno singolarmente un quaderno di lavoro dove scriveranno l''esperienza fatta il giorno.
la verifica verrà fatta sulle relazioni giornaliere e su una prova orale.

Giudizio finale
Il voto finale tiene conto di vari fattori:
Qualità delle conoscenze, abilità, competenze possedute e/o manifestate:
a) appropriatezza, correttezza e congruenza delle conoscenze
b) appropriatezza, correttezza e congruenza delle abilità
c) appropriatezza, correttezza e congruenza delle competenze
Modalità espositiva:
a) Capacità espressiva;
b) Utilizzo appropriato del linguaggio specifico della disciplina;
c) Capacità logiche e consequenzialità nel raccordo dei contenuti;
e) Capacità di collegare differenti argomenti trovando i punti comuni e istituire un disegno generale coerente, ossia curando struttura, organizzazione e connessioni logiche del discorso espositivo;
f) Capacità di sintesi anche mediante l’uso del simbolismo proprio della materia e l’espressione grafica di nozioni e concetti, sotto forma per esempio di formule, schemi, equazioni.
Qualità relazionali:
Disponibilità allo scambio e all’interazione con il docente durante il colloquio.
Qualità personali:
a) spirito critico;
b) capacità di autovalutazione.

Di conseguenza, il giudizio può essere:
a) Sufficiente (da 18 a 20/30)
Il candidato dimostra poche nozioni acquisite, livello superficiale, molte lacune. capacità espressive modeste, ma comunque sufficienti a sostenere un dialogo coerente; capacità logiche e consequenzialità nel raccordo degli argomenti di livello elementare; scarsa capacità di sintesi e capacità di espressione grafica piuttosto stentata; scarsa interazione con il docente durate il colloquio.
b) Discreto (da 21 a 23)
Il candidato dimostra discreta acquisizione di nozioni, ma scarso approfondimento, poche lacune; capacità espressive piú che sufficienti a sostenere un dialogo coerente; accettabile padronanza del linguaggio scientifico; capacità logiche e consequenzialità nel raccordo degli argomenti di moderata complessità; più che sufficiente capacità di sintesi e capacità di espressione grafica accettabile.
c) Buono (da 24 a 26)
Il candidato dimostra un bagaglio di nozioni piuttosto ampio, moderato approfondimento, con piccole lacune; soddisfacenti capacità espressive e significativa padronanza del linguaggio scientifico; capacità dialogica e spirito critico ben rilevabili; buona capacità di sintesi e capacità di espressione grafica piú che accettabile.
d) Ottimo (da 27 a 29)
Il candidato dimostra un bagaglio di nozioni molto esteso, ben approfondito, con lacune marginali; notevoli capacità espressive ed elevata padronanza del linguaggio scientifico; notevole capacità dialogica, buona competenza e rilevante attitudine alla sintesi logica; elevate capacità di sintesi e di espressione grafica.
e) Eccellente (30)
Il candidato dimostra un bagaglio di nozioni molto esteso e approfondito, eventuali lacune irrilevanti; elevate capacità espressive ed elevata padronanza del linguaggio scientifico; ottima capacità dialogica, spiccata attitudine a effettuare collegamenti tra argomenti diversi; ottima capacità di sintesi e grande dimestichezza con l’espressione grafica.
La lode si attribuisce a candidati nettamente sopra la media, e i cui eventuali limiti nozionistici, espressivi, concettuali, logici risultino nel complesso del tutto irrilevanti.

Testi

Manuale dell''erborista. Ivano Morelli et al. Tecniche nuove

identificazione spettrometrica di composti organici. R. Silverstein. Casa editrice Ambrosiana


la chimica in laboratorio. M. D''Ischia. Piccin


il laboratorio di chimica organica Donald L. Pavia et al. Edizioni Sorbona

Altre Informazioni

Gli studenti avranno a disposizione i lucidi delle lezioni, i libri di testo e il diario delle esperienze.

credits unica.it | accessibilità Università degli Studi di Cagliari
C.F.: 80019600925 - P.I.: 00443370929
note legali | privacy

Nascondi la toolbar