Lug 172012
 

È possibile contribuire fino al 19 agosto 2012 alla consultazione pubblica sul documento “Raccomandazioni alla pubblica amministrazione per la definizione e sviluppo di un modello tecnologico di riferimento per le Smart City”, elaborato dal Gruppo di Lavoro Smart City di DigitPA. Quello delle Smart Cities è un paradigma adottato in un numero crescente di contesti per affrontare i problemi tipici delle aree urbanizzate; è stato recentemente incluso in Italia nella strategia per un’Agenda Digitale.

DigitPA ha costituito a questo proposito un gruppo di lavoro con l’obiettivo di analizzare lo stato dell’arte, i modelli di servizi e competenze, le necessità di regolazione e normativa e i rischi legati al paradigma Smart City, con particolare attenzione ai requisiti della Pubblica Amministrazione.

Partecipano al Gruppo di Lavoro rappresentanti nominati dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca Scientifica, del CNR, dell’ Arma dei Carabinieri, dell’Autorità Garante per la Protezione dei Dati Personali, della RAI e operatori privati. Il gruppo di lavoro ha prodotto un documento che è già stato condiviso con le pubbliche amministrazioni ed ora viene sottoposto a una consultazione pubblica alla quale si può liberamente partecipare.

I commenti allo schema di documento devono essere inviati via e-mail all’indirizzo smartcity@digitpa.gov.it entro il 19 agosto 2012.

Lo schema di documento in pdf

La notizia sul sito di DigitPA

Mag 172012
 

Si è conclusa la valutazione dei progetti presentati nell’ambito dell’avviso “Smart Cities and Communities e Social Innovation”, finanziato con fondi PON Ricerca e competitività 2007-2013: tutti i progetti presentati da Unica sono stati approvati.

Il titolo del primo progetto è “Clean MooN – Sviluppo di un sistema di management del flusso turistico e dei servizi al diporto internazionale, ad alto valore aggiunto e basso impatto ambientale, integrato in una smart community espressa dalla città portuale e dal suo territorio”; è stato presentato da Alessandra Carucci, professore di Ingegneria sanitaria-ambientale, e sviluppato insieme con CNR, IMET spa, Sardinia Yacht Services e Teleco.

Cagliari 2020” è il titolo del progetto coordinato da Daniele Giusto, professore di Telecomunicazioni, e sviluppato con con CRS4, Istituto Nazionale Fisica Nucleare, Space spa e Vitrociset spa. Infine, “M2M – Ricerca applicata a reti di comunicazione M2M e modem integrati innovativi dedicati a servizi avanzati per le Smart Cities” è il progetto presentato da Luigi Atzori, ricercatore di Telecomunicazioni, insieme con CNR, Consorzio Mosaico e Telit Communications spa.

Il bando “Smart Cities and Communities” ha una dotazione totale di 200 milioni di euro.

Informazioni:
La pagina web relativa al bando
Elenco completo dei progetti selezionati

Gen 122012
 

C’è tempo fino al 10 febbraio 2012 per partecipare ad Apps4Italy, concorso aperto a cittadini, associazioni, comunità di sviluppatori e aziende dell’Unione europea che premia le soluzioni più utili e interessanti basate sull’utilizzo di dati pubblici.

Molti dei dati che vengono prodotti in Italia quotidianamente sono di pubblico dominio, e dunque possono essere utilizzati in applicazioni utili alla collettività. Apps4Italy intende fornire esempi concreti delle infinite potenzialità che si aprono per pubbliche amministrazioni, cittadini e imprese in merito allo sfruttamento del patrimonio informativo pubblico.

Le proposte possono essere inviate in forma di idee, progetti, applicazioni o visualizzazioni, anche se creati o divulgati prima della partecipazione al concorso. Tutte le proposte devono essere accessibili e scaricabili da internet gratuitamente per tutta la durata del concorso e per ulteriori sei mesi.

Otterranno delle premialità le proposte che presenteranno una o più di queste caratteristiche:
– progetti che utilizzano dati aperti provenienti da pubbliche amministrazioni italiane o da privati;
– progetti che attivano collaborazioni tra individui, gruppi e istituzioni di diverse regioni italiane o che si possano riutilizzare in più contesti;
– proposte che affrontano problemi che interessano tutto il territorio nazionale;
– proposte che utilizzano software free/open source e licenze aperte.
Si incoraggiano in particolare a partecipare le pubbliche amministrazioni italiane e gli organismi pubblici nazionali.

Attualmente il montepremi è di 40 mila euro, dei quali 30 mila offerti dal Ministero per la pubblica amministrazione e l’innovazione. Sono previsti anche premi in tecnologia e servizi, come: accesso a infrastrutture, software, piattaforme, incubatori, programmi di sviluppo.

Apps4Italy è un concorso coordinato dal Comitato Apps for Italy in collaborazione con Formez e Forum PA.

Informazioni:
info@apps4italy.org
www.appsforitaly.org
Twitter hashtag: #a4i e #apps4italy

credits unica.it | accessibilità Università degli Studi di Cagliari
C.F.: 80019600925 - P.I.: 00443370929
note legali | privacy

Nascondi la toolbar