Insegnamenti e programmi

 

EC/0019 - ECONOMIA DELLO SVILUPPO REGIONALE

Anno Accademico 2018/2019

STEFANO USAI (Tit.)
Secondo Semestre 
Convenzionale 
ITALIANO 



Informazioni aggiuntive

CorsoPercorsoCFUDurata(h)
[11/77]  ECONOMIA E FINANZA [77/00 - Ord. 2014]  PERCORSO COMUNE636
Obiettivi

Lo scopo principale del corso è quello di introdurre lo studente ai principali modelli di riferimento in tema di sviluppo economico a livello regionale con un approfondimento del tema in ambito europeo (cattedra Jean Monnet).
Il corso ha l’obiettivo di fornire una conoscenza sia intermedia che avanzata di un quadro teorico omogeneo e coerente che costituisce punto di riferimento della trattazione di tutti i principali temi dell’economia della crescita. L’uso continuo di esempi storici e di approfondimenti tematici permettono di valutare la rilevanza dei problemi discussi e delle analisi proposte. Alla fine del corso, gli studenti saranno in grado di comprendere e analizzare le dinamiche a livello di regioni e paesi nell’ambito dei diversi scenari economici. Inoltre lo studente sarà in grado di valutare, sia dal punto di vista teorico che empirico il ruolo dei mercati e dello stato nella determinazione delle dinamiche economiche.
Il corso permetterà agli studenti di studiare due differenti temi specifici in economia, così come presentati nella letteratura teorica e empirica. Lo scopo è quello di analizzare con gli studenti la capacità degli strumenti economici di spiegare i cosiddetti fatti stilizzati, e di capire il ruolo delle principali determinanti della crescita.
I temi trattati in classe saranno analizzati tramite l’utilizzo di dati reali e appropriati strumenti statistici per l’analisi dei dati stessi e gli studenti saranno chiamati a completare alcuni esercizi sulle banche dati da individuare in rete nei principali siti di informazioni statistiche a livello europeo. In questo modo non solo svilupperanno specifiche abilità nell’uso dei dati e dei principali indicatori statistici ma saranno anche in grado di sviluppare autonomia di giudizio e spirito critico nel commento delle evidenze empiriche.
L’utilizzo di casi reali, le spiegazioni teoriche e l’attività di discussione in aula permetteranno agli studenti di migliorare le loro capacità di apprendimento e di esposizione, che saranno utilizzate nella loro futura carriera professionale.

Prerequisiti

Lo studente deve conoscere i principi base della microeconomia e macroeconomia e alcune nozioni di base di matematica

Contenuti

L’economia delle sviluppo regionale mette insieme due ambiti analitici: le teorie dello sviluppo o della crescita e la teoria della localizzazione.
La teoria della localizzazione (che studia la distribuzione delle attività nello spazio): ha un approccio microeconomico e statico, che considera agglomerazione e accessibilità, uno spazio fisico-metrico, con dotazione fattoriale data.
La teoria della crescita (e dello sviluppo, che studia la crescita economica e del reddito): ha un approccio macroeconomico e dinamico, che considera i processi di produzione come il risultato della combinazione di fattori produzione, quali il il lavoro, il capitale fisico e il capitale umano.
Verranno presentati i principali paradigmi teorici privilegiando una lettura "interna" e macroeconomica dei problemi del sottosviluppo e della mancata crescita di regioni e paesi. Si affronteranno in primo luogo i temi della definizione e della misura dello sviluppo economico e dei divari tra paesi. In secondo luogo verranno presentati i caratteri essenziali delle principali teorie della crescita: si parte dalla teoria di Harrod-Domar e il modello neoclassico di Solow per arrivare alle nuove teorie della crescita endogena che tengono conto del ruolo del progresso tecnologico. Nella seconda parte del corso si approfondirà il tema del ruolo della geografia nella determinazione dei livelli di ricchezza delle diverse regioni del mondo e nel guidare i rispettivi processi di dinamica economica. La geografia infatti agisce sul funzionamento di un sistema economico quale fonte di potenziali vantaggi o svantaggi. La prossimità spaziale riduce i costi di produzione, grazie ai potenti effetti di sinergia che genera, legando strettamente decisioni allocative e processi di sviluppo.

Metodi Didattici

Lezioni frontali in aula.
Discussione di casi studio
Interventi tematici di alcuni esperti e relativa discussione in aula

Verifica dell'apprendimento

La valutazione dell'apprendimento si basa su un esame scritto della durata di due ore.

Le domande d’esame saranno formulate in modo da poter valutare se lo studente ha acquisito le conoscenze principali dei modelli teorici e dei metodi di analisi empirica, se è in grado di utilizzarli criticamente

Nel rispondere alle domande d’esame lo studente sarà quindi chiamato a:
- presentare e discutere contenuti di tipo teorico
- dimostrare di saper commentare in modo rigoroso, logico e consequenziale indicatori statistici e tabelle comparative.

Per superare l'esame, riportare quindi un voto non inferiore a 18/30, lo studente deve dimostrare di aver acquisito una conoscenza sufficiente degli argomenti presentati nel corso
Il voto di 30/30, con eventuale lode, sarà assegnato se nelle prove d’esame lo studente dimostra di aver acquisito un’eccellente padronanza degli argomenti del corso, sia sotto l’aspetto teorico che applicato, ed essere in grado di rispondere ai quesiti d’esame utilizzando un linguaggio rigoroso.

Agli studenti frequentanti verra' proposto di preparare un breve report (4 pagine max) su una regione su un tema a scelta che potrà fara parte della valutazione con un peso del 50% (in questo caso il numero di domande dell'esame scritto sara' ridotto)
La valutazione terrà conto della capacità di proporre una struttura ordinata e completa, la chiarezza espositiva, l'uso dei dati e degli indicatori, l'interpretazione basata sulle teorie studiate.

Testi

Crescita Economica, David Weil, Hoepli editore

Economia Regionale, Roberta Capello, Il Mulino (ed 2015)

European Commission (2009) Sesta relazione sulla coesione economica, sociale e territoriale; Brussels;

credits unica.it | accessibilità Università degli Studi di Cagliari
C.F.: 80019600925 - P.I.: 00443370929
note legali | privacy

Nascondi la toolbar